Future auto Audi: Porsche potrebbe essere un ostacolo?

Senza un lancio importante da due anni a questa parte e con un progetto di nuova R8 che, a quanto pare, si scontra con Porsche, Audi è in difficoltà.

Le future auto Audi potrebbero essere in difficoltà? In tre anni, Audi ha lanciato solo due nuovi modelli importanti che possono davvero fare volumi: la A3 e la Q4 e-tron. Il primo sta svolgendo normalmente la sua carriera, mentre il secondo sta affrontando grossi problemi di produzione a causa della carenza di scorte.

Questo sta iniziando a pesare sul costruttore tedesco (che comprende Audi, Ducati e Lamborghini), che tuttavia dovrebbe avere un buon anno nel 2022 con profitti di circa 1,2 miliardi. Ma con una buona quota realizzata da Lamborghini.

Al contrario, BMW e Mercedes non si fanno attendere e moltiplicano i lanci importanti dal 2019, nonostante la crisi: X1, Serie 2 Active Tourer, i4, X3 e iX3 per la prima, gamma EQ, GLC o Classe C per la seconda.

Audi ha lanciato modelli come la Q5 Sportback, ma le sue vendite sono più riservate. La nuova A4 è stata ritardata e la Q6 e-tron è in ritardo, così come la sua controparte Porsche, la Macan 100% elettrica.

Naturalmente, queste tempistiche dipendono anche dalla casualità del ciclo di vita dei modelli, ma Audi è probabilmente un po’ più attenta rispetto al passato. E come se non bastasse, alcune discordie interne al gruppo Volkswagen su progetti come la futura R8 potrebbero complicare il compito del marchio con gli anelli, che ha bisogno anche di modelli di immagine.

Future auto Audi: Porsche potrebbe essere un ostacolo?

Oltre alla mancanza di nuovi modelli per il grande pubblico, Audi deve gestire il rinnovo della sua ammiraglia. L’attuale R8 sta giungendo alla fine della sua carriera, ma per il momento non sembra che l’accordo sia del tutto chiuso per la prossima generazione, che molti in Audi considerano essenziale per mantenere una certa immagine. A questo proposito, la RS6 non sarà sufficiente: “Anche la prossima RS 6 Avant, con una presunta potenza elettrica di un megawatt, potrà svolgere questo ruolo solo in misura limitata”, commentano giustamente i nostri colleghi tedeschi.

Ma cosa fare con la R8? Dopo il cambio alla guida del Gruppo Volkswagen, la strategia è cambiata. In precedenza, Herbert Diess era più favorevole all’indipendenza di ciascun marchio, libero di fare le proprie scelte: “i costosi sforzi solitari sono ormai un tabù”. Questo è vero. Ma allora, come sviluppare veicoli d’immagine in collaborazione se i “cugini” sono riluttanti a condividere gli sforzi? L’idea sarebbe stata quella di sviluppare una coupé elettrica nello spirito dell’Audi TT sulla base della futura Porsche 983 (Cayman e Boxster) con produzione in subappalto presso Valmet, in Finlandia. Da allora, Porsche si è rifiutata di andare oltre. L’esclusività è d’obbligo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com