Nuova scala di penalità per il CO2 basata sul peso

Ecco cosa cambierà dal 2022.

Il nuovo anno significa generalmente una maggiore tassazione, ed è infatti previsto un aumento di penalità per il CO2. Con l’avvicinarsi del 2022, è il momento di fare il punto su ciò che vi aspetta l’anno prossimo. Nel menu dal 1° gennaio dell’anno prossimo, la soglia per far scattare la penalità di CO2 sarà abbassata a 128 g/km di CO2, l’importo massimo sarà portato a 40.000 euro, ma soprattutto si noterà l’attuazione della penalità basata sul peso.

Facciamo il punto della situazione per voi. Tra l’altro, la nuovissima Mégane elettrica sembra essere un’ottima alleata in campo.

La grande novità del 2022: la penalità per il CO2 basata sul peso

La Convenzione dei Cittadini per il Clima voleva originariamente che la sanzione basata sul peso scattasse a partire da 1.400 kg. Tuttavia, il peso di attivazione è stato fissato a 1.800 kg nella legge finanziaria 2021 adottata alla fine dello scorso anno.

Il testo prevede che i veicoli che pesano più di 1.800 kg dovranno pagare una tassa “il cui importo è uguale al prodotto tra un tasso unitario fissato a dieci euro per chilogrammo e la frazione della loro massa che supera la soglia di 1.800 kg“. In parole povere, una sanzione di 10 euro per chilogrammo sarà applicata a qualsiasi veicolo di peso superiore a 1,8 tonnellate. Esempio: aggiungere 2.000 euro al conto se l’auto pesa 2.000 kg.

Come per il malus, il malus legato al peso viene pagato solo una volta, quando si acquista una nuova auto. I veicoli di seconda mano non sono interessati da questo nuovo sistema.

Eccezioni

Va notato che:

  • Un’indennità di 400 kg è prevista per le aziende o le persone giuridiche che acquistano un nuovo veicolo a otto o nove posti.
  • Un’indennità di 200 kg per bambino è anche prevista per le famiglie numerose che acquistano un veicolo con almeno cinque posti.

Ci sono anche delle esenzioni:

  • Per i veicoli accessibili con sedia a rotelle.
  • I titolari di una carta di mobilità per l’inclusione.
  • Per l’acquisto di un modello elettrico, idrogeno o ibrido ricaricabile (con un’autonomia superiore a 50 km).
penalità per il CO2 2022

Altre informazioni

Per il momento, non si prevede che l’aumento del malus, che dovrebbe essere distribuito su tre anni, sarà rivisto nel PLF 2022. Tuttavia ci possono essere cambiamenti dell’ultimo minuto, e gli importi possono ancora cambiare. Il testo originale prevede che l’importo massimo sia aumentato a 40.000 euro dal 1° gennaio 2022, e addirittura a 50.000 euro il 1° gennaio 2023, rispetto ai 30.000 euro attuali. La soglia di attivazione dovrebbe essere abbassata a 128 g/km di CO2, e solo 123 g/km dal 2023, rispetto ai 133 g/km fino alla fine del 2021.

Infine, è importante notare che l’importo cumulativo della penalità di peso e della penalità di CO2 non può superare il limite di 40.000 euro nel 2022 e 50.000 euro nel 2023. In altre parole, l’importo del malus per un veicolo che emette 224 g/km di CO2 e pesa più di 1.800 kg dal 1° gennaio 2022 sarà di 40.000 euro. L’acquirente non dovrà pagare una sanzione aggiuntiva per il peso, poiché ha già raggiunto il limite di 40.000 euro. Questo è sempre un bonus.

Ad ogni modo, Rolls Royce ha rivelato una nuova auto elettrica a zero emissioni. Ciò potrebbe contribuire positivamente alla penalità.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Range Rover Velar 2022: interni e data di uscita

Toyota Aygo X 2022: prezzo, interni e dimensioni

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media