Valkyrie AMR Pro: Aston Martin rivela più dettagli

Tutti i dettagli sulla nuova creatura di Aston Martin.

La Valkyrie AMR Pro, che è stata rivelata per la prima volta nella sua fase di concept al Salone di Ginevra 2018, inizierà a dominare i circuiti da corsa di tutto il mondo verso la fine del 2021. Il più grande cambiamento è il 6,5 litri V12 naturalmente aspirato della Valkyrie.

Aston ha abbandonato il powertrain ibrido per l’AMR Pro, alla ricerca del peso più leggero e dei tempi sul giro più veloci. Ciò significa che la potenza scende da 1.160bhp a 1.000bhp. Tuttavia, Aston ha fissato un obiettivo per la AMR Pro: un giro del circuito di Le Mans di 8,5 miglia in 3m 20s.

Insieme alle modifiche al motore, la AMR Pro dispone di sospensioni a quadrilatero in fibra di carbonio, un parabrezza in Perspex e un’aerodinamica che supera i regolamenti di Le Mans Hypercar.

Come? Ebbene, il passo è 380 mm più lungo e 96 mm più largo di una Valkyrie standard e dispone di un bodykit su misura per sbattere la Valkyrie nell’asfalto. Contribuisce inoltre un mastodontico splitter anteriore che aggiunge altri 266 mm alla lunghezza della vettura.

Le prime consegne della Valkyrie AMR Pro dovrebbero iniziare alla fine del 2021. Aston dice che saranno tutte con guida a sinistra e ne saranno prodotte solo 40.

Aston Valkyrie colpisce la strada

L’entusiasmo per l’Aston Martin Valkyrie continua. Il marchio ha rilasciato immagini della prossima hypercar su strade pubbliche per la prima volta nel marzo 2020. La VP1 è stata consegnata a Max Verstappen e Alex Albon – i piloti di F1 2020 della Red Bull Racing. Accanto alla VP1, sono scesi in pista anche i prototipi VP2 e VP3 con il leggendario collaudatore Chris Goodwin e i piloti AMR WEC, Darren Turner e Alex Lynn al volante.

“Essere uno dei primi ragazzi a guidare un’auto folle come questa è stato davvero emozionante. È stato incredibile avere un primo assaggio, e i suoi livelli di deportanza sono incredibili. È stato molto divertente” ha detto Verstappen.

Albon ha aggiunto: “Ovviamente c’è ancora un po’ di sviluppo da fare, ma già è ben realizzata, soprattutto l’equilibrio tra le curve. Sembra molto leggera e affilata. Certo, rispetto a un’auto di F1 manca la deportanza totale, ma si sentono ancora i G nelle curve e reagisce decisamente più vicino a un’auto di F1 che a una normale auto stradale”.

Valkyrie AMR Pro: dettagli

La nuova hypercar Aston Martin Valkyrie è stata sviluppata con Red Bull Racing e Cosworth, entrambe le aziende con un buon curriculum in F1. Ciò potrebbe spiegare perché fornirà una massiccia potenza totale di 1160bhp a un inebriante 10.500 giri, così come 664lb ft a 6000 giri.

L’azienda ha rilasciato le specifiche complete delle prestazioni del V12, e il sistema ibrido Rimac-sourced. L’assistenza elettrica costituisce 160bhp e 207lb ft – abbastanza per alimentare una hatchback calda decentemente veloce nel suo diritto. L’epico progetto è nelle sue fasi finali di pianificazione e produzione. “Siamo all’incirca a due anni, dato che abbiamo firmato i primi documenti a Melbourne nel 2017”, ha detto Reichman. “I motori stanno fornendo tutta la potenza che volevamo e, in effetti, sono un po’ in anticipo sui tempi. La vasca è in tempo, e ora si tratta di mettere insieme la prima auto completa. Avremo un’auto che funzionerà e verrà testata prima di andare nei crash test“, ha aggiunto.

