Batterie Stellantis alimentate dal litio: tutti i dettagli

La fattibilità del progetto, tuttavia, è incerta.

Le batterie Stellantis alimentate dal litio sono tra le novità più discusse degli ultimi giorni. Anche se l’auto elettrica è effettivamente quasi neutra in termini di emissioni alla guida, non è un’auto neutra per l’ambiente. Per alimentarla, c’è bisogno di energia elettrica che non è sempre pulita.

Per costruirla, invece, c’è bisogno di grandi quantità di energia e anche di grandi quantità di acqua per estrarre e raffinare il litio. Quest’ultimo è attualmente un monopolio dell’Asia, del Sud America e, in una certa misura, dell’Australia.

Tuttavia, l’Europa potrebbe ridurre la sua dipendenza grazie a un progetto della società Vulcan Energy, che intende produrre il primo litio “Zero Carbon” al mondo. I 300-700 kg di CO2 emessi oggi durante la produzione di una batteria potrebbero così essere ampiamente risparmiati.

Tra l’altro, il prossimo anno entrerà in vigore una nuova scala di penalità inerente il CO2.

Batterie Stellantis alimentate dal litio: energia geotermica

Questo è ciò che Vulcan Energy, una giovane società tedesco-australiana specializzata nel trattamento del litio, propone sulla carta. Si dice che ci siano enormi riserve nella valle del Reno, nel sud della Germania. Tuttavia, l’accesso e la lavorazione del litio sono ancora ostacolati dall’alto livello di emissioni di carbonio.

Vulcan Energy intende aggirare questo problema utilizzando l’energia geotermica, che permetterebbe di avere il primo “Zero Carbon Lithium”, un termine frequentemente usato da Vulcan Energy.

Questo processo innovativo estrae il litio dalle salamoie geotermiche. Consiste in colonne di estrazione riempite con un materiale di adsorbimento che cattura solo il litio nella salamoia. L’obiettivo del progetto è di estrarre il litio dalle acque sotterranee prima di reiniettarlo sfruttando la risorsa geotermica.

Sulla carta è relativamente semplice: il litio viene estratto dalla salamoia, mentre l’energia geotermica viene utilizzata di passaggio per far funzionare gli impianti in un circuito chiuso.

Batterie Stellantis alimentate dal litio dettagli

Tuttavia, sono stati espressi molti dubbi sulla fattibilità del progetto, sia da un punto di vista industriale e finanziario, sia sui presunti benefici ambientali del metodo “zero carbonio”. Un investitore ha annunciato che Vulcan Energy fosse un “dio di promesse vuote”, e che il prezzo delle azioni (moltiplicato per 7 dagli accordi con Renault, tra gli altri) era in definitiva senza valore.

Quindi, a chi credere? Vulcan Energy si difende spiegando che i venditori allo scoperto volevano minare la reputazione del progetto per trarre profitto dalla caduta del prezzo delle azioni. Nel frattempo, tra le certezze è presente la nuova rete di ricarica Atlante.

Renault e Stellantis, già grandi clienti

Quest’anno, Renault e Stellantis hanno firmato ordini di acquisto quinquennali per diverse decine di migliaia di tonnellate di litio “zero-carbonio” a Vulcan Energy. Verrà infatti inaugurato molto presto il suo primo impianto pilota lungo il Reno. Questo è sufficiente per produrre quasi un milione di veicoli elettrici!

Le consegne non inizieranno fino al 2026, e sono soggette “al successo dell’inizio delle operazioni commerciali presso l’impianto di Vulcan e alla piena qualificazione del prodotto”, secondo l’accordo. Se Vulcan Energy mantiene la sua promessa di litio a basso contenuto di carbonio e relativamente conveniente, l’Europa avrà trovato una buona via di approvvigionamento…

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuova Kia Sportage: i prezzi rispetto ai concorrenti

BMW XM: il futuro modello 100% Motorsport

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media