Pneumatici auto: tutto quello che c’è da sapere

Essendo l’unico componente della tua auto che entra effettivamente in contatto con la superficie stradale, gli pneumatici sono fondamentali per la sicurezza durante la guida. In questo articolo completo, delineiamo tutto ciò che è necessario sapere sugli pneumatici dell’auto, dalla lettura e l’impostazione della pressione al calcolo delle dimensioni degli pneumatici necessari.

Seguire i consigli qui esposti vt farà risparmiare denaro, ridurrà al minimo i problemi e, cosa più importante, manterrà te stesso e gli altri al sicuro sulla strada.

Cosa sono i codici di velocità degli pneumatici?

Il codice di velocità degli pneumatici è la velocità massima per la quale un determinato pneumatico è legalmente approvato. Il codice è rappresentato da una lettera visualizzata sul fianco dello pneumatico. Sarà sempre l’ultima lettera della sequenza.

Se sul fianco si legge 205/55 R16 W 91, ad esempio, il codice di velocità è W. Ogni lettera ha una velocità massima corrispondente, quindi nel caso di uno pneumatico con codice di velocità W, è approvato per velocità fino a 168 miglia orarie.

Per ragioni di sicurezza, è importante che la velocità massima della tua auto non superi il codice di velocità dello pneumatico. Un elenco completo è riportato di seguito.

  • N – 87 mph
  • P – 93 miglia orarie
  • Q – 99 miglia orarie
  • R – 106 miglia orarie
  • S – 112mph
  • T – 118 miglia orarie
  • U – 124 miglia orarie
  • H – 130 miglia orarie
  • V – 149mph
  • Z – 150mph+
  • W – 168 miglia orarie
  • Y – 186 mph

Qual è il limite legale degli pneumatici?

La profondità minima del battistrada richiesta dalla legge è di 1,6 mm. Questo si applica ai tre quarti centrali della larghezza del pneumatico e alla sua intera circonferenza. Molte case automobilistiche, tuttavia, consigliano di cambiare gli pneumatici una volta che il battistrada è sceso a 3 mm per andare sul sicuro.

La multa per la guida di un’auto su strada con un pneumatico che ha meno di 1,6 mm di battistrada è di £2500 e tre punti di penalità sulla patente.

Pertanto, se tutti e quattro gli pneumatici sono al di sotto del limite legale, si rischia una multa di 10.000 sterline e 12 punti di penalità – il che significa un divieto di guida di sei mesi.

Quale dovrebbe essere la pressione dei miei pneumatici?

Troverai le pressioni corrette per la tua auto su un adesivo attaccato al telaio della porta, all’interno dello sportello del serbatoio o nel manuale. Tieni presente che il produttore dell’auto potrebbe raccomandare una pressione diversa per gli pneumatici anteriori rispetto a quelli posteriori. Vedrai anche diverse pressioni raccomandate per diversi livelli di carico – come solo due occupanti in un caso, e una famiglia al completo con bagagli nell’altro – quindi assicurati di scegliere le pressioni corrette per il carico che stai trasportando.

È molto importante che la pressione degli pneumatici sia impostata correttamente. Se le pressioni sono troppo basse, l’auto risulterà instabile e forse poco sicura da guidare, gli pneumatici si consumeranno molto rapidamente e il risparmio di carburante ne risentirà. Se le pressioni sono troppo alte, gli pneumatici non genereranno tutta l’aderenza che dovrebbero e si consumeranno pesantemente sulla fascia centrale del battistrada.

Come si leggono le marcature su uno pneumatico?

Le marcature su uno pneumatico indicano le dimensioni, l’indice di carico e la velocità. Una tipica marcatura di un pneumatico si presenta così: 205/55 R16 W 91.

Le prime tre cifre – 205 – si riferiscono alla larghezza dello pneumatico in millimetri. Le seconde due cifre – 55 – si riferiscono al rapporto d’aspetto dello pneumatico, che è l’altezza del fianco espressa come percentuale della larghezza. Quindi, un rapporto d’aspetto di 55 significa che il fianco è alto il 55% della larghezza dello pneumatico.

R sta per radiale, che indica che lo pneumatico è costruito con le sue tele di corda posizionate a 90 gradi rispetto alla direzione di marcia, il che aggiunge forza. Quasi tutti i nuovi pneumatici sono radiali. Il numero di due cifre che segue, in questo caso 16, indica il diametro in pollici della ruota su cui può essere montato quel particolare pneumatico.

L’ultima lettera è il codice di velocità, che è la velocità massima per la quale lo pneumatico è legalmente approvato. Un codice di velocità W indica una velocità massima di 168 miglia orarie. Scorri in alto per un elenco completo dei codici di velocità.

