RML Short Wheelbase: il restomod entra in produzione

Mentre alcuni progetti sono ancora in fase di presentazione virtuale, la RML Short Wheelbase sta già entrando in produzione.

La RML Short Wheelbase, restomod della Ferrari 250 GT SWB, è in produzione. Si tratta di nuove auto con nuove tecnologie, ma ispirate a modelli iconici della produzione automobilistica. Tuttavia, mentre alcuni progetti sono ancora in fase di presentazione virtuale, la RML Short Wheelbase sta già entrando in produzione.

L’azienda britannica ha completato il primo modello per il lavoro di sviluppo. Questo primo esemplare servirà anche a tentare i futuri acquirenti di questo gioiello, la cui produzione sarà molto limitata.

RML Short Wheelbase: Ferrari 550 Maranello

Tecnicamente, la RML Short Wheelbase è basata su un telaio Ferrari 550 Maranello. Per offrire le migliori prestazioni possibili, la sospensione è stata modificata con l’integrazione di ammortizzatori Öhlins. Un sacco di lavoro sulla riduzione del peso e una migliore distribuzione del peso hanno portato a importanti modifiche.

La carrozzeria è interamente in fibra di carbonio, lo sbalzo anteriore è stato ridotto e la batteria è stata spostata dal motore al bagagliaio.

RML Short Wheelbase ferrari

300 km/h

Mentre la carrozzeria di questa RML Short Wheelbase non presenta un logo Ferrari, il motore sì.

Il motore V12 aspirato naturalmente è derivato dalla 550 Maranello e produce 485 cavalli e 570 Nm di coppia. Con il peso limitato del modello, le prestazioni promettono di essere stratosferiche: 300 km/h di velocità massima e solo 4,1 secondi per passare da 0 a 96 km/h.

Il prezzo

RML offrirà 30 esemplari al prezzo di 1,35 milioni di sterline ciascuno. Sono circa 1,62 milioni di euro.

Si tratta ovviamente di una somma molto grande, ma viene rapidamente messa in prospettiva quando si guarda ai prezzi di un’autentica Ferrari 250 GT SWB. Questa leggenda, apparsa alla fine degli anni ’50 e di cui furono prodotti solo 167 esemplari, vale oggi almeno diversi milioni di euro.

Leggi anche:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media