Toyota: la nuova regina delle auto sportive di consumo

Toyota è cambiata molto negli ultimi anni, tanto da diventare un costruttore apprezzato dagli appassionati di auto sportive.

Toyota potrebbe essere etichettata come una delle regine delle auto sportive. Il marchio è cambiato molto negli ultimi anni, tanto da diventare un costruttore apprezzato dagli appassionati di auto sportive. Ecco cosa cambierà e quali sono le novità in arrivo…

L’immagine del marchio e i suoi difetti…

Una Citroën è sempre molto confortevole: non è vero. Un’auto tedesca è molto ben rifinita: neanche questo è vero. Un’auto giapponese è super affidabile? No, neanche questo è vero, perché come i suoi rivali, Toyota ha già sperimentato gli orrori delle campagne di richiamo e i suoi diesel D-4D non hanno lasciato solo buoni ricordi. In breve, come per molte altre cose, gli stereotipi fanno parte del folklore automobilistico e sono difficili da sradicare.

Tuttavia, è sulla strada del cambiamento della propria immagine che Toyota ha intrapreso un decennio fa.

Auto buone e robuste, ma non molto sexy e poco eccitanti da guidare come l’avvio di una lavastoviglie: questa era l’immagine che il costruttore giapponese si trascinava come una palla al piede, soprattutto in Europa. Oggi ne siamo ben lontani. Se il costruttore giapponese è diventato il punto di riferimento per le ibride, essendo stato il primo a crederci già nel 1997 con la sua Prius, di cui è stata appena svelata la quinta generazione, il rispolvero è arrivato anche in un campo in cui non era necessariamente atteso…

quello delle auto sportive.

nuove auto sportive Toyota

Toyota: la nuova regina delle auto sportive di consumo

Toyota ha una lunga storia di produzione di auto sportive. Innanzitutto, la storia ricorda che il produttore è stato il primo nella terra del Sol Levante a cimentarsi nelle corse automobilistiche alla fine degli anni Cinquanta.

Poi tutto è andato di bene in meglio. Corse in circuito, Formula 1 e naturalmente rally, Toyota si è cimentata in quasi tutte le discipline e questo ha dato i suoi frutti, come dimostrano gli ultimi titoli vinti proprio quest’anno 2022 nel WEC (endurance) e nel WRC (campionato mondiale di rally).

Ma se il motorsport fa bene all’immagine, non è necessariamente la chiave per vendere auto sportive omologate, soprattutto quando il nome non è Ferrari o Porsche. In effetti, senza denigrare le loro qualità, la Celica, la Supra e altre MR hanno sicuramente i loro fan, ma non sono mai state accettate all’unanimità dagli amanti delle auto sportive.

Il motore non è abbastanza scattante o il telaio non è abbastanza affilato, per non parlare del design che probabilmente non è abbastanza sexy… La perfezione, è vero, non esiste in questo mondo. Inoltre, come il mondo dell’arte, anche la critica automobilistica è una questione di soggettività. Ma al di là di queste divagazioni, Toyota non aveva ancora trovato la formula per attirare tutti gli appassionati di auto con le sue vetture sportive. Finché…

Gazoo Racing: un nuovo inizio

Quando TS (per Toyota Sport) è diventata Gazoo Racing nel 2015, l’evento è passato sottotraccia e ancor più l’idea che ne è alla base: il desiderio del boss Toyota di creare auto sportive con carattere. Akio Toyoda, nipote del fondatore del marchio, è un vero appassionato di sport motoristici che ama mettersi in gioco al volante. Questa passione non è finta, visto che prima dell’era moderna di Toyota Gazoo Racing, lui e i suoi team sono stati responsabili della nascita della straordinaria supercar Lexus LFA.

La prima pietra della casa di Gazoo è stata posata da Toyota con l’amichevole serie limitata di 600 unità Yaris GRMN. Ma in un momento in cui i costi di sviluppo sono sempre più elevati, Toyota ha deciso di collaborare con BMW per la progettazione. La Z4 da un lato, la Supra dall’altro, il duo presenta un risultato misto con prestazioni certamente buone ma un piacere di guida, in particolare a causa del collegamento a terra perfettibile e dello sterzo, non del tutto all’altezza. Tanto meglio, perché così la sorpresa della prossima mossa sarà ancora più grande…

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com