Jeep Grand Cherokee (2022): gamma SUV completa

Riccamente equipaggiata ma costosa, la gamma della nuova Jeep Grand Cherokee si sta ampliando con l'introduzione di livelli di allestimento.

È passato un po’ di tempo tra la presentazione della nuova generazione della Jeep Grand Cherokee e la sua introduzione sul nostro territorio. Per la precisione, c’è voluto quasi un anno prima che il costruttore americano presentasse la versione europea. Quando è stata presentata nel gennaio 2021, era nella versione lunga “L” adattata al continente nordamericano.

Nel Vecchio Continente, il SUV top di gamma sarà offerto solo in versione “corta” a 5 posti. E diciamo “corta” tra virgolette perché stiamo già parlando di una bella creatura di 4,91 m di lunghezza (poco più di 5 m per la Grand Cherokee L).

Ordinabile da febbraio di quest’anno attraverso un’elegante e costosa edizione di lancio, la quinta generazione dell’ammiraglia Jeep è ora (leggermente) più accessibile.

La gamma regolare è ora disponibile nel catalogo. Prezzo di partenza: 81.600 euro.

Jeep Grand Cherokee: un solo motore in programma

Non c’è scelta di motori, dovrete optare per l’esclusiva versione ibrida ricaricabile che eroga 380 CV di potenza cumulativa. Ovviamente, non c’è bisogno di aspettarsi alcun bonus di CO2. In effetti, non soddisfa nessuno dei criteri che consentono di beneficiarne. Il prezzo supera di gran lunga i 50.000 euro, le emissioni di CO2 sono superiori a 50 g in tutti i casi e può percorrere più di 50 km in modalità a emissioni zero solo in città.

Ebbene, non si compra una Grand Cherokee per risparmiare.

Jeep Grand Cherokee 2022

Una pletora di attrezzature fin dall’inizio

In totale, è possibile scegliere tra quattro diversi modelli. La Limited entry level non è una vera e propria scelta.

Pelle, cerchi da 20″, telecamera di retromarcia, cruise control adattivo, schermo touch screen da 10,1″, portellone posteriore elettrico, accesso senza chiavi, sedili anteriori e posteriori o volante riscaldati. Se si opta per la Overland, si ottengono pelle nappa, sedili anteriori ventilati, tetto apribile panoramico e un sistema audio più avanzato. La livrea Trailhawk si concentra sul fuoristrada duro con sospensioni adattive, varie piastre di protezione e un sistema di trazione integrale con differenziale posteriore a slittamento limitato elettronico.

Infine, il top di gamma Summit Reserve è ancora più confortevole e attraente, con cerchi da 21″, rivestimenti ancora più eleganti con sedili anteriori massaggianti, volante in pelle e legno, climatizzatore a quattro zone, visione notturna e schermo touch screen da 10,25″ davanti al passeggero. Il prezzo è ovviamente correlato. Con 97.000 euro, costa ancora 4.500 euro in più rispetto alla costosa edizione limitata di lancio. Per poco più di 98.000 euro, è possibile ottenere una Porsche Cayenne Plug-in Hybrid con 462 CV e un nome più prestigioso.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media