Audi SkySphere concept: svelata l’ultima macchina da sogno di Ingolstadt

Un'auto che unisce due mondi e li trasforma in un sogno ad occhi aperti.

La SkySphere dell’Audi è assolutamente oltraggiosa nell’aspetto e nel contenuto, con un concept che potrebbe far girare la testa a chiunque. Dopotutto, non ci sono molti esercizi di design che combinano un passo regolabile e due personalità distintamente diverse in uno stesso kit.

Si tratta di una lussuosa GT ora e una macchina sportiva più corta di 250 mm pochi istanti dopo.

Audi SkySphere: sarà mai costruita?

Improbabile: coupé e cabriolet sono in declino in questo mercato dominato dai SUV. Il passo variabile sembra un incubo per la sicurezza passiva e la certificazione. Di conseguenza, una biposto che misura tra i 4940 e i 5190 mm di lunghezza è destinata a incontrare seri problemi di accettazione sociale non appena entrerà sulle strade.

Come la Vision Maybach 6 coupé e roadster, mostrata a Pebble, l’Audi SkySphere è così radicalmente proporzionata che toglie semplicemente il respiro. Quando ha tolto le bende dalla sua ultima creatura, il capo progettista Marc Lichte ha fatto un breve riferimento alla storica Horch 853 del 1937/38. Tutto ciò per via dell’eccezionale maestria a tutto tondo e l’ambiente sensuale trasmesso da forme selvagge, grandi superfici ed effetti speciali illuminati.

Non fraintendeteci: questo è un pezzo di arredo urbano totalmente moderno. Tuttavia, la sua presenza e il suo impatto sono all’altezza di quelle fiammanti Benz, Duesenberg, Horch e Packard dell’epoca del Grande Gatsby.

Audi SkySphere: come nasce

La SkySphere è stata concepita a Malibu, dove Gael Buzyn della PB18 dirige lo studio Audi West Coast. L’Audi è solo a trazione posteriore, e adesso è sparita la vecchia griglia singleframe, la prevedibile grafica delle luci e persino la disposizione funzionale ma non particolarmente sexy dell’abitacolo.

Gael spiega la missione dietro il progetto PB21: “Nella forma a passo esteso, la SkySphere è un cruiser opulento con l’impronta di una A8 L. Nella versione a passo corto, è agile e scattante come una RS5. Offre una scelta istantanea tra lounge di lusso e auto sportiva, e la transizione da una modalità all’altra può essere completata anche in movimento”.

Questo processo si traduce in un significativo cambiamento di assetto (la Sport è più corta e bassa), un diverso tema luminoso e un abitacolo riconfigurato. Le enormi porte posteriori incernierate sono azionate elettricamente, così come il tetto avvolgibile di tipo flex e il meccanismo che sposta il volante. Lo schermo panoramico, inoltre, è diviso asimmetricamente. “Anche la griglia non è più un elemento fisso”, spiega Buzyn. “Piuttosto, grafiche diverse possono essere pre-programmate raggruppando dozzine di triangoli OLED su uno schermo antiurto che avvolge i parafanghi anteriori”.

audi skysphere concept

Cosa c’è sotto la carrozzeria?

L’Audi più impressionante mai costruita è alimentata da un motore elettrico da 465kW (624bhp) che si trova a cavallo dell’asse posteriore e guida le ruote posteriori. Alimentata da una batteria da 80kWh, l’unica unità di propulsione produce 553lb ft di coppia istantanea. abbastanza per spingere la neo-targa in quattro secondi netti da 0-62 miglia.

Grazie al suo peso in ordine di marcia relativamente basso di 1800 kg, la SkySphere può viaggiare in modalità GT per oltre 300 miglia tra i punti di ricarica. Ispirandosi alla prossima piattaforma PPE, gli ingegneri hanno optato per una disposizione a doppio quadrilatero tutto intorno e una sospensione pneumatica selettiva a tre camere. Grazie alla cinematica adattiva, al software ultrarapido e alla navigazione predittiva, il telaio può sollevare o abbassare le singole ruote per rispondere ai capricci della superficie stradale.

“Ciò che non smette di stupirmi è il fatto che SkySphere è ugualmente attraente sia a passo corto che a passo lungo”, ha detto il capo del design Audi, Mark Lichte, “Peccato che questa variabilità che apre gli occhi sia troppo complessa per la produzione”.

E l’interno?

Ciò che rende questa show car così speciale è la geometria quasi antagonista del veicolo e l’interno riconfigurabile. Audi la chiama quindi un Experience Device che divide il segmento premium in due facciate su misura. Supportato da un ecosistema digitale senza soluzione di continuità, questo modello e i suoi due prossimi compagni di gioco (GrandSphere e UrbanSphere) offrono varie opzioni di intrattenimento in viaggio. Garantiscono anche un’interfaccia completa per i social media, aiuti per il parcheggio e la ricarica, oltre naturalmente alla guida autonoma come servizio.

In modalità Grand Touring, tutti gli occupanti possono partecipare a videoconferenze, trasmettere film e musica in streaming, godere di visite guidate in zone sconosciute e ottenere un accesso privilegiato a concerti o eventi sportivi. “Per me sono i dettagli a fare la differenza”, dice un raggiante Buzyn. “Dettagli come i comandi a sfioramento nei pannelli delle porte o il diffusore posteriore che si abbassa in velocità per aumentare la deportanza sono molto importanti. E c’è di più, come un paio di guanti sotto il parabrezza e una coperta dietro il sedile del guidatore, la strumentazione in cristallo tagliata a mano e la miscela di macrofibre blu agave completata da legno di eucalipto con inserti metallici”.

Per non parlare delle branchie laterali che sottolineano la trasformazione in cinque secondi da GT a Sport e viceversa, gli specchietti retrovisori con telecamera più piccoli in assoluto e i cerchi in fibra di carbonio da 23 pollici a bassa resistenza. Marc Lichte riassume: “La SkySphere offre il meglio di due mondi – visivamente, dinamicamente, ergonomicamente e in termini di praticità. Sono due auto da sogno in una, punto”.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

BMW iX3 aggiornata: novità sulla tecnologia

Volkswagen ID.5 GTX: concept pronto per il debutto a Monaco

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media