Le dieci migliori auto executive ibride plug-in del 2021

Una top 10 di funzionalità, comfort e design.

L’adozione dell’ultimo standard di test delle emissioni WLTP, combinato con un altro inasprimento delle regole fiscali sulle auto aziendali basate sulla CO2, ha spostato i riflettori sulle auto executive ibride plug-in.

Queste sono le auto che dovreste considerare per un grande passo.

BMW 330e

Ha perfettamente senso che BMW sia stato il primo marchio premium a offrire al mercato un’opzione esecutiva ibrida plug-in davvero convincente. L’ultima 330e combina un motore a benzina turbo da 2,0 litri con un motore elettrico montato a monte del cambio, facendola gestire e comportarsi come qualsiasi altra Serie 3 della generazione G20. È tuttavia presente una relativa penalità sullo spazio del bagagliaio rispetto ai suoi fratelli convenzionalmente alimentati, ma è improbabile che i tipici utenti business ne noteranno la carenza.

Oltretutto, lo spazio della cabina è illeso.

Con fino a 288bhp della spinta elettrica e della benzina combinata, il 330e ha un powertrain particolarmente reattivo. La maggior parte del tempo, la 330e si sente semplicemente come una serie 3 agile, divertente e di prim’ordine nel suo fascino sportivo.

La 330e ha una gamma elettrica certificata WLTP di 37 miglia, mettendola nella fascia media del 10% di imposta BIK per le opzioni PHEV.

Merita quindi il primo posto tra le migliori auto executive ibride plug-in.

BMW 545e xDrive

Abbiamo guidato la nuova 545e xDrive solo in forma di prototipo, ma abbiamo ancora tutte le ragioni per credere che il prodotto finito sarà uno dei più desiderabili plug-in sul mercato. A differenza della 530e, questa particolare Serie 5 plug-in accoppia l’eccellente motore 3.0 litri turbo a sei cilindri in linea di BMW con un motore elettrico secondario, ottenendo una potenza combinata di 388bhp e 442lb ft.

Una batteria da 12kWh consente una gamma solo elettrica di 34 miglia. Aggiungete questo alle emissioni di CO2 di 38g/km, e il 545e è impostato per ottenere una valutazione fiscale BIK del 10%.

Le prestazioni sono piuttosto eccezionali, e la transizione dall’elettricità alla benzina è appena percettibile. Anche l’accelerazione è adeguatamente potente. Mettete il piede a terra e la 545e raggiungerà grandi velocità rapidamente e con pochissimo sforzo percettibile. Tuttavia, la carta vincente della 545e è che può gestirsi con incredibile precisione, energia e controllo, nonostante il peso aggiuntivo del suo powertrain elettrificato.

La batteria potrebbe essere posizionata verso la parte posteriore dell’auto, ma la 545e è comunque tremendamente ben bilanciata nelle curve più veloci, e il suo sistema di trazione integrale offre una trazione eccellente. Ci sono tutte le possibilità che questa BMW stabilisca un nuovo punto di riferimento per la desiderabilità e le prestazioni delle executive ibride.

Volvo V90 Ricarica T6

La storia di Volvo nell’offrire le sue auto con un powertrain ibrido plug-in risale a molto tempo fa, ma la recente V90 Recharge T6 è senza dubbio il suo tentativo più riuscito nella ricetta.

La modesta batteria da 11.6kWh dell’auto significa che alcuni rivali andranno oltre con la sola energia elettrica, e con 335bhp in tutto, non è nemmeno il più potente PHEV che Volvo abbia fatto. Tuttavia, 36 miglia di gamma elettrica e 335bhp significano che il V90 T6 offre la gamma utilizzabile di zero-emissione.

Un altro vantaggio della V90 T6 è che si può comprare con quattro ruote motrici, cosa che non è fattibile per la maggior parte dei rivali dei marchi premium tedeschi.

Skoda Superb iV

Skoda ha lanciato la nuova Superb iV: un’auto che utilizza il motore e la trasmissione ibrida con cui i conducenti della Volkswagen Passat GTE hanno familiarizzato negli ultimi anni. Tuttavia, li confeziona in un’auto familiare più grande che è in offerta a un prezzo di listino inferiore. Semplicemente intelligente, o semplicemente semplice? In entrambi i casi, ha attirato la nostra attenzione.

La Superb iV è sorprendentemente normale, considerando che è il primo ibrido plug-in di Skoda. Non promette un’esperienza di guida particolarmente eccitante, né è caricata con tecnologia di bordo lussuosa o vestita con caratteristiche stilistiche innovative. Si guida e si gestisce più o meno come qualsiasi altra Superb, il che significa che è abbastanza maneggevole e orientata al comfort.

Anche se la batteria mangia un po’ di spazio nel bagagliaio, ci sono ancora 485 litri disponibili nella versione hatchback. L’autonomia elettrica è valutata WLTP a 35 miglia per un 10% di tassa BIK. Se stai cercando un’opzione PHEV spaziosa e conveniente, questa potrebbe essere tra le migliori executive ibride a cui prestare attenzione.

Mercedes-Benz E300de

Mercedes è l’unico giocatore nel segmento PHEV che offre la combinazione di un motore diesel e della propulsione elettrica. Nella E300de, permette anche di scegliere una carrozzeria berlina o station wagon, che è un altro vantaggio abbastanza raro. Per queste e altre ragioni, la E300de occupa la metà superiore di questa classifica.

