Hongqi E-HS9: il SUV elettrico cinese con un look da Rolls-Royce

Il veicolo dimostra ancora una volta come molti produttori siano in corsa per l'eccesso stilistico e il lusso insolente sullo sfondo dell'accelerazione del cambiamento climatico.

Nio ES8, Voyah Free, Xpeng P7 e Hongqi E-HS9 sono la prova del livello che i marchi cinesi hanno raggiunto nelle auto elettriche. La maggior parte di questi è costituita da SUV di grandi dimensioni di cui si desidera sottolineare con serenità lo stile, il lusso interno e le prestazioni.

Ciò avverrebbe in un mondo in cui le materie prime non scarseggiano, il clima e la salute pubblica non sono minacciati e i cittadini, tutti sufficientemente benestanti, hanno spazio sufficiente per acquistare il loro modello preferito.

Ma dove sono le city car sobrie ed efficienti?

Hongqi E-HS9: il SUV con un look da Rolls-Royce

Il design è molto appariscente. La somiglianza con lo stile del marchio di lusso britannico ci ha portato a lasciare in disparte questo Hongqi E-HS9, certamente grande, ma non privo di fascino.

Le sue linee sono firmate Giles Taylor. Designer dal 2018 per il gruppo cinese FAW, proprietario di Hongqi, è stato in precedenza direttore del design di Rolls-Royce, dopo un periodo in Jaguar. È difficile non fare un collegamento tra questo E-HS9 e il primo SUV costruito nel Regno Unito con la famosa “Flying Lady” nel mirino.

Presentata nel maggio 2018, la Cullinan è uscita dall’ufficio diretto da Giles Taylor alla Rolls-Royce.

La macchina ha un ingombro maggiore rispetto alla sua copia cinese: 5,341 x 2,164 m e un’altezza di 1,835 m, rispetto a 5,209 x 2,010 x 1,713 m. Una sorta di fratello minore le cui linee sono un po’ meno nette e che non beneficia dell’apertura antagonista delle porte.

Hongqi E-HS9 suv

D’altra parte, anche i produttori cinesi amano aggiungere il loro tocco di originalità. L’Hongqi E-HS9 gioca con la luce grazie a un sistema LED completo che può essere animato a distanza per creare piccoli spettacoli. Questo è già il caso della parte posteriore, ma anche e soprattutto della parte anteriore con diverse linee di luce, tra cui una come mascotte nella parte superiore della griglia.

Ci sono anche ambienti illuminati a bordo dell’auto (pannelli delle porte, pedali, sotto i sedili anteriori, ecc.). Giocare con la luce è anche il ruolo del grande tetto panoramico trasparente di serie. Come la Nio ES8, più corta di 15 cm, la E-HS9 può essere configurata come 6 o 7 posti. Ciò può essere ottenuto modificando la composizione della seconda fila: due sedili singoli con uno spazio tra loro per facilitare l’accesso alla parte posteriore, oppure una panca per tre persone.

Trazione integrale

Sul SUV elettrico Hongqi E-HS9, la trazione integrale è assicurata da due motori elettrici sincroni a magneti permanenti che sviluppano una potenza combinata di 405 kW (551 CV) e una coppia massima di 750 Nm. Questa architettura consente alla pesante macchina (circa 2,7 tonnellate) di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi, