AMG One: dettagli sulla costruzione della hypercar

La produzione dell'hypercar AMG One è iniziata presso lo stabilimento Mercedes di Formula 1 nel Regno Unito.

L’AMG One di Mercedes non è stata un’impresa da poco in termini di sviluppo. Adattare un motore di Formula 1 alla strada è un vero e proprio rompicapo per gli ingegneri, che devono rispettare standard molto più severi rispetto alla pista.

Per questo motivo, la potenza e la velocità massima del V6 1.6 sono state ridotte per adattarsi a un’auto di serie. Ma la tiratura è ridotta: saranno prodotti 275 esemplari, e non uno di più.

Naturalmente, con un tale pedigree, la AMG One è riservata a un’élite di persone che hanno dovuto pazientare perché la produzione è iniziata solo ora a Coventry, nel Regno Unito.

AMG One: assemblata in Inghilterra e rifinita in Germania

L’AMG One è prodotta nel Regno Unito. Il motore è assemblato interamente a mano a Brixworth presso la Mercedes HPP (High Power Performance). Viene quindi inviata a Coventry al partner Multimatic, che si occupa della carrozzeria. L’hypercar tedesca coinvolge 16 diverse stazioni di assemblaggio, con 50 tecnici concentrati su una vettura alla volta. A differenza della produzione di massa, qui si presta molta attenzione all’affidabilità.

AMG One produzione

Mercedes premonta separatamente alcune parti della AMG One per verificare che tutto sia correttamente al suo posto, prima di smontarle e rimontarle direttamente nella vettura. Poi un collaudatore guida l’auto per alcuni chilometri per verificare che tutto funzioni correttamente. Una volta terminata, la vettura viene inviata alla AMG di Affalterbach, in Germania. Un trasportatore speciale si occupa del trasporto, sotto tela. Lì, i team della divisione sportiva di Mercedes preparano gli ultimi dettagli e accolgono il cliente per una breve sessione di training sul “prodotto”.

Avranno speso 2,27 milioni di euro per acquistare una delle poche auto di Formula 1 con targa. Insomma, una produzione decisamente complicata.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media