L’Audi RS6 compie 20 anni: ecco uno sguardo indietro

Dal 2002 ci sono state quattro generazioni di Audi RS6, ogni volta con un propulsore biturbo a trazione integrale.

L’Audi RS6 compie ben 20 anni e fare un tuffo nel passato è doveroso. Negli anni ’80, BMW e Mercedes si impegnarono in una “corsa agli armamenti”, aumentando la cilindrata delle loro vetture per offrire sia sport che comfort. La prima attraverso il suo reparto Motorsport, la seconda in collaborazione con AMG, che era ancora indipendente.

Audi, che non era ancora considerata un’azienda premium ma che stava raddoppiando i suoi sforzi per salire di livello, ha iniziato a stuzzicare questi due colossi nel 1994 con la RS2 station wagon da 315 CV.

Nel 2000, si trattava della RS4 con 380 CV. Queste due vetture attirarono l’attenzione dei potenziali clienti e motivarono il produttore a passare al segmento superiore. Nel 2002, 20 anni fa, Audi sviluppò una versione della A6 ancora più muscolosa della S6, che fu logicamente chiamata RS6.

Il suo sviluppo e la sua produzione furono affidati a Quattro, una divisione che oggi si chiama Audi Sport.

L’Audi RS6: le quattro generazioni

Un V8 da 4,2 litri

Per alimentare la RS6, Audi ha utilizzato il V8 da 4,2 litri che forniva alla S6 340 CV e 420 Nm. Ma ha aggiunto due turbocompressori e ha affidato all’azienda britannica Cosworth il compito di sfruttarli al meglio.

Il risultato: 450 CV e 560 Nm inviati al sistema di trazione integrale Quattro tramite un cambio automatico a cinque rapporti, sufficienti per accelerare da 0 a 100 km/h in 4,7 secondi e raggiungere una velocità massima di 250 km/h. Il frontale dell’auto ha dovuto essere allungato di quattro centimetri per poter ospitare questo propulsore. Nella lista degli optional era incluso un sistema di smorzamento adattivo completamente meccanico chiamato DRC (Dynamic Ride Control).

Una wagon con motore V10

Per la seconda generazione di RS6, lanciata nel 2008, Audi ha utilizzato la stessa formula ma ha spinto ulteriormente tutti i cursori. Oltre ai due turbocompressori, altri due cilindri hanno trovato posto sotto il cofano. Infatti, è stato installato un V10 biturbo da 5,0 litri che eroga 580 CV e 650 Nm alle quattro ruote tramite un cambio automatico a sei rapporti. “Non conosco nessun vano motore meglio riempito di quello della RS 6 C6”, ha detto ridendo anche Stephan Reil, responsabile dello sviluppo della vettura. L’auto ha raggiunto i 100 km/h in soli 4,5 secondi.

Audi RS6 generazioni

Quando la RS6 diventa quasi razionale

Nel 2013, la terza Audi RS6 è diventata visivamente più aggressiva senza essere esuberante. Questo aspetto atletico nascondeva un regime secco, in quanto era “solo” alimentata da un V8 4L biturbo da 560 CV. La tenuta, l’unico modello offerto, pesava 120 kg in meno rispetto alla generazione precedente. Il motore a otto cilindri, abbinato a un cambio automatico a otto rapporti, offriva una coppia di 700 Nm, sufficiente a spingere la vettura a 100 km/h in soli 3,9 secondi. Le sospensioni pneumatiche sono state aggiunte alla dotazione di serie e il gancio di traino alla lista degli optional.

Quando la tenuta diventa una supercar

La quarta e attuale Audi RS6 Avant è stata messa in vendita nel 2019, con un motore V8 biturbo da 4,0 litri leggermente ibridato sotto il cofano che invia 600 CV e 800 Nm a tutte e quattro le ruote tramite un cambio automatico a otto rapporti. Il tempo limite da 0 a 100 km/h è di 3,6 secondi. E questa volta non si tratta di passare inosservati. Con il suo frontale ripreso in parte dalla RS7 Sportback, i suoi bordi sporgenti, le sue prese d’aria e la sua carrozzeria, la vettura non lascia dubbi sulla sua natura sportiva.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com