Le dieci auto spazzatura dall’uscita anticipata

Le peggiori auto poco longeve che abbiamo visto in questi anni.

Alcune cose sono semplicemente destinate a un mezzo ciclo: ecco dieci auto spazzatura, così impopolari che la scure è caduta molto prima del previsto.

Le dieci auto spazzatura

Panther Rio (1975-1977)

La Panther pensò che facendo pagare tre volte il prezzo si sarebbe ottenuta una plausibile rivale della Rolls-Royce.

Dopo aver ingannato uno sbalorditivo numero di 35 acquirenti – come dire, ogni acquirente doveva essere sbalorditivamente ubriaco – l’esperimento Rio si concluse.

Suzuki X-90 (1995-1997)

Nel 1995 non c’era mercato per un crossover SUV-coupé a due porte. Finché qualcuno alla Red Bull si rese conto che il ponte posteriore di questa quasi inutile biposto era la base perfetta per un cilindro gigante. Eretto con un angolo di 45 gradi.

Anche così, nessuno ne comprò una. Fortunatamente le cose sono migliorate, e tra le auto più accessibili prevale la Suzuki Swift Hybrid, un agglomerato di praticità e comfort.

Vauxhall Sintra (1997-1999)

Stai facendo il tuo primo MPV, quindi ecco cosa devi fare: lo fai economico, affidabile e sicuro. A meno che tu non sia Vauxhall, in quel caso si tratta di una Chevrolet ri-marchiata con un V6.

Una carrozzeria progettata per andare in piena Angel of the North in pochi mesi, e un volante che Euro NCAP ha trovato essere un rompicollo. Un vero disastro.

Ford Cougar (1998-2002)

‘Nuova Capri! Nuova Capri!’ Questo era fondamentalmente il modo in cui la Ford cercava di far sembrare interessante la Cougar del 1998. Purtroppo, nonostante un aspetto semidecente, la coupé basata sulla Mondeo era la Cougar meno eccitante che qualcuno avesse mai preso in mano.

Per molti versi è anche peggio della Probe, il suo predecessore basato sulla MX-6.

Toyota Yaris Verso (2000-2004)

Hanno preso un’auto progettata per i giovani e hanno cercato di trasformarla in qualcos’altro. In un certo senso ha funzionato, ma nello stesso modo in cui si monta una seggiovia su uno scivolo d’acqua: non è più divertente, ma almeno gli anziani possono essere coinvolti. L’appeal di nicchia e l’aspetto horror l’hanno uccisa. Discorso diverso per la Toyota Yaris Hybrid del 2020, un prodotto riuscito decisamente meglio sotto molti punti di vista.

Chrysler PT Cruiser-Cabriolet (2005-2008)

Solo otto anni fa la Chrysler stava ancora cercando di vendere questa sciocchezza, un po’ come quando i medici usavano ancora le sanguisughe per curare la depressione. Attraente solo per gli appassionati di vasche da bagno freestanding, era difficile da guidare, poco pratica ed epicamente condannata.

Renault Koleos (2008-2010)

Immaginate di essere bloccati nel simulatore di Star Tours a Disneyworld, ma con un grande buco tagliato nella parte anteriore della scatola dove dovrebbe esserci lo schermo. Questo è fondamentalmente ciò che è successo con la Renault Koleos originale. Più che altro la scatola sembra un ippopotamo con ritenzione idrica. Accidenti!

dieci auto spazzatura

Chevrolet Epica (2008-2010)

Chevrolet ha lanciato questa enorme berlina economica a 6 cilindri, costruita in Corea. Le caratteristiche includevano sedili in pelle pre-crociati e riscaldati a 105degC, un orologio LCD impostato sulle 88:88 e un deodorante spray al formaggio. La spina a due poli è stata staccata dopo vendite prevedibilmente schifose.

Renault Wind (2010-2012)

Ci sono voluti sei anni alla Renault per trasformare la Wind Concept del 2004, sinuosa, carina e minimalista, nella mostruosità chirurgica malriuscita del 2010. Inoltre, tutto lo spazio e la maneggevolezza sono stati ridotti.

Hyundai Veloster (2011-2014)

Nel 2011 ci è stato detto che la Veloster asimmetrica era l’incarnazione della nuova eccitante direzione che Hyundai stava prendendo. Per fortuna sono tornati in sé, scegliendo di non fare auto come una VW Golf da un lato e una Scirocco dall’altro, ma non buone come entrambe.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono le auto sportive più veloci del mondo?

Dieci motori di auto folli: la classifica

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media