Notizie.it logo

Valentino Rossi : dalla sella al piccolo schermo

Valentino Rossi : dalla sella al piccolo schermo

Valentino Rossi, il simbolo dell’italianità nel mondo. Non esiste Paese sulla faccia della Terra che non sappia chi sia Valentino. Il ragazzo di Tavullia che è entrato nella storia del motociclismo mondiale. Nove titoli mondiali conquistati tra le classi 125, 250, 500 e MotoGP. Unico nella storia a vincere in queste quattro classi e tutt’ora sulla cresta dell’onda. Non passa anno nel quale Valentino Rossi non sia tra i favoriti alla vittoria iridata. E proprio quel decimo è quello che gli manca per poter dire basta.

Faster – Film (2003)

Valentino Rossi è stato spesso protagonista di film documentari. A volte incentrati esclusivamente su di lui, altre volte su di lui e altri piloti. Inevitabile la presenza del pilota che ha guidato Aprilia, Honda, Ducati e Yamaha. Record su record, con ancora nel mirino il maggior numero di vittorie che ancora appartiene a Giacomo Agostini.

Il primo filmato che lo ha visto protagonista fu Faster, realizzato dal britannico Mark Neale.

Le riprese sono state realizzate tra il 2001 ed il 2002 e narratore fu Ewan McGregor. I veri protagonisti del documentario sono Valentino Rossi e Max Biaggi. L’obiettivo di questo documentario era di mostrare la rivalità tra i due centauri italiani. Viene catturata la loro personalità durante le interviste per le tv e dietro le quinte.

Oltre a loro appaiono altri nomi noti del motociclismo fino agli anni 2000. Da un giovane John Hopkins al pluri campione del mondo australiano Mick Doohan, passando per Kevin Schwantz, Kenny Roberts e tanti altri ancora. Oltre cento minuti di immagini con protagonista il mondo delle moto.

Quarantasei – Film (2007)

Del centauro attualmente in forza al team ufficiale Yahama si sa praticamente tutto.

In pochi sanno però che Milo Manara lo ha ritratto in due fumetti a lui dedicati. Uno dal titolo Quarantasei e l’altro Fast 46. Oltre a essere poi protagonista di un film d’animazione basato sul primo fumetto. Si tratta però di uno pseudo-film di animazione in quanto non sono stati creati dei personaggi animati. Le vignette del fumetto vengono riprese da una videocamera per un totale di trentacinque minuti.

Di più rispetto al fumetto c’è la presenza di effetti speciali video e di una colonna sonora. Colonna sonora realizzata tra gli altri da Lucio Dalla. Presenta, inoltre, anche dei suoni registrati durante il Gran Premio d’Italia del 2006.

Tra i doppiatori, che parlano mentre vengono riprese le vignette inanimate, ci sono diversi nomi noti della televisione italiana: Luciana Littizzetto che doppia la moto Yamaha M1 di Valentino, Lucio Dalla che presta la voce al cane Guido, Dario Vergassola, Milo Manara stesso, Luca Cordero di Montezemolo e tanti altri ancora.

Questo pseudo-film d’animazione basa la propria trama su un finto avvenimento della quotidianità di Valentino Rossi.

Prima delle prove il suo ciondolo porta fortuna viene portato via dalla “Ombrellina Girl”, con la promessa di riceverlo prima della gara. Da quel momento in poi a Valentino succedono strane cose. Prima vede nello specchio l’immagine di Jim Morrison durante un bagno. Successivamente, inseguendo il cane Guido nel deserto, incontra Steve McQueen e, infine, si ritrova davanti ad una fotografia di Enzo Ferrari che lo tranquillizza per la successiva gara. Un film da animazione assolutamente da vedere.

Fastest – Film (2011)

Sull’onda del successo del primo film documentario del 2003, Faster, Mark Neale realizzò un seguito. Un secondo docufilm centrato sulla storia recente della Moto GP ed in particolare su Valentino Rossi. Il titolo del docufilm è Fastest – Il Più veloce e ripercorre la storia delle ultime battaglie in pista tra il pesarese ed i suoi principali avversari alla lotta mondiale.

Il tutto corredato dalle interviste agli altri piloti e le considerazioni tecniche degli appassionati.

Viene proposto, inoltre, un focus sugli incidenti, mostrando come avvengono, le dinamiche più frequenti e raccontando il percorso di riabilitazione per tornare al 100% della forma fisica.

In Fastest – Il più veloce ci sono i duelli con Jorge Lorenzo, Max Biaggi, Casey Stoner e Sete Gibernau. Tra i piloti intervistati Daniel Pedrosa ed i compianti Marco Simoncelli e Nicky Hayden.

Fino all’ultima staccata – Film (2015)

È sempre Mark Neale l’ideatore del nuovo film documentario sul motociclismo ed in particolare ancora una volta su Valentino Rossi. Parliamo del pilota che ha sicuramente modificato più profondamente la storia del motociclismo moderno. Per questo motivo il registra britannico fa spesso a girare attorno a lui tutte le proprie produzioni sulle moto.

Passano gli anni ma Valentino Rossi rimane sempre l’osso più duro da battere per i rivali.

In questa opera con Brad Pitt come voce narrante, rivengono riproposti le storie di sei grandi piloti. Sei grandi piloti degli anni 2000. Valentino Rossi, Jorge Lorenzo, Daniel Pedrosa, Marc Marquez, Casey Stoner e Marco Simoncelli. La storia dagli inizi e le battaglie nelle minimoto, fino ai duelli nella classe regina. I momenti più tesi, i combattimenti carena contro carena, ruota contro ruota. Le polemiche, le accuse e le scuse.

Ed ancora le cadute più brutte e la fatica nel riprendere la concentrazione per la gara successiva, oltre che la forma fisica. Uno dei docufilm più emozionanti degli ultimi anni. Un film che ripropone battaglie già viste, ma che continuano ad emozionare lo spettatore.

Primero Enero – Film (2016)

Un film con Valentino Rossi, ma senza Valentino Rossi. Questo è, infatti, il nome del protagonista che interpreta il bambino di otto anni. Si tratta di un’opera realizzata da Dario Mascambroni, argentino alla prima uscita come regista. Non si tratta più di un documentario, ma di un film vero e proprio.

Primero Enero racconta la storia di Valentino, un bambino di otto anni. Un bimbo irrequieto che si trova improvvisamente a gestire il divorzio dei genitori.

Un film quasi commuovente che coinvolge principalmente padre e figlio. La storia si svolge quasi esclusivamente in campagna, con l’obiettivo di non sottolineare i traumi casalinghi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche