Quanto conviene acquistare un’Audi A1 al giorno d’oggi?

Le cifre non sono catastrofiche ma sono deludenti.

Rilasciata nel 2018, l’Audi A1 ha deluso con la sua qualità costruttiva regressiva. La situazione è migliorata da allora? E quanto vale in generale questa seconda generazione della city car con gli Anelli su una base di seconda mano?

Presentazione dell’Audi A1

Anche se le sue vendite sono progredite bene dall’inizio dell’anno (7.341 registrazioni da gennaio a settembre, + 50,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), la seconda generazione di Audi A1 sta lottando per fare meglio del suo predecessore. Quest’ultimo ha venduto di più durante il suo ultimo anno completo (nel 2017) con quasi 10.000 vendite. Queste cifre non sono catastrofiche ma sono deludenti e potrebbero costare il suo posto nella gamma nei prossimi anni.

Tuttavia, nel frattempo, se ne vendono abbastanza per garantire che l’offerta di seconda mano sia abbastanza ampia. Ma queste vendite in calo non possono essere spiegate dal calo delle prestazioni? Non del tutto, ma dipende dagli articoli. Con un allungamento di 8 cm (4,03 m invece di 3,95 m), questa A1 offre finalmente dei sedili posteriori accoglienti, quasi quanto quelli di una Volkswagen Polo. Questo è sufficiente per conciliare gli abbonati dei sedili posteriori con il veicolo multiuso di Audi.

D’altra parte, quest’ultimo delude su diversi punti.

Mentre la finitura è seria, con elementi ben accordati, i materiali utilizzati mancano del cachet previsto. A parte la plastica espansa della parte superiore del cofano, la A1 si accontenta di rivestimenti ordinari. Allo stesso modo, per quanto riguarda la guida, la A1 non fa scintille con un comportamento e un sentimento senza molta personalità.

Le prestazioni

Nella versione S line, la sospensione abbassata di 10 mm si mostra inutilmente ferma, senza che la sportività sia esacerbata.

Dall’altro lato, l’assistenza allo sterzo è ben calibrata, ma la sua sensazione rimane troppo artificiale per sentire davvero i limiti quando la strada diventa scivolosa. La A1 rimane un’auto sicura ed equilibrata e si distingue anche per la sua frenata di prima classe.

La versione Citycarver, con la sua maggiore altezza da terra e il suo look avventuroso, è finalmente più piacevole. La maggiore corsa delle sospensioni combinata con un movimento di rotolamento controllato favorisce il comfort, senza influenzare le prestazioni o il consumo di carburante.

Audi A1

Recensione della qualità e dell’affidabilità

Affidabilità – Eccellente

A differenza della prima generazione, questa A1 sembra aver beneficiato di un’attenta messa a punto prima del suo lancio. Dopo quasi due anni nell’auto, non sono stati segnalati problemi ricorrenti, comprese le funzioni elettroniche sconosciute al suo predecessore, come il quadro strumenti digitale.

Qualità – deludente

Non c’è dubbio che questa generazione non è buona come la precedente. La colpa è delle plastiche poco appariscenti o addirittura poco dignitose sulle porte e una minore cura nel proteggere il telaio. Deludente considerando i prezzi elevati.

Riassunto

La A1 ha preso molti componenti da altre piccole auto del gruppo Volkswagen e ha evitato di dover fare tabula rasa. Tuttavia l’economia è rimasta una parola chiave nel suo sviluppo, come dimostra il declino della qualità della produzione.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Marcello Gandini non condivide la nuova Lamborghini Countach

Nuova Cupra Formentor VZ5: svelato il prezzo ufficiale

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media