Carenza di semiconduttori e magnesio: una grande preoccupazione

"È necessario che i produttori comunichino con noi, che siano più trasparenti".

La carenza di semiconduttori, ma anche di magnesio, sta ormai facendo preoccupare molti produttori. Si tratta di una materia prima e di un metallo necessario per la fabbricazione di acciaio e leghe di alluminio utilizzati nell’industria automobilistica. “Abbiamo appena saputo che lo stabilimento di un produttore sarà chiuso fino alla fine dell’anno”, ha detto François Liotard, CEO di Lisi Automotive e rappresentante dei fornitori del settore.

“Finirò per dover tagliare le mie scorte se la situazione non si risolve rapidamente. E se tutti i produttori di apparecchiature fanno la stessa cosa, si creeranno carenze di altre parti. È necessario che i produttori comunichino con noi, che siano più trasparenti, affinché la fine della crisi dei semiconduttori vada bene e non crei altre carenze di pezzi. Proprio ieri vi abbiamo parlato del rinvio della Peugeot 308 SW. Il motivo? La carenza di semiconduttori.

Carenza di semiconduttori: rivedere la sicurezza passiva

“È un problema che si pone oggi con i semiconduttori, ma domani sarà con il magnesio e poi con le terre rare. Questo rischio di carenza di magnesio, di cui la Cina detiene l’85% della produzione mondiale, è particolarmente acuto dallo scorso settembre”, ha detto Nicolas Morel, membro del comitato esecutivo di Stellantis e presidente del comitato tecnico automobilistico della PFA, “Quando e se saremo colpiti da questa problematica, dovremo riprogettare la sicurezza passiva dei nostri veicoli con acciai senza magnesio“.

Questa dipendenza dalla Cina è davvero problematica.

Carenza di semiconduttori e magnesio

Uscire dalla dipendenza

Per quanto riguarda la legittima preoccupazione dei produttori di attrezzature, Nicolas Morel ha anche risposto: “Siamo informati all’ultimo momento dai nostri fornitori di ESP o di altre apparecchiature contenenti semiconduttori.

Non abbiamo una visione della nostra produzione se non a breve termine”.

Anche Opel ha dovuto chiudere una fabbrica fino al 2022 per mancanza di chip e semiconduttori. La situazione potrebbe migliorare a breve termine? Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno, ha detto: “Ci saranno ancora diversi mesi di tensione sulla fornitura di semiconduttori”, sottolineando allo stesso tempo che le linee di produzione sono in costruzione in Francia e Germania.

“Questo è un tema che abbiamo iniziato due anni fa affinché l’Europa produca il 20% dei semiconduttori mondiali nel 2030, rispetto al 10% di oggi, tenendo conto che la produzione mondiale raddoppierà nel periodo. In particolare, dobbiamo avere fabbriche in grado di incidere chip da 2 nanometri”, ha aggiunto Thierry Breton.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le auto più vendute in Europa a Ottobre 2021

Diesel ghiacciato: cosa fare e come evitare che accada

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media