La gamma elettrica sfiora appena le 30 miglia certificate WLTP, anche se ciò dipenderà dalle specifiche opzionali, quindi l’auto potrebbe perdere il 10% di BIK se si opta per ruote più grandi o per un assetto più sportivo. I nostri test suggeriscono che 22-25 miglia sono il massimo che la E300de può percorrere senza far esasperare il suo motore diesel a quattro cilindri. Eppure, considerando che ha solo quattro cilindri, le sue prestazioni sono incredibilmente rapide. La gestione è silenziosamente abile e abbastanza precisa, sebbene sia un’auto da due tonnellate.

L’installazione della batteria ibrida di Mercedes occupa un po’ di spazio nel bagagliaio, ma non impedisce alla E300de di essere un’auto estremamente pratica, in particolare nella forma di una station wagon, oltre che intelligente, desiderabile ed efficiente.

Mercedes-Benz C300e

In versione station wagon a benzina C300e, la Classe C plug-in è una proposta impressionante, se non una che coinvolgerà ed ecciterà i guidatori più appassionati. Sulle sospensioni pneumatiche opzionali la sua corsa è comoda e controllata, mentre il suo motore a quattro cilindri è liscio, raffinato e abbastanza incisivo da permettere alla Mercedes un decente giro di passo. A volte può essere un po’ troppo facile passare dall’alimentazione elettrica a quella a benzina, ma il passaggio è appena percettibile.

Con una nuova batteria da 13.5kWh, l’autonomia elettrica della C300e è ora di 34 miglia, competitiva nella sua categoria. Combina ciò con le emissioni di CO2 certificate WLTP di 37g/km, e la Classe C plug-in si inserisce comodamente nella fascia di imposta BIK del 10%.

Volkswagen Passat GTE

Dopo una sospensione temporanea delle vendite, la Passat GTE è tornata sul mercato britannico l’anno scorso in forma aggiornata. Il design ha subito un ritocco, ma i cambiamenti più grandi sono stati fatti sotto la superficie. Il pacco batterie è stato ampliato a 13kWh, aumentando la gamma elettrica dell’auto fino a 36 miglia sul ciclo WLTP. Anche il prezzo di listino è sceso, il che farà piacere agli acquirenti della Passat che opteranno per la versione ibrida plug-in.

Il powertrain stesso consiste in un motore a benzina 1.4 litri turbo ragionevolmente raffinato e un motore elettrico. Comprende anche due elementi che si combinano per fornire fino a 215bhp alle ruote anteriori attraverso un cambio automatico a doppia frizione a sei velocità. Certo, questo non è il più veloce o il più eccitante PHEV da guidare per gli ultimi standard del segmento, ma è davvero piacevole da guidare e da vivere. Rientra quindi tra le migliori auto executive ibride, sebbene non sia ai primi posti in classifica.

auto executive ibride volkswagen

Volvo S60 Polestar Engineered

L’eccezionalmente bella Volvo S60 Polestar Engineered è un’auto curiosa. In parte berlina ad alte prestazioni, in parte macchina ecologica elettrificata, ci sono poche auto in questa lista che hanno un’identità così apparentemente conflittuale come questa.

Gli ammortizzatori Ohlins, regolabili manualmente, forniscono alla S60 plug-in una guida eccezionalmente ben ammortizzata e un fantastico controllo del corpo. Nel frattempo, il suo motore elettrico e il motore a benzina a quattro cilindri lavorano per conferirgli un’impressionante potenza in linea retta, per gentile concessione dei loro 400bhp e 494lb ft combinati.

Con un’autonomia elettrica di 37 miglia e una valutazione BIK del 10%, ha tutte le carte in regola per essere un fantastico tuttofare. Tuttavia, il suo motore non è poi così eccitante. Quel quattro cilindri a doppia carica può essere anche adrenalinico quando si guida duramente, ma rimane comunque una scelta di nicchia.

Peugeot 508 Hybrid 225

La 508 Hybrid rende per ritmo decente e guidabilità, così come 31 miglia di gamma WLTP per un 10% BIK. Il powertrain è ottimo quando si va in giro senza particolare fretta. Il motore a combustione si avvia e si ferma in modo molto discreto, e la guidabilità con l’acceleratore parziale è buona. Scavare più a fondo per un giro più veloce fa deteriorare un po’ il powertrain, ma l’accelerazione vera e propria è abbastanza rispettabile.

L’interno è meno spazioso di quello di alcune berline di medie dimensioni, ma i sedili posteriori sono abbastanza utilizzabili per i bambini, mentre la parte anteriore è piacevole e visivamente interessante. Tutto ciò, combinato con l’eleganza dell’auto, dovrebbe rendere questa particolare 508 una delle auto executive ibride da considerare.

Audi A6 55 TFSIe

Dobbiamo ancora guidare l’Audi A6 55 TFSIe, ma sembra improbabile che deluda in termini di comfort, raffinatezza o prestazioni. Condivide il suo motore a benzina a quattro cilindri e il motore elettrico con la Q5 55 TFSIe. Dato che questo powertrain è brillante, intelligentemente calibrato e sorprendentemente potente sotto il cofano del SUV, sembra giusto aspettarsi lo stesso dalla sua applicazione nella A6 plug-in.

Audi sostiene una gamma WLTP solo elettrica di 33 miglia grazie a una batteria 14.1kWh, e le emissioni di CO2 testate in laboratorio di 35g/km consentono di inserirsi nella fascia di imposta BIK del 10%.

Insomma, è tra le auto executive ibride da tenere in considerazione, ma a cui non dare la priorità assoluta.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Marcell Jacobs: la passione per auto e motori veloci come lui

I dieci migliori hatchback ibridi del 2021

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media