Ferrari, Sainz: “Sto cercando di copiare da Leclerc”

I due piloti Ferrari, Sainz e Leclerc, hanno fatto il massimo nella stagione 2021, ma è difficile restare al passo della Mercedes e Red Bull.

Continua il mondiale di Formula 1. La competizione regina sta giungendo alla fine, con una lotta serrata tra Hamilton e Verstappen. Un duello incredibile tra i due, con i molti fan che hanno fatto ricerca per sapere di più sulla storia della formula 1 e se prima d’ora c’era stata una sfida così emozionate.

Una stagione ancora non come ci si aspettava, invece, per la Ferrari. I due piloti Sainz e Leclerc hanno fatto il massimo, ma è difficile restare al passo della Mercedes e Red Bull, ma comunque si continua a lavorare per essere competitivi nella prossima stagione. Proprio Carlos Sainz in un’intervista a Sky Germany ha ammesso senza giri di parole di copiare il compagno di scuderia Charles Leclerc, soprattutto come stile di guida. “Charles naturalmente sa abbastanza bene come guidare questa macchina, dopo essere stato in Ferrari per tre anni, ed è vero che sto cercando di copiare un po’ del suo stile di guida. Voglio semplicemente assorbire tutto quello che lui sa sulla macchina“.

Sainz è stato tra i piloti più continui quest’anno, ed è andato a punti 12 volte su 14 Gran Premi, ma non è ancora soddisfatto: “A volte ho fatto quasi tutto bene, ma non è mai stato tutto perfetto in un weekend. Ma la cosa buona è che, anche così, sta andando bene”.

Il figlio d’arte, a margine di una conferenza stampa organizzata dallo sponsor Estrella Galicia, è poi tornato a ribadire il grande lavoro della Ferrari per il Mondiale 2022: “Stiamo lavorando da gennaio alla macchina 2022, il simulatore è al 90% dedicato alla macchina del prossimo anno e per il 10% alla preparazione dei Gran Premi di quest’anno. In fabbrica si parla della prossima macchina. Dobbiamo accertarci di non lasciare nulla di intentato e assicurarci l’opportunità di essere in lotta per vincere”.

Il 2022 sarà un reset, un cambiamento così grande che rappresenterà un inizio da zero per tutti. Quel che voglio è essere preparato al meglio”, dice Carlos. “Dobbiamo assicurarci di non lasciare nulla al caso e darci l’opportunità di lottare per vincere. Tutti vedono nel 2022 un’opportunità unica per raggiungere i team più forti che sono Mercedes e Red Bull”.

I rumors, da agosto, indicano l’appuntamento di Istanbul per il debutto degli aggiornamenti alla parte elettrica della power unit, MGU-H e non solo. Tempi “lunghi” dettati dall’essere lo sviluppo un passaggio, di fatto, verso soluzioni che ritroveremo anche sull’unità 2022, in funzione della quale si è lavorato a Maranello per aggiornare componenti nella specifica di omologazione 2021.

“Non sono certo che il motore arriverà in Turchia. Avrete delle notizie nelle prossime settimane, lo comunicheremo a tempo debito”, le parole di Sainz, riportate da soymotor.

Su due gare ha particolari aspettative personali, piste amate sulle quali sperare in un gran risultato. Ambizioni da misurare con le prestazioni della SF21: “Credo che il meglio debba ancora arrivare e stiamo lavorando perché ci sia una grande gioia quest’anno. Mi piacerebbe ci fossero delle sorprese, poter lottare per merito per un podio, come a Monaco o Silverstone. Vedremo, dei circuiti in arrivo nessuno rappresenta una chiara opportunità; sono stato sempre veloce a Austin e in Messico”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La prima auto elettrica di Xiaomi uscirà nel 2024

Valentino Rossi a Misano: “E’ stato commovente. Grazie di tutto”

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media