Il GPL ha ancora un futuro in Dacia!

Oggi in Europa più di un modello Dacia su quattro funziona a GPL. Un grande successo che non accenna a fermarsi.

Dacia e il GPL è una storia che va avanti dal 2009, quando il costruttore rumeno ha adottato questo carburante, notoriamente poco costoso. Se all’inizio l’offerta era relativamente limitata, da allora è cresciuta in modo significativo. È semplice, Spring a parte, ora tutti possono letteralmente guidare con un filo di gas, anche il Jogger lanciato di recente.

E hanno successo, ad esempio in Turchia, Polonia e, soprattutto, in Italia. In Francia, i risultati sono meno spettacolari, ma comunque molto buoni e sono aumentati in modo significativo negli ultimi due anni.

Dacia e GPL: una gamma più ampia in futuro

Senza dire molto di più, Lionel Jaillet, direttore delle prestazioni del prodotto, ha tenuto a sottolineare che la gamma sarà ulteriormente ampliata in futuro. In parole povere, se oggi c’è solo una combinazione di GPL per modello, le cose cambieranno.

Potremmo aspettarci di vedere, ad esempio, auto Dacia che combinano GPL e cambio automatico. Questa è una buona notizia per le molte persone allergiche ai cambi meccanici!

Ma non è tutto: Dacia è intenzionata a continuare l’avventura e vede oltre il 2025. Sì, dovrebbero esserci ancora modelli a GPL quando verrà applicata la norma Euro 7, dato che la compatibilità sembra esserci per il momento. “Ci sono ancora alcune incertezze, ma siamo piuttosto fiduciosi”, afferma Lionel Jaillet.

Questo dovrebbe in parte dissipare i timori dei clienti fedeli e dei numerosi potenziali clienti.

E che dire delle altre energie in tutto questo?

Ma concentrandoci sul GPL, alla fine di questa tavola rotonda ci chiediamo: e le altre energie? La questione dell’E85 è stata risolta abbastanza rapidamente. Dacia non vede l’utilità di sviluppare questa tecnologia. Oggi questo carburante ha successo solo in Francia e in Svezia. Il GPL ha il vantaggio di essere più ampiamente disponibile in tutta Europa.

In altre parole, per un marchio che fa dei bassi costi di sviluppo il suo credo, la soluzione Flexifuel non è necessaria.

Dacia GPL auto

E ora l’elettrificazione. Ad oggi, solo la Spring si sta evolvendo in questo campo. E non sembra che un altro modello seguirà a breve perché corrisponde a un’esigenza molto specifica, l’uso elettrico urbano. Dacia non punta a una versatilità estrema. Bene, perché ne avremmo dubitato viste le sue prestazioni piuttosto deludenti. Dal prossimo anno, il costruttore rumeno inizierà finalmente a utilizzare le ibride e sarà il Jogger a dare il via alla tendenza di Dacia. Una tecnologia che dovrebbe essere generalizzata come priorità sui veicoli del segmento C dove, sottolinea Lionel Jaillet, “i clienti sono più esigenti”.

Ad esempio, si aspettano una maggiore potenza (il Jogger ibrido dovrebbe avere circa 140-145 CV), un cambio automatico e così via. Caratteristiche che non corrispondono alle varianti GPL, almeno per il momento. Insomma, una pluralità di soluzioni quando la casa madre che presta il nome al Gruppo Renault punta al 100% elettrico nel 2030. Una soluzione troppo costosa per i clienti. Al prezzo di una Spring primo prezzo (bonus incluso), si può avere una Sandero top di gamma, altrimenti versatile. Dovremo aspettare che le auto elettriche diventino più popolari in Renault e che i prezzi scendano prima che Dacia sia in grado di utilizzare la tecnologia a pieno regime. Insomma, è facile capire perché Dacia si sia affidata al GPL…

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Audi A3 40 TFSI e: i numeri di una compatta plug-in super-ibrida

Benzina, ibrida o ibrida plug-in: i dettagli della futura Mitsubishi ASX!

Leggi anche
Contents.media