Genesis G90: una nuova generazione per la classe S coreana

Una berlina tanto classica quanto singolare.

Genesis, il marchio più giovane del gruppo Hyundai, è più dinamico che mai. Dopo la station wagon G70, il SUV-coupé a zero emissioni GV60 e il SUV 100% elettrico GV70, il marchio coreano presenterà il suo ultimo modello nel 2021.

Stiamo parlando della seconda generazione della sua grande berlina G90. Si tratta di un modello importante perché è proprio con questo concorrente di Audi A8, BMW Serie 7 e Mercedes Classe S che tutto è iniziato nel 2015 per il produttore asiatico.

Genesis G90: ciò che sappiamo finora

Per le informazioni tecniche su questo modello, dovremo aspettare. Per il momento, Genesis ha condiviso solo alcune foto che ci permettono di scoprire le linee della sua nuova ammiraglia da tutte le angolazioni.

Anche se le sue dimensioni non sono note, sembra abbastanza snella e dovrebbe essere ugualmente grande quanto quella che sostituisce, con una lunghezza di 5,21 m. È un po’ più lunga della più piccola Classe S.

Tuttavia, una variante più lunga di 19 cm sarà disponibile al lancio, quindi dovrebbe essere vicina a 5,40 m, che è più di una Bentley Flying Spur. Ebbene, come avrete capito la G90 non è particolarmente adatta ai nostri paesi.

Ecco perché non dovrebbe essere disponibile nel Vecchio Continente. Tuttavia, il comunicato stampa di Genesis specifica che “non ci sono piani per il momento per venderlo in Europa”. Per il momento…

Questo perché il marchio coreano ha appena iniziato ad affermarsi in Europa, per il momento solo in Germania, Regno Unito e Svizzera. Se i primi risultati sono positivi, potrebbe arrivare su altri mercati, compresa l’Italia. Qualunque sia il destino di questa berlina, è ancora l’ultimo modello Genesis, e quindi una fonte importante da cui gli altri modelli più piccoli dovrebbero trarre ispirazione, sia in termini di tecnologia che di design.

Genesis G90 nuova generazione

Non solo una copia di Audi, BMW e Mercedes

Passiamo al look. Questa berlina a tre volumi è molto classica ma non anonima, con una linea ben lavorata. Proprio come la sua griglia a forma di diamante o il suo paraurti, i suoi fari anteriori composti da due bande sottili disposte in parallelo sono ormai un classico della Genesis. Questo espediente si trova anche nella parte posteriore, ma non su questo G90. Le luci posteriori a forma di parallelepipedo sono collegate da una sottile banda nera, che si trova anche appena sotto l’intera larghezza del veicolo. Questo dettaglio è nuovo e perfeziona il design.

Il profilo è abbastanza fluido con le sue forme levigate, i suoi pochi bordi e le sue maniglie delle porte a filo. Possiede un cofano corto, un passo molto lungo e uno sbalzo posteriore anch’esso molto lungo. Resta da vedere come sarà l’interno, quale tecnologia sarà utilizzata e quali motori saranno montati sotto il cofano.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

BMW XM: il futuro modello 100% Motorsport

Toyota Corolla: nuovo sistema multimediale e prezzo più alto

Leggi anche
Contents.media