Infine, l’ultimo numero a due cifre è il coefficiente di carico. In questo caso, un indice di carico di 91 significa che uno pneumatico è legalmente omologato per trasportare un carico di 615 kg.

Come controllare la profondità del battistrada degli pneumatici

Un modo semplice per controllare che gli pneumatici abbiano una profondità del battistrada sufficiente è quello di prendere una moneta da 20 centesimi e inserirla nel battistrada nel punto in cui è più superficiale.

Se non riesci a vedere il bordo esterno della moneta, i tuoi pneumatici hanno ancora molto battistrada e sono sicuri. Se riesci a vedere il bordo, i tuoi pneumatici potrebbero essere vicini al limite di 1,6 mm, o sono già al di sotto. In entrambi i casi, è il momento di sostituire gli pneumatici.

Ogni quanto devo sostituire la valvola del mio pneumatico?

La valvola è una parte della ruota piuttosto che dello pneumatico. Realizzata in gomma, può deteriorarsi nel tempo e può perdere aria a un tasso significativo, o almeno rendere difficile il controllo della pressione degli pneumatici. Idealmente, si dovrebbe cambiare la valvola ogni volta che si sostituiscono gli pneumatici.

Il costo della sostituzione delle valvole degli pneumatici è minimo. Infatti, spesso questo costo è incluso nel prezzo di uno pneumatico nuovo.

La pressione degli pneumatici può essere espressa in due modi: bar e psi. Spesso li vedrai entrambi citati insieme per motivi di chiarezza. In caso contrario, la conversione da uno all’altro è molto semplice.

Come posso controllare la pressione?

Prima di tutto, è necessario controllare il manuale dell’auto, l’adesivo che si trova sul telaio della porta o all’interno dello sportello del carburante, o semplicemente cercare online, per trovare la pressione corretta degli pneumatici per la tua auto e il suo livello di carico. Dovresti quindi rimuovere il tappo dalla valvola dello pneumatico e, usando un manometro per pneumatici, leggere la pressione attuale. Si dovrebbe aggiungere aria usando un compressore elettrico se la pressione è troppo bassa e togliere l’aria se è troppo alta. Se non hai un manometro per pneumatici o un compressore, la maggior parte delle stazioni di servizio avrà una linea d’aria.

Ricorda che la pressione degli pneumatici aumenta con il calore e si riduce con il freddo. Ciò significa che dovresti controllare e regolare la pressione degli pneumatici a temperature ambientali rappresentative (non impostarli in un garage caldo se fuori fa freddo, per esempio) e quando gli pneumatici stessi sono freschi piuttosto che caldi.

Cos’è un sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici?

La maggior parte delle auto moderne è dotata di un sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici, che controlla costantemente la pressione degli pneumatici e ti avverte se è troppo bassa. Quando la pressione scende al di sotto del livello raccomandato dal produttore, il TPMS accende una spia di avvertimento all’interno della plancia degli strumenti. Saprai che la tua auto ha un TPMS se vedrai questa spia apparire brevemente quando si accende l’auto (si spegnerà rapidamente di nuovo fino a quando la pressione degli pneumatici è corretta). Il TPMS è un requisito legale sulle auto costruite dopo il 2014.

Ci sono due tipi di TPMS. Il primo è di tipo indiretto, che utilizza l’ABS per approssimare la pressione dei pneumatici. Il secondo e più avanzato è di tipo diretto, che utilizza effettivamente un piccolo manometro per raccogliere dati esatti. Sulle auto di fascia alta, il TPMS sarà in grado di visualizzare la pressione esatta degli pneumatici in tempo reale sul cruscotto. Il TPMS è buono per la sicurezza, ma solo se funziona correttamente. Pertanto, è consigliabile controllare manualmente la pressione di tanto in tanto.

Quali dimensioni scegliere?

Il modo più semplice per capire di quali dimensioni di pneumatici hai bisogno per la tua auto è quello di controllare gli pneumatici che sono già su di essa. Vedrai la dimensione degli pneumatici segnata sul fianco. Sii consapevole del fatto che gli pneumatici anteriori e posteriori potrebbero essere di dimensioni diverse.

È inoltre possibile utilizzare siti web per cercare la dimensione corretta degli pneumatici inserendo il numero di registrazione della tua auto. A seconda del veicolo, potrebbe esserti offerta una gamma di misure di pneumatici, nel qual caso dovresti fare riferimento ai fianchi degli pneumatici attualmente montati su di essa.

pneumatici cosa sapere

Quanto durano?

