Cosa sa la tua auto di te e perché

Quanto è sicura la raccolta dei dati? Quando preoccuparsi?

Cosa sa la tua auto di te? Ebbene, un sondaggio ha rivelato che solo il 19% degli intervistati sa che la loro auto ha un accordo sui loro dati.

Uno dei responsabili del sondaggio ha affermato: “È vero che stiamo accettando ogni sorta di termini e condizioni su base giornaliera.

Rabbrividisco al pensiero di ciò che Google sa di me, ma è una sorpresa vedere che così pochi automobilisti sono consapevoli di ciò che le loro auto sanno di loro. Ciò suggerisce che le case automobilistiche hanno bisogno di rendere la loro raccolta di dati più trasparente, i loro accordi più facili da leggere e, soprattutto, per il 75% dei conducenti che non lo vogliono, di rinunciare”.

Le ricerche hanno inoltre rivelato che le case automobilistiche condividono dati comportamentali anonimi sui propri clienti, come le loro destinazioni e il loro stile di guida, con società di dati di terze parti.

Altri risultati del sondaggio hanno mostrato che solo il 10% delle persone sapeva che la propria auto avesse già un accordo sui dati e, di questi, solo il 19% ha confessato di averlo letto.

Un enorme 86% delle persone non sarebbe felice che la propria auto condividesse i dati sulle abitudini di guida con società terze.

Cosa sa la tua auto di te: il significato

Un’alta percentuale di persone non vuole che i loro dati vengano raccolti.

Tuttavia, un basso numero di persone capisce quali dati vengono raccolti. Le ricerche mostrano che agli acquirenti regolari di auto non piace l’idea che le case automobilistiche traggano profitto dai loro dati comportamentali non sfruttati, e che non amano essere tenuti d’occhio.

Cos’è un accordo sui dati?

In generale significa accettare come e dove i tuoi dati possono essere condivisi. Se usi Google, ne avrai già firmato uno.

Le nuove auto con servizi connessi (una connessione internet o un’app) ti faranno firmare un accordo. In genere, si tratta di accettare di condividere i dati su di te e sull’auto con il produttore e alcune aziende terze.

Cosa sa la tua auto di te: i dati raccolti

Ciò dipende da quale auto hai, così come da quanto è vecchia l’auto. Se puoi azionare le funzioni della tua auto (come le serrature o il riscaldamento) tramite un’applicazione sul tuo telefono, o se l’auto ha un navigatore satellitare integrato, molto probabilmente può raccogliere dati su di te.

La raccolta di dati comuni dalle auto include:

  • Informazioni sulla posizione: dove sei stato
  • Dati sul comportamento del guidatore: la forza con cui si frena
  • Informazioni personali: quando hai acquistato la tua auto
  • Informazioni di marketing: quando il tuo contratto PCP sta per scadere
cosa sa la tua auto di te raccolta dati

Dovresti preoccuparti?

Per ora, oseremmo dire di no, ma in realtà si tratta di preferenze personali. Da un lato, si potrebbe pensare che, poiché la maggior parte dei dati condivisi è anonima, non c’è molto di cui preoccuparsi.

Le esperienze dell’indagine con le case automobilistiche hanno dimostrato che i dati sono stati resi anonimi e cancellati in modo appropriato. Ciononostante, dall’altra parte c’è l’ascesa di Google e Alexa che vengono piombati nelle auto: grazie all’auto connessa, in futuro il tuo profilo digitale avrà dati ancora più precisi su di te.

Ancora una volta, se ciò ti dà fastidio è personale.

Quali dati ci riserva il futuro?

Alcune case automobilistiche hanno componenti aggiuntivi che si possono acquistare dall’interno dell’auto. Aspettati che ciò diventi la norma in futuro. Per esempio, BMW permette agli acquirenti di aggiornare digitalmente i loro assistenti agli abbaglianti, senza la necessità di visitare una concessionaria per un aggiornamento.

Il software e l’hardware sono installati nel veicolo, compresi i pulsanti necessari per farlo funzionare, ma richiede un ulteriore pagamento dall’interno del veicolo per funzionare. L’acquisto da dietro il volante sembra destinato a diventare ancora più redditizio con le vetture autonome.

La Polestar 2 è stata la prima auto ad avere il sistema operativo Android di Google nativamente inserito al suo interno. Il sito web di Polestar menziona che grazie al fatto che Android Automotive OS è nativo, la Polestar 2 sarà presto un negozio in cui comprare cose.

Mark Aryaeenia, CEO della società di dati del veicolo ha detto: “Le aziende automobilistiche stanno pensando molto avanti nel futuro. Per esempio, immaginate le opportunità di e-commerce di un veicolo autonomo”.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Volkswagen elettriche senza conducente: iniziati i test

Kona N: il SUV di Hyundai ha 276 CV

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media