Opel Grandland Test Drive: le prestazioni del SUV tedesco

Non è perfetta, ma ha tutte le carte in regola per sfidare le sue rivali.

La Opel Grandland ha appena ricevuto un visibile lifting dentro e fuori. Il SUV tedesco è ora più sexy di prima ed è pronto a sfidare la 3008, la Tiguan e altre. L’Opel Grandland può aver preso l’eccellente base tecnica della Peugeot 3008 (piattaforma, motori e trasmissioni), ma non ha lo stesso successo del suo cugino francese.

Così, per rilanciare la sua carriera, Opel non ha fatto le cose a metà, e ha rivisto il suo design esterno e interno da cima a fondo.

È abbastanza convincente per far rivivere il SUV compatto?

Opel Grandland: più carattere

Ovviamente, l’argomento principale della nuova Grandland è il suo look. All’esterno, i principali cambiamenti sono nella parte anteriore, che presenta il nuovo frontale Vizor, introdotto dalla Mokka e dalla nuova Astra.

La metamorfosi continua a bordo con l’introduzione del Pure Panel, un pannello strumenti interamente digitale composto da due schermi giustapposti. Uno di 12″ che funge da contatori digitali e un touch screen di 7″ o 10″ (dal secondo livello della GS Line, quello della nostra versione di prova).

Troppo basso sulla Grandland X, quest’ultimo è ora idealmente posizionato in alto e rivolto verso il conducente. Il touchscreen manca ancora un po’ di reattività, ma il menu ad albero rimane relativamente semplice.

Inoltre, Opel ha avuto la buona idea di mantenere i controlli fisici per l’aria condizionata, un vero vantaggio per l’ergonomia. D’altra parte, cambiare il display del cruscotto non è un’operazione facile, e un pulsante accorciato non sarebbe stato il massimo per sfruttare questa caratteristica.

Anche se il cruscotto è innegabilmente più moderno, non si può fare a meno di trovare l’interno un po’ austero. Le impiallacciature o le cuciture rosse – che si possono trovare su una Mokka – sarebbero state perfette per questa livrea sportiva GS Line.

Il design e le opzioni in pelle

Il design è cambiato molto ma la struttura della cabina è la stessa. La posizione di guida non è cambiata: i sedili mancano ancora di morbidezza e il supporto lombare e delle cosce è troppo pronunciato. L’opzione in pelle, anche se costosa (1.990 euro per l’assetto GS Line contro i 390 euro per l’opzione tessuto/pelle), migliora le cose.

Un altro punto che non cambia è lo spazio interno e il bagagliaio, che sono ancora ben realizzati. I vani portaoggetti sono sufficienti e ben pensati, come il bracciolo centrale che contiene il dispositivo di ricarica wireless per lo smartphone. Tra l’altro, c’è anche un elastico per tenere il telefono in modo che non voli in giro, il che è decisamente funzionale.

Opel Grandland test drive

Ancora buona sulla strada

Tecnicamente, la Grandland è in gran parte invariata. La gamma è basata su quella della 3008, e perde anche il motore 1.6 turbo benzina da 180 CV. C’è un diesel da 130 CV, due varianti ibride plug-in di 225 CV e 300 CV (4 ruote motrici per la più potente delle due) e un benzina da 130 CV offerta con un cambio meccanico o automatico. Quest’ultimo ha 8 velocità opzionali (1.900 euro extra).

Il controllo del cambio non è troppo accattivante; è un peccato perché, per il resto, questo piccolo motore fornisce l’essenziale. Piuttosto rumorosa quando si accelera, il suo tipico rumore di 3 cilindri non piacerà a tutti, mentre il 1.2 Turbo è fortunatamente più discreto a velocità costante. A velocità autostradali, è il rumore dell’aria che si fa sentire.

Per il resto, le qualità di guida del Grandland ci sono. Il rollio è sotto controllo e questo non va a scapito del comfort della sospensione. Gli aiuti alla guida, come il mantenimento della corsia, sono efficaci ma non troppo invadenti su base quotidiana.

Più attraente che mai

La nostra Opel Grandland 1.2 Turbo 130 in allestimento GS Line (2° livello su 4) costa 32.650 euro, optional esclusi. Si tratta di un prezzo piuttosto competitivo rispetto ai 34.200 euro richiesti dalla 3008 con lo stesso motore nell’allestimento Allure, che è più o meno equipaggiata in modo simile. Hanno entrambe cerchi da 18″, schermo touch screen da 10″, compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, assistenza al parcheggio anteriore e posteriore e una telecamera posteriore.

Mentre le vendite della Grandland non eguaglieranno mai quelle della 3008, può tornare in cima al gruppo con le sue molte qualità invariate e una personalità più forte.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Perché la nuova Jogger è così importante per Dacia?

Land Rover Defender V8 Bond Edition: prezzo e caratteristiche

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media