Carenza di componenti elettronici: fino al 2023

Le catene di approvvigionamento sono ancora molto fragili.

Si parla della carenza di componenti elettronici dall’estate del 2020. La pandemia di Covid-19 ha seriamente scosso il mercato dei componenti elettronici, causando ritardi e carenze di materie prime che continuano a trattenere il commercio. Mentre le ultime proiezioni suggerivano un ritorno alla normalità nella seconda metà del 2022, un nuovo rapporto di Supplyframe (una piattaforma che aiuta a progettare e gestire le catene di approvvigionamento nel mercato dell’elettronica) non è così ottimista.

Secondo l’indagine, il mercato dei chip tornerà all’equilibrio solo nel 2023. Le ragioni di questo ulteriore ritardo sono in effetti molteplici. Il Covid è stato certamente l’elemento di disturbo, ma altri eventi come il blocco del canale di Suez non hanno fatto che aggravare una situazione già tesa. Dall’altro lato, le società di trasporto hanno potuto approfittare di una situazione febbrile per osare con le offerte sulle forniture, a scapito dei produttori di componenti.

Carenza di componenti elettronici: un sistema da ripensare

Per Richard Barnett, capo del marketing di Supplyframe, è l’intera catena di approvvigionamento che deve essere adattata a questo nuovo modo di lavorare sbilanciato. “Le catene di approvvigionamento sono ancora molto fragili, e siamo sempre più consapevoli dei loro limiti. Sta diventando necessario rivalutare i nostri metodi di lavoro e riconsiderare le nostre strategie di gestione delle scorte”.

Per quanto riguarda la domanda, gli stessi componenti sono ancora i più ricercati: i microcontrollori e i microprocessori sono i chip più ricercati (+166% in un anno) ma anche i più difficili da trovare.

Un fatto che si riflette nei prezzi ancora sbalorditivi dei componenti per computer o nell’assenza di certe console di gioco sugli scaffali delle catene di negozi. Dato che l’industria automobilistica non è affatto uno dei principali attori del segmento, possiamo quindi aspettarci che la situazione per i produttori non migliorerà significativamente, nonostante l’abbondanza di elettronica nelle auto moderne.

Carenza di componenti elettronici auto

Le marche dovranno quindi continuare a fare dei compromessi nelle loro gamme. Sarà fondamentale scegliere un modello piuttosto che un altro per ricevere attrezzature i cui componenti sono difficili da ottenere. Per molti mesi a venire, l’intera catena di produzione e fornitura dovrà lavorare duramente!

Punti da ricordare

  • La carenza di componenti dovrebbe durare fino al 2023
  • I tempi di consegna di alcuni componenti sono aumentati del 55% nel Q3 2021
  • La domanda di microcontrollori e microprocessori è aumentata del 166% in un anno
  • La pandemia rimane il fattore principale della carenza, ma altri fattori come il blocco del canale di Suez hanno esacerbato la situazione
Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Skoda Slavia: ulteriori novità sul design

Una nuova fabbrica per la futura VW Trinity

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media