La Uniti One non sarà più prodotta: ecco perché

L'ultima speranza è che un'altra azienda prenda in mano il progetto...

Lanciato nel 2015, il progetto della piccola city car elettrica a 3 posti Uniti One è andato avanti fino al 2020, con la messa a punto dello stile, la realizzazione dei primi prototipi, la scelta del sito di assemblaggio… Tuttavia, la pandemia ha seriamente complicato le cose, soprattutto in termini di finanziamento.

Lo scorso dicembre, Uniti ha lanciato un appello di aiuto. Secondo i dirigenti, erano necessari 500.000 euro per salvare l’azienda e continuare l’attività. È stato impossibile raccogliere questi fondi in tempo e la start-up svedese si è dichiarata insolvente pochi giorni fa.

Uniti One: un progetto alla deriva

Sulla carta, il progetto era attraente, con una piccola e compatta city car che era moderna, leggera, efficiente e conveniente.

Tuttavia, le idee si sono rapidamente scontrate con le realtà tecniche e finanziarie. Entro il 2019, la promessa iniziale di 300 km di autonomia, 120 kW con 2 motori e tutto per 15.000 euro era sparita. Lo Uniti One standard è stato poi annunciato a più di 17.500 euro per 150 km di autonomia e un solo motore da 50 kW. Questo ha fatto sembrare la proposta molto meno attraente.

uniti one uscita

Quindi questo è tutto per Uniti. Ma il progetto non è ancora completamente morto e la squadra non è completamente sconfitta. È infatti aperto alle offerte per lo sviluppo nel suo stato attuale. L’ultima speranza è che un’altra azienda prenda in mano il progetto e possa dare vita a questa city car che avrebbe potuto attrarre molte persone.

Certo, ovviamente apportando alcune modifiche per quanto riguarda il rapporto qualità prezzo, l’autonomia e il motore.

Leggi anche:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media