Valkyrie AMR Pro: specifiche

Allo stesso tempo, Aston Martin ha anche rivelato un AMR Track Pack per coloro che sono attualmente nel processo incredibilmente dettagliato di specificare la propria Valkyrie. Aston sostiene che il Track Pack può fornire circa l’8% in più di velocità per coloro che cercano di raccogliere ogni ultimo millisecondo dal loro tempo di pista.

Cosa c’è nel Track Pack? Ebbene, c’è un nuovo guscio anteriore e un intero nuovo set di pannelli della carrozzeria per un’aerodinamica ancora migliore, freni in titanio superleggeri e ruote in magnesio. Inoltre, è presente una riduzione di 50 mm dell’altezza di marcia. L’intero pacchetto richiede ad Aston Martin due giorni per scambiare i pannelli.

  • Motore: 6.5 litri V12 con 65deg bank
  • Potenza massima in uscita: 1000bhp @ 10,500rpm
  • Uscita di coppia di picco: 546lb ft @ 7000rpm
  • Redline: 11,100rpm
  • Peso del motore: 206kg
  • Potenza specifica in uscita: 154bhp per litro – senza turbo!
  • Prestazioni: Sub 3.0sec 0-62mph, 200mph+ velocità massima
  • Trasmissione: Sequenziale a sette velocità, trazione posteriore
  • Prezzo: 2,5 milioni di sterline (circa, senza opzioni)
  • Peso: 1050-1100kg (est)
  • In vendita: 2021 (tutto venduto)

Il V12 da 6,5 litri di Cosworth

Progettato con un sacco di esperienza e materiali da F1, le statistiche vitali del V12 da 6,5 litri assomigliano più a qualcosa che si trova nella pitlane del Gran Premio di Gran Bretagna. Il motore potrebbe non avere turbo, ma c’è un sistema di spinta elettrico a batteria che sarà divulgato a tempo debito. “Sappiamo già che il V12 è un elemento completamente sollecitato del telaio e il brief di Aston porta una meravigliosa semplicità: creare la massima espressione del motore a combustione interna”.

“Il nuovissimo motore è un V12 da 6,5 litri aspirato su misura della Cosworth. Il motore doveva essere fatto su misura”, ha detto l’asso dei motori di F1, Adrian Newey. “Abbiamo passato molto tempo a guardare le ovvie alternative a un V12 normalmente aspirato o a un V6 o V8 turbo. Siamo giunti alla conclusione che, da un punto di vista tecnico, un V12 fosse la soluzione migliore perché, anche se il motore in sé è più pesante, è in realtà un pacchetto molto più facile da installare”.

“Non hai i turbo e i refrigeratori di carica che ingombrano la parte posteriore dell’auto. È un motore naturalmente molto ben bilanciato, e questo significa che può diventare un membro completamente sollecitato senza mettere vibrazioni eccessive nella struttura del telaio”, ha inoltre aggiunto. “Ero preoccupato che se avessimo montato un V6 o un V8 le vibrazioni sarebbero state eccessive e avrebbero reso l’abitacolo sgradevole sia dal punto di vista del comfort che del rumore. Riguardo l’acustica, che è importante, un V12 con un sistema di scarico – che quest’auto ha – ha un suono molto più eccitante di quello che un V6 o un V8 sovralimentato avrà mai”.

“Per ottenere tutta quella potenza, il motore aspirato naturalmente ha bisogno di un numero di giri molto alto“, ha aggiunto David King, capo ingegnere della Aston Martin. “Per compensare, stiamo anche usando la potenza dell’ibrido elettrico per una coppia extra a bassa velocità”.

Christian Horner parla della Aston Martin Valkyrie

“Sta procedendo bene”, ha detto Horner. “È solo nelle versioni finali del disegno, nel corso di questo mese. Il telaio è sul punto di essere completato e dovremmo iniziare a correre con l’auto nell’autunno di fine estate di quest’anno. Le parti che stanno arrivando sono bellissime, è un’opera d’arte ingegneristica, diversa da qualsiasi cosa abbia mai visto prima in un’auto stradale”.

