Cosa c’è da sapere sui cambiamenti del Plug-in Car Grant

Cosa sapere e quali sono i veicoli qualificati.

In questo articolo analizzeremo i maggiori cambiamenti che riguardano il Plug-in Car Grant. Il governo britannico ha tagliato la disponibilità di sovvenzioni per sostenere l’adozione di auto elettriche. Ha quindi ridotto l’incentivo da £3000 a £2500, e dimagrendo il pool di veicoli che si qualificano.

La mossa ha fatto arrabbiare i gruppi ambientalisti.

Mike Hawes, amministratore delegato della Society of Motor Manufacturers and Traders, ha dichiarato: “La decisione di tagliare il Plug-in Car Grant è la mossa sbagliata al momento sbagliato. La nuova tecnologia elettrica a batteria è più costosa dei motori convenzionali e gli incentivi sono essenziali per rendere questi veicoli accessibili al cliente. Tagliare la sovvenzione e l’ammissibilità sposta il Regno Unito ancora più indietro rispetto ad altri mercati, mercati che stanno aumentando il loro sostegno, rendendo ancora più difficile per il Regno Unito ottenere un’offerta sufficiente”.

I politici sostengono che la sovvenzione si stia riducendo in linea con il calo dei costi – e spargerà ulteriormente il bilancio. Il ministro dei trasporti Rachel Maclean ha detto: ‘Vogliamo che quante più persone possibile siano in grado di passare ai veicoli elettrici. Stiamo rifocalizzando le nostre sovvenzioni per i veicoli sui veicoli a zero emissioni più convenienti”.

Plug-in Car Grant: come è sceso da 5000 sterline per EV alla metà

Gli automobilisti britannici hanno beneficiato di uno schema chiamato Plug-in Car Grant (PiCG) per incoraggiare l’adozione di auto elettriche dal 2011. Gli incentivi finanziari sono arrivati all’incirca nello stesso periodo della prima generazione della Nissan Leaf. Un’auto elettrica che ha aperto un nuovo terreno per essere utilizzabile tutti i giorni in un’epoca in cui la maggior parte delle auto elettriche erano ancora una specie di scherzo.

Ha inoltre fornito uno sconto di £5000 sul prezzo di listino di qualsiasi veicolo ammissibile.

BMW i3: si qualifica per un Plug-in Car Grant

L’incentivo è stato lanciato principalmente per ridurre le emissioni e migliorare la qualità dell’aria attraverso una maggiore adozione di veicoli a zero emissioni (EVs e ibridi plug-in, o PHEVs). Dalla sua introduzione nel 2011, circa 200.000 auto sono state acquistate con l’assistenza del PiCG, ma in termini assoluti questo è ancora un basso assorbimento, con le vendite di EV nel Regno Unito che rappresentano ancora meno del 2% del mercato.

Il governo ha rivisto il PiCG nel 2016, 2018, 2020 e di nuovo nel marzo 2021, riducendo il numero di auto coperte dalla sovvenzione così come la quantità di denaro offerto. Nel 2016, l’importo offerto è stato ridotto da £5000 a £4500 (o £2500 per gli ibridi plug-in) prima di ridursi ulteriormente nel 2018, con gli EV che hanno ricevuto una sovvenzione di £3500. Questo era il punto in cui i PHEV non erano più ammissibili alla sovvenzione.

Poi, nel bilancio della primavera 2020, questo è stato ulteriormente ridotto a 3000 sterline – e ora è stato di nuovo regolato in modo che gli EV che costano più di 35.000 sterline non sono più ammissibili per qualsiasi tipo di sovvenzione e solo 2500 sterline sono disponibili. La logica è che, se ci si può permettere un super-duper EV di fascia alta, i soldi dei contribuenti non dovrebbero essere usati per sovvenzionarvi.

plug-in car grant bmw

Renault Zoe – si qualifica per il Plug-in Car Grant

Il governo ha eliminato i precedenti raggruppamenti di categoria 1-3 di veicoli ammissibili. La seguente lista è stata pubblicata nel marzo 2021, confermando quali modelli sotto le 35.000 sterline avrebbero attratto il Plug-in Car Grant.

Solo i veicoli con emissioni inferiori a 50g/km di CO2 si qualificano – e devono avere una gamma completamente elettrica di almeno 70 miglia. La Renault Zoe rientra tra queste.

Come si richiede la sovvenzione per auto elettriche?

Se si acquista un’auto idonea, il rivenditore si occuperà di tutte le pratiche e la sovvenzione sarà dedotta dal prezzo di listino dell’auto. Il PiCG si applica solo ai nuovi acquisti – non è possibile ottenere uno sconto sul prezzo di un veicolo usato.

Auto che si qualificano per il PiCG

  • Citroen ë-C4 – Sense Plus
  • Citroen ë-C4 – Shine
  • DS 3 Crossback E-Tense – Prestige
  • DS 3 Crossback E-Tense – Performance Line
  • Honda E
  • Hyundai Ioniq Electric – Premium
  • Hyundai Kona Electric (39kWh) – SE Connect
  • Kona Electric (39kWh) – Premium
  • Kia e-Niro (39kWh) – 2
  • Mazda MX-30
  • MG MG5 EV
  • MG ZS EV
  • Mini Elettrica – Livello 1
  • Mini Elettrica – Livello 2
  • Elettrica – Livello 3
  • Nissan e-NV200 (5 posti) – Visia
  • e-NV200 (7 posti) – Visia
  • Nissan Leaf (40kWh) – Acenta
  • Leaf (40kWh) – N-Connecta
  • Nissan Leaf (40kWh) – Tekna
  • Peugeot e-208
  • Peugeot e-2008 – Active Premium
  • e-2008 – Allure
  • Renault Zoe
  • SEAT Mii elettrica
  • Skoda Citigo-e iV
  • Skoda Enyaq iV 60 Nav – Loft
  • Enyaq iV 60 Nav – Lodge
  • Smart EQ ForTwo
  • Smart EQ ForFour
  • Vauxhall Corsa-e
  • Vauxhall Mokka-e – SE Nav Premium
  • Volkswagen e-Golf
  • Volkswagen e-Up
  • VW ID.3 Pro (58kWh 145PS) – Vita
  • Volkswagen ID.3 Pro Performance (58kWh 204PS) – Vita
Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Caricare un’auto elettrica: quanto tempo ci vuole?

Pro e contro delle auto elettriche: come si vivono?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media