Volkswagen elettriche senza conducente: iniziati i test

Possono i veicoli autonomi essere più sicuri di un guidatore umano?

Le Volkswagen elettriche senza conducente si stanno preparando per la distribuzione sulle strade europee. Nel frattempo, la più grande casa automobilistica del continente intensifica lo sviluppo in vista di un’introduzione commerciale prevista per il 2025. Il tutto senza un uomo al volante.

Entro la fine del 2021, i prototipi dell’ID Buzz – la reincarnazione elettrificata del famoso furgone Kombi – saranno testati sulle strade di Monaco. Lo stesso vale per una pista di prova appositamente costruita vicino all’aeroporto di Monaco.

Volkswagen sta dando la priorità allo sviluppo della sua divisione di furgoni, in quanto vede le applicazioni commerciali per i veicoli autonomi come un caso di business molto più forte rispetto alle autovetture.

Detto questo, Volkswagen prevede di estendere il livello 4, la guida autonoma hands-off alle auto della gamma elettrica ID entro il 2026.

Quali sono le ultime novità sulle Volkswagen elettriche senza conducente?

Volkswagen e il suo partner autonomo, l’americana Argo AI, hanno appena iniziato i primi test europei di questo prototipo. Solo uno di questi prototipi autonomi sarà costruito; è l’ID Buzz che costituirà la flotta di veicoli di prova, una volta in produzione quest’anno.

La partnership ha iniziato ad accumulare miglia sperimentali nella sua struttura di test di Monaco, un circuito di 10 miglia che rispecchia l’infrastruttura stradale europea. L’impianto sarà in grado di eseguire test per veicoli con guida a destra e dispone di rotatorie.

Il T6, utilizzato come prototipo, è pieno di sensori che aiutano l’auto a costruire un quadro completo del suo ambiente operativo. Il più ovvio è la crescita sul tetto, che ospita telecamere a campo lontano e radar nella sua base, ed è coronato da ciò che gli americani descrivono come la loro tecnologia di abilitazione di svolta, l’Argo LIDAR.

Il prototipo di Transporter T6 elettrico della Volkswagen

LIDAR sta per Light Detection and Ranging, e in parole povere fa rimbalzare un laser sugli oggetti per rilevare la loro distanza e costruire un’immagine 3D dell’ambiente circostante. Argo sostiene che il suo LIDAR è all’avanguardia perché opera fino a 400 metri di distanza, presumibilmente più lontano dei rivali. Può inoltre rilevare oggetti scuri che riflettono solo un singolo fotone di luce, anche di notte.

Il campo visivo di Argo LIDAR

Il LIDAR è solo una parte della suite di sensori del T6. Posizionati intorno al perimetro ci sono anche telecamere a distanza ravvicinata, LIDAR a corto raggio e radar. Secondo l’amministratore delegato di Argo AI, Bryan Salesky, ha senso usare tutte e tre le modalità, poiché i punti di forza di un tipo di sensore completano le debolezze di altri tipi.

La combinazione di tutti questi sensori aiuta a costruire un quadro ad alta risoluzione dei dintorni, da cui gli sviluppatori di Argo stanno scrivendo algoritmi software per vedere, rilevare, percepire e prevedere centinaia di migliaia di oggetti sulla strada in una sola volta. Volkswagen garantisce che il processo decisionale computerizzato avrà luogo a livello locale nei veicoli, piuttosto che dipendere da operazioni basate su cloud che potrebbero essere vulnerabili ai ritardi.

volkswagen elettriche senza conducente

È tempo di investire in Argo AI?

Alcuni grandi nomi dell’industria automobilistica credono certamente che Argo sia una potente azienda tecnologica. Ford e Volkswagen hanno infatti annunciato un investimento di 2 miliardi di dollari nelle sue operazioni. In effetti Ford è un partner fondatore delle operazioni statunitensi di Argo, tra cui una pista di prova in Pennsylvania completa di generatori di pioggia e nebbia e test di velocità in autostrada.

Ford e Argo stanno anche eseguendo test in Michigan, California, Texas, Washington DC e Florida. Miami è un hotspot di sviluppo per Ford e potrebbe esserlo per Volkswagen negli Stati Uniti: il suo clima caldo, ad esempio, non è vulnerabile alla neve che inganna i sensori. Le aree operative dovranno anche essere rigorosamente mappate in alta definizione.

Per quanto riguarda il business di Volkswagen…

Volkswagen ritiene che il mercato delle flotte commerciali autonome varrà 500 miliardi di euro in questo decennio. Lo spostamento di persone e merci è centralizzato nelle aree urbane: VW calcola che 10 città occidentali costituiscono il 50% del mercato di questi servizi.

“Con i veicoli commerciali, Volkswagen è già in un business che fornisce servizi”, dice Christian Senger, capo della mobilità e del trasporto come servizio dei furgoni VW. Logicamente ci stiamo concentrando sull’apice della tecnologia di guida autonoma, il livello 4, dove non è necessario alcun volante e il veicolo deve essere in grado di affrontare tutte le situazioni in una zona di guida definita“.

“L’unica differenza con il livello 5 di autonomia è che noi lavoriamo in una zona operativa definita, mentre il livello 5 significherebbe che funziona in tutta, per esempio, l’Europa in tutte le condizioni. Ma ciò è ancora molto lontano”.

Senger continua: “Il prossimo grande passo è andare in diretta con il nostro ID Buzz, con la giusta tecnologia di guida autonoma. Si tratta di essere super forti nella tecnologia dei sensori a 360˚, con una mappatura ad alta definizione e un calcolo all’avanguardia e ad alte prestazioni. È un’enorme sfida scientifica per creare veicoli autonomi più sicuri persino di un guidatore umano.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuova VW Tiguan Allspace: svelata la nuova sette posti

Cosa sa la tua auto di te e perché

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media