Adrian Newey parla della Aston Martin Valkyrie

Newey desiderava da tempo progettare un’auto stradale. “Volevo fare qualcosa del genere da anni”, racconta Newey. “A volte, quando avevo qualche momento di inattività, scarabocchiavo alcune idee e le buttavo in una scatola dove hanno lentamente preso polvere nel corso degli anni. Nel 2015 ho pensato che fosse il momento di fare qualcosa con loro, così ho concordato con Christian Horner che avrei iniziato a lavorare part-time su un progetto del genere”.

“Abbiamo assemblato un team molto piccolo, un capo progettista, un aerodinamico e un designer di superfici per iniziare a lavorarci dal punto di vista del pacchetto meccanico e della forma aerodinamica. Abbiamo lavorato per tutto l’autunno del 2015 e poi abbiamo iniziato a discutere su cosa fare dopo”, ha aggiunto.

“Troviamo un investitore privato con cui collaborare o ci avviciniamo a un’azienda automobilistica? Alla fine sia io che Christian abbiamo pensato che fosse meglio collaborare con una casa automobilistica. Loro sanno tutto su cose come la distribuzione, le vendite, l’assistenza, le normative sulle emissioni e le guarnizioni delle portiere – tutte aree in cui noi non abbiamo esperienza”.

“Aston Martin era chiaramente la favorita, a solo mezz’ora circa di macchina e chiaramente un’azienda molto appropriata. È stata una scelta facile e conoscevamo già Andy Palmer, il CEO di Aston Martin, il che ha reso l’affare molto semplice”, ha concluso.

Aston Martin Valkyrie AMR Pro

Valkyrie AMR Pro: un successore spirituale della McLaren F1

Ci sono numerosi parallelismi con la McLaren F1, la migliore supercar che abbiamo guidato, e il più grande progresso nelle auto sportive ad alta velocità fino ad oggi. Murray era sprezzante delle supercar contemporanee e Newey oggi è altrettanto poco complimentoso. Egli descrive l’attuale “stato dell’arte” delle hypercar – la McLaren P1, LaFerrari e la Porsche 918 Spyder – come “grandi, goffe e pesanti”. Non si tratta solo di supercar. “È il modo in cui l’industria automobilistica è andata, dalla vecchia Mini alla nuova Mini, dalla vecchia Ford GT40 alla più recente Ford GT. Volevo evitare ciò e mantenere l’auto compatta. Volevo, in effetti, un’auto di Formula 1 a due posti nella sua architettura di base”.

“Avrà un nuovo livello di prestazioni su strada o su pista rispetto a qualsiasi altra auto stradale. Allo stesso tempo, è confortevole se sei bloccato nel traffico o in autostrada“. Newey ha inoltre detto che speravano in 1000 kg, ma non ci riusciranno. Naturalmente l’auto ha una monoscocca in fibra di carbonio, la carrozzeria e le sospensioni, realizzate con materiali e costruzioni standard per la Formula 1.

Trasmissione assistita elettronicamente

Solo una piccola parte della potenza proviene dal motore elettrico, situato all’interno del powertrain. “Se fosse di più, il pacco batterie agli ioni di litio sarebbe troppo pesante”, continua King. Il motore elettrico aiuterà a partire da una partenza da fermo – in modo che la frizione non venga stressata – e contribuirà ad ammorbidire i cambi di marcia. Offrirà anche la retromarcia.

Il cambio è una scatola sequenziale a frizione singola disegnata da Newey, progettata e costruita da Ricardo. Ha sette rapporti e i cambi sono tramite palette in stile F1. La trasmissione aziona le ruote posteriori ed è molto compatta per consentire un sacco di spazio per i grandi tunnel di Venturi sotto la scocca, cruciali per una buona aerodinamica.

