I dieci migliori hatchback ibridi del 2021

La nostra classifica con le auto più interessanti.

Questa classifica cerca di considerare i migliori hatchback ibridi in modo tradizionale. Ovvero, hanno un motore a benzina di piccola cilindrata che è integrato da un motore elettrico e una piccola batteria. Di conseguenza, può funzionare solo per distanze molto brevi.

Gli ibridi plug-in con le loro batterie più grandi e maggiori gamme elettriche non sono inclusi, e nemmeno l’ultima generazione dei cosiddetti mild-hybrid con i loro generatori di avviamento integrati.

Detto questo, siamo un po’ flessibili su ciò che riteniamo essere un’utilitaria in questa lista. Le auto in classifica hanno diverse forme e dimensioni. Tuttavia, hanno due importanti cose in comune: nessuna è dotata di una presa di corrente, e tutte hanno il potenziale per offrire risparmi di carburante impressionanti.

Toyota Corolla

Avendo speso più di due decenni per introdurre il mondo al powertrain ibrido, Toyota è ora a buon punto nel normalizzarlo, e non c’è un’auto in vendita che lo faccia meglio dell’attuale Corolla hatchback.

Introdotta per sostituire la vecchia Auris nel 2019, la Corolla è un game-changer per Toyota in quello che rimane uno dei segmenti di mercato più importanti di tutti. Combina una sana dose di stile visivo con una tangibile qualità percepita dell’abitacolo.

È inoltre basato su una nuova piattaforma di modello globale, ed è stato sviluppato dinamicamente per una guida distintiva e una gestione sofisticata.

Nella sua forma ibrida 2.0 litri di gamma, si comporta persino con un po’ di sportività. Generalmente la risposta di accelerazione è decisamente migliore, e il relativo livello di prestazione totale è molto più assicurato.

Il fatto che la Corolla sia anche uno degli autoproclamati ibridi “autocaricanti” di Toyota piacerà alle persone che preferiscono una vita automobilistica semplice.

Merita quindi il primo posto tra i migliori hatchback ibridi di questo 2021.

Toyota Yaris

È passato molto tempo da quando abbiamo avuto una Yaris così simpatica e ben realizzata come questo nuovo modello di quarta generazione. Non solo è più bella che mai, ma è anche più dolce da guidare. Potrebbe non essere così coinvolgente come alcuni dei suoi rivali supermini convenzionali, ma è comunque la prova che optare per un ibrido non significa rinunciare al dinamismo.

Lamentele? Ebbene, potrebbe essere un po’ più pratica e il suo motore da 1,5 litri può essere un po’ carente nelle accelerazioni forti. Nonostante ciò, è un’auto splendidamente realizzata e piacevole da guidare.

Renault Clio E-Tech

Le supermini ibride sono molto rare e, per un lungo periodo, la Toyota Yaris e la Honda Jazz sono state le uniche in circolazione. Ora, però, Renault si è unita alla festa con una versione ibrida della sua eccellente piccola Clio. Si chiama Clio E-Tech, ed è alimentata da un complesso powertrain che combina un motore a benzina da 1,6 litri con due motori elettrici più piccoli e una piccola batteria da 1,2 kWh. Per quanto sia complicato il suo funzionamento, però, è incredibilmente facile da usare nel mondo reale. Si destreggia con le sue due fonti di energia per la maggior parte del tempo, ed è molto più incisiva rispetto alla Yaris e alla Jazz.

Migliore di tutti, mantiene l’eccellente equilibrio di guida e di maneggevolezza della Clio normale, e ha un aspetto elegante e seducente come ci si aspetta da una piccola supermini francese. Non ci facciamo scrupoli a raccomandarne una.

Toyota Prius

Il nonno degli ibridi benzina-elettrici perfeziona ulteriormente la formula che Toyota ha sviluppato nel 1997. L’ultima versione di quarta generazione è costruita su una nuova piattaforma e il suo motore a benzina da 1,8 litri modificato ha migliorato l’efficienza e le prestazioni.

Nel complesso, la Prius è ancora più utilizzabile di prima e veramente funzionale. È più reattiva da guidare, l’interno garantisce un meraviglioso comfort ed è perfetta per l’uso quotidiano. La versione PHEV è ben degna di considerazione.

Toyota C-HR

Se volete la prova della competenza di Toyota nel campo dei powertrain ibridi, considerate il fatto che quattro delle auto nella metà superiore di questa lista sono fatte dalla casa giapponese. Il C-HR è stato aggiornato nel 2019, con modifiche alle sospensioni e l’introduzione di un più grande powertrain ibrido da 2.0 litri collegato a quello della Corolla e del RAV4.

Naturalmente, la sua usabilità non ha sofferto nel processo. In città, è ancora un crossover adeguatamente lucido e raffinato, con un buon comfort di guida e una praticità abbastanza decente. Certo, la sua linea del tetto spiovente sacrifica un po’ lo spazio posteriore per la testa, ma è comunque tra i migiori hatchback ibridi da considerare.

Honda Jazz

L’ultima Jazz potrebbe essere piccola di statura, ma il suo design ingegnoso la rende una delle supermini più pratiche e flessibili là fuori. Non solo offrirà il tipo di spazio interno che molti crossover più grandi farebbero fatica a raccogliere, ma il suo eccezionale powertrain ibrido da 1,5 litri fornirà anche guadagni in termini di efficienza del carburante. Quando l’abbiamo sottoposta al test completo, è riuscita a raggiungere una media di 60 mpg su 500 miglia di guida. È difficile non essere impressionati da numeri del genere.

Non è l’ibrido più interessante da guidare o da guardare, ma è comunque confortevole e ben realizzato. Rientra sicuramente tra gli hatchback ibridi da tenere in considerazione.

Lexus UX

Inutile dire che l’UX non è abbastanza spazioso o accessibile come un tipico SUV compatto, ma contrattacca con abbondanza di qualità. La tecnologia di infotainment di Lexus e i suoi regimi di controllo sono meno intuitivi da usare rispetto ad alcuni, ma l’auto è davvero funzionale una volta che ci si abitua al suo meccanismo.

L’ibrido offre una miscela abbastanza efficace di efficienza, guidabilità e raffinatezza.

Hyundai Ioniq HEV

La Hyundai Ioniq è stata la prima auto a essere offerta in tre diversi stati elettrificati: ibrido, ibrido plug-in e completamente elettrico. L’ibrido accoppia un motore a benzina da 1,6 litri con un motore elettrico più piccolo per 139bhp e 195lb ft. Tuttavia, mentre la stragrande maggioranza degli ibridi si basa su una qualche forma di trasmissione eCVT, la Ioniq ha un set-up a doppia frizione a sei velocità.

Anche se è impressionantemente funzionale, il motore a benzina della Hyundai può essere un po’ rumoroso a volte. Eppure si guida abbastanza bene, con una maneggevolezza seducente ma ordinata e una guida adeguatamente confortevole. Anche la praticità è abbastanza buona, ma l’abitacolo sembra troppo plasticoso in alcuni punti. Ci sono certamente hatchback ibridi che sono più facili da entusiasmare, ma la Ioniq è comunque un esempio competente e capace della razza. Ed è anche incredibilmente conveniente.

Kia Niro

Proprio come la Hyundai Ioniq, il SUV Kia Niro è disponibile in forma ibrida, ibrida plug-in e completamente elettrica. Sia l’ibrido che il PHEV accoppiano un motore a benzina da 1.6 litri con un motore elettrico da 43bhp per un picco di 139bhp e 191lb ft di coppia. Entrambi sono a trazione anteriore, usando un cambio automatico a doppia frizione a sei velocità.

L’unica differenza significativa che l’ibrido plug-in offre, oltre a una presa attraverso la quale caricarlo, è una batteria più grande (8.9kWh contro 1.6kWh). Essendo un SUV crossover, la Niro offre una buona praticità e convenienza rispetto a una normale hatchback a cinque porte. Tuttavia, la sua guidabilità e maneggevolezza non sono così raffinate come quelle di altri ibridi che abbiamo testato.

La e-Niro completamente elettrica, al contrario, è una delle più convincenti e coinvolgenti auto elettriche familiari a prezzi accessibili sul mercato. Quindi, se state considerando una Niro, la full EV è quella che vi consigliamo.

hatchback ibridi kia

Subaru XV eBoxer

Il sistema eBoxer è attualmente disponibile sia in questa XV che nel più grande SUV Forester. In entrambe le auto, il sistema eBoxer aggiunge solo una limitata corsa elettrica e una coppia a basso regime nel mix dell’esperienza di guida. È una bella sfida essere abbastanza delicati con il pedale dell’acceleratore dell’auto per mantenere il motore a combustione spento alle basse velocità.

La XV era un hatchback crossover insolito e non convenzionale prima che arrivasse il suo powertrain ibrido. Chiunque sperasse che ciò la rendesse più adatta all’automobilismo quotidiano rimarrà deluso. Tuttavia, se avete davvero bisogno di una dose di robustezza e di vera capacità off-road nella vostra utilitaria a benzina-elettrica, la XV potrebbe essere stata fatta per voi.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le dieci migliori auto executive ibride plug-in del 2021

Le auto ibride migliori sul mercato: i modelli consigliati

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media