Caricare un’auto elettrica: quanto tempo è necessario?

Diversi metodi per diverse necessità. Ecco tutti i dettagli.

Quanto tempo è necessario per caricare un’auto elettrica? Ebbene, pochi argomenti sono così – scusate il gioco di parole – carichi come i tempi di ricarica dei veicoli elettrici. Quindi, quali opzioni sono disponibili, e quanto sono davvero veloci?

Il tempo di ricarica è un argomento delicato quando si tratta di auto elettriche.

La comparsa della ricarica rapida significa che essere bloccati per ore ad aspettare la batteria della tua auto potrebbe presto essere un lontano ricordo. Eppure questi caricatori sono ancora relativamente rari, quindi quali sono le tue opzioni per il resto del tempo?

Qui diamo un’occhiata a tutti i metodi e a quali sono i migliori approcci per farti andare avanti.

Caricare un’auto elettrica con la ricarica lenta

Come suggerisce il nome, questo metodo comporta i tempi di ricarica più lunghi, con alcuni EV più grandi che hanno bisogno fino a 24 ore per ricaricare le loro batterie.

Anche qualcosa di umile come una Nissan Leaf con una batteria da 40kWh richiederà quasi 12 ore per una batteria completa. Normalmente funzionando a circa 3kW, questi caricabatterie si trovano ancora occasionalmente nei punti di ricarica pubblici. La maggior parte delle auto elettriche hanno una di queste unità di serie, ma la dimensione sempre crescente dei pacchi batteria significa che la maggior parte dei produttori raccomanda di usarli solo quando non è disponibile nessun altro metodo di ricarica.

Naturalmente, se non percorri molti chilometri al giorno, la ricarica lenta ti permette di ricaricare facilmente le celle dell’auto durante la notte, mentre il lento tasso di carica significa che viene generato meno calore nella batteria, il che può contribuire a prolungarne la vita utile.

Caricare un’auto elettrica con la ricarica veloce

Questo sta diventando rapidamente il metodo di ricarica più popolare, in particolare per uso domestico. La ricarica veloce funziona a 7kW o 22kW, e quest’ultima è solitamente riservata ai punti di ricarica pubblici.

La maggior parte delle wallbox domestiche dedicate, come i Pod Point, funzionano a 7kW, e dimezzano il tempo necessario per una ricarica completa rispetto a un caricatore lento. Così, per esempio, ci si può aspettare che una Nissan Leaf con una batteria da 40kW sia completamente ricaricata in circa sei ore. 22kW richiedono una fornitura elettrica trifase, il che significa che sono una soluzione rara e costosa a casa.

Richiedono anche un’auto che possa accettare la ricarica in corrente continua, oltre al più diffuso metodo della corrente alternata. Se la tua auto può accettare questo tasso di carica, allora aspettati che i tempi di ricarica siano ridotti di circa la metà rispetto all’unità da 7kW, quindi una Tesla da 75kW sarà caricata in meno di sei ore. Sulla carta, questo è di gran lunga il modo più veloce per ricaricare le batterie del tuo EV, con alcuni caricabatterie in grado di fornire una significativa iniezione di energia in soli 20 minuti. Ricaricando a qualsiasi cosa da 50kW fino a 350kW, queste unità si trovano di solito nelle stazioni di servizio autostradali e nei centri di ricarica dedicati.

Avrai bisogno di un’auto che possa gestire questo tipo di ricarica in corrente continua, e per ottenere i migliori risultati dovrai caricare solo fino all’80% della capacità della batteria. Oltre questo punto, il tasso di carica rallenta significativamente per proteggere le cellule dalle alte temperature coinvolte in correnti elettriche così elevate. Naturalmente, per utilizzare questa capacità avrai bisogno di un’auto con un sistema di ricarica in grado di accettare la ricarica rapida. La maggior parte dei modelli entry-level sono disponibili con un aggiornamento opzionale che permette una ricarica in corrente continua fino a 100kW, mentre i modelli più costosi come la Tesla Model 3 e la Model S possono caricare a una velocità di 250kW.

in quanto tempo caricare un'auto elettrica

Cos’è la ricarica top-up?

Questo è il metodo che la maggior parte dei conducenti di veicoli elettrici sfrutta, che è quello di collegarsi e ricaricare ogni volta che se ne ha l’opportunità, di solito in un caricatore pubblico sulla strada o nel parcheggio del supermercato. Quindi, piuttosto che aspettare che la batteria si scarichi completamente, è in realtà più facile e veloce mantenere le celle in carica. Ciò significa che raramente si soffre di ansia da autonomia. I proprietari di solito combinano questa tecnica con una carica completa durante la notte, usando un caricatore domestico lento o rapido.

Quanta autonomia si ottiene per ogni ora di ricarica?

Come ci si aspetterebbe, la risposta dipende dal caricabatterie che stai usando e, in misura minore, dalla tua auto. Tuttavia, come guida ci si può aspettare che un caricatore lento standard da 3kW aggiunga 10 miglia di autonomia dopo un’ora. Passa a un caricatore veloce con una potenza di 7kW, e dopo 60 minuti avrai aggiunto fino a 30 miglia. Al contrario, un caricatore rapido da 50kW può teoricamente aggiungere 175 miglia di autonomia in questo tempo. Tuttavia, avrai bisogno di una grande batteria per raggiungere questo obiettivo, poiché con le unità più piccole si arriva all’ultimo 20 per cento della capacità quando la carica rallenta.

È un caso simile con i caricatori da 150kW ma, come indicazione di quanto siano efficaci, si possono aggiungere 100 miglia di autonomia in soli 10 minuti.

Fattori che influenzano la velocità di ricarica

Per caricare un’auto elettrica, ci sono una serie di fattori che possono avere un’influenza sulla velocità. Per cominciare, c’è la dimensione della batteria: più grande è la capacità, più tempo ci vuole per essere ricaricata. Inoltre c’è la quantità di carica già presente nella batteria, con il primo 80% della capacità che viene riempito molto più rapidamente dell’ultimo 20%. Questo è il momento in cui la velocità di ricarica rallenta notevolmente, soprattutto con i caricatori veloci o rapidi.

L’adattatore di bordo della tua auto determinerà anche la velocità di ricarica. Quindi se è valutato a 50kW è il massimo che otterrai, anche se ti colleghi a un caricatore da 150kW. Lo stesso vale per il caricabatterie che usi, quindi un’auto con capacità di 150kW si caricherà solo a 7kW su una wallbox di ricarica veloce. Vedrai anche una ricarica più lenta quando il tempo è freddo, in particolare su un caricatore rapido. I sistemi di riscaldamento della batteria cercano di mantenere al minimo la riduzione della velocità, ma nel farlo assorbono corrente extra.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La nuova Genesis GV60 è il primo EV su misura del marchio premium

I migliori SUV ibridi del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media