Valkyrie AMR Pro: design

Per molti versi, la Valkyrie è più avanzata di un’auto di Formula 1. “Ha un’aerodinamica attiva e sospensioni attive che includono un’altezza di marcia variabile. Queste sono tutte le cose che Adrian vorrebbe fare su un’auto di F1 ma non può”, dice King. “Adrian è così dedito alle sue idee. Ma allo stesso modo, non volevo che quest’auto sembrasse una vettura LMP1 schiava dell’aerodinamica. Doveva avere un’estetica Aston Martin, ma abbiamo raggiunto la funzione e la bellezza insieme. Ed è questo che è così importante di quest’auto”.

Reichman voleva un linguaggio diverso dalla Ferrari e dalla McLaren. Il raffreddamento viene dal basso e dall’alto, non da grandi radiatori laterali. Questo dà un’estetica molto diversa.

Aerodinamica

Inginocchiatevi per guardare attraverso il muso ed è come guardare da vicino una macchina di F1. Muso alto, grande ala anteriore che si libra sopra l’asfalto e ampi tunnel aerodinamici che incanalano l’aria attraverso la parte inferiore liscia dell’auto. Dalla parte posteriore, due vasti tunnel di Venturi sotto il corpo incorporano un diffusore posteriore con meccanica sospesa da una capsula liscia al centro. È un’auto da F1 con una striscia di carrozzeria sportiva. È bassa, piccola e molto elegante.

Il tettuccio è piccolo e stretto, così come l’abitacolo. Le porte sono ad ali di gabbiano e le loro aperture sono piccole. Anche se volteggiare sull’alto davanzale in carbonio richiede un po’ di atletismo, è facile stare comodi sull’esiguo sedile. C’è inoltre una scelta di guida a sinistra o a destra.

“Ti siedi molto vicino alla linea centrale dell’auto e molto vicino al tuo passeggero, ma c’è comunque uno spazio decente davanti e dietro. Reichman è alto un metro e ottanta e ci sta benissimo. Ti siedi con un angolo di 2º verso l’interno. Sei consapevole della posizione di guida con i piedi in alto, necessaria perché l’aria sgorga sotto i tuoi piedi per fare la magia aerodinamica del sottoscocca”.

L’ampio tergicristallo singolo si trova in piedi al centro del parabrezza avvolgente (Newey si aspetta che i proprietari lo svitino non appena arrivano a casa). L’interno è minimalista, spoglio ed efficiente. Ha alcuni comfort, ma poca decorazione. L’aria condizionata sarà essenziale. I finestrini non si aprono.

Valkyrie AMR Pro: prezzo

Delle 150 auto che verranno costruite, il prezzo si baserà sui 2,5 milioni di sterline l’una. King si aspetta che il 50% dei proprietari le avvolgerà nel cotone idrofilo e che l’altra metà userà regolarmente la propria auto. Questo prima di iniziare a personalizzarla da soli, sia presso un concessionario Aston Martin o presso il quartier generale del marchio a Gaydon.

E le corse?

Aston Martin ha confermato che la Valkyrie farà parte del campionato WEC 2020/2021. Gaydon dice che metterà in campo almeno due Valkyrie nella nuova divisione Le Mans Hypercar appena creata. Toyota è attualmente l’unica squadra ufficiale nel livello superiore del WEC, ma la nuova serie hypercar avrà almeno due squadre di produttori ora.

Il FIA World Endurance Championship e la 24 Ore di Le Mans rappresentano l’ultima sfida per l’Aston Martin Valkyrie – la hypercar più estrema del mondo. Progettata e costruita con lo scopo di spingere i limiti su strada, è naturale concludere che la prossima fase del suo sviluppo sarebbe quella di misurare le sue capacità in pista.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Renault 5 EV confermata per la produzione

Ferrari 296 GTB: un V6 ibrido da far cadere le mascelle

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media