Ci sono troppe variabili per dare una risposta definitiva a questa domanda. Gli pneumatici ad alte prestazioni avranno una vita molto più breve rispetto agli pneumatici a bassa resistenza al rotolamento per il risparmio di carburante. Invece il tuo stile di guida, il tipo di auto che guidi e il tipo di guida che fai di solito sono fattori molto significativi nel determinare la durata degli pneumatici.

Come regola generale, uno pneumatico di qualità ragionevole montato sull’asse anteriore di un’auto a trazione anteriore dovrebbe durare circa 20.000 miglia.

Qual è la pena per gli pneumatici calvi?

La multa per la guida di un’auto su strada con un pneumatico che ha meno di 1,6 mm di battistrada è di 2500 sterline e tre punti di penalità sulla patente. Quindi, se tutti e quattro gli pneumatici sono al di sotto del limite legale, si rischia una multa di 10.000 sterline e 12 punti di penalità – il che significa un divieto di guida di sei mesi.

Questo è probabilmente lo scenario migliore, tuttavia. Dato che le gomme calve sono estremamente pericolose, soprattutto sul bagnato, il rischio maggiore che si corre quando si guida con una gomma molto usurata è quello di avere un grave incidente.

Qual è la legge sull’avere una ruota di scorta?

Non c’è una legge che stabilisce che i conducenti debbano avere una ruota di scorta. Tuttavia, dato che portare una ruota e una gomma di scorta potrebbe fare la differenza tra un’interruzione di soli 15 minuti del viaggio per sostituire una ruota bucata e l’essere bloccati per ore sul ciglio della strada in caso di foratura, consigliamo vivamente di averne una.

Gli pneumatici di ricambio sono spesso di tipo salvaspazio, che hanno lo stesso diametro di una ruota e di uno pneumatico normali, ma sono molto più stretti. Con un salvaspazio montato, la tua velocità massima sarà ridotta a 50 mph. Sono davvero destinati solo a portarti a casa o al garage più vicino.

Tuttavia, molte auto saranno fornite in questi giorni solo con un kit di riparazione. Si tratta di un tipo di schiuma espansa che si spreme nello pneumatico forato attraverso la valvola prima di rigonfiarlo con un compressore elettrico. La schiuma blocca la foratura e permette di continuare, anche se a velocità limitate e per un numero limitato di chilometri.

Con quale frequenza devo sostituirli?

Per legge, sei tenuto a sostituire i tuoi pneumatici non appena la profondità del battistrada scende a 1,6 mm. Tuttavia, per stare sul lato della cautela, è consigliabile sostituirli a 3 mm. La gomma può deteriorarsi nel tempo, quindi anche se uno pneumatico ha ancora molto battistrada potrebbe non essere sicuro da usare una volta che ha più di cinque anni.

È impossibile dire quanto dovrebbe durare uno pneumatico perché ci sono tante variabili – il tipo di auto su cui è montato, il tipo di guida che si fa di solito e il proprio stile di guida sono solo tre fattori. Inoltre, uno pneumatico ad alte prestazioni avrà una vita molto più breve di uno pneumatico a bassa resistenza al rotolamento.

Come posso farli durare di più?

La chiave per prolungare la vita degli pneumatici è mantenere la pressione al livello raccomandato dalla casa automobilistica. Una pressione troppo bassa causerà l’usura degli pneumatici molto rapidamente, mentre una pressione eccessiva causerà un’eccessiva usura della fascia centrale del battistrada. Dovreste anche far controllare regolarmente l’allineamento delle ruote da un’officina, perché gli pneumatici si consumano molto rapidamente se l’allineamento è fuori misura anche di poco.

Anche guidare con attenzione nelle curve ed evitare lo slittamento delle ruote aiuta a ridurre l’usura degli pneumatici. Se guidi un’auto a trazione anteriore, puoi cambiarli dall’asse anteriore a quello posteriore, e viceversa, una volta che quelli anteriori hanno raggiunto l’ultimo terzo della loro vita utile.

Dovrei avere pneumatici invernali?

Dovresti prendere seriamente in considerazione l’idea di montare pneumatici invernali per i mesi più freddi. La cosa importante da notare è che non sono progettati solo per il ghiaccio e la neve. Infatti, finché la temperatura ambiente è inferiore a 7°, forniranno più aderenza e quindi saranno più sicuri degli pneumatici estivi, anche su una strada asciutta. Sono anche molto più efficaci su neve e ghiaccio, il che potrebbe fare la differenza tra tornare a casa durante una tempesta di neve e rimanere bloccati sul ciglio della strada.

In alternativa, gli pneumatici per tutte le stagioni possono essere una soluzione efficace per tutto l’anno, anche se sono per loro natura un compromesso.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quali sono i diversi tipi di spine per auto elettriche?

Consigli per la manutenzione invernale dell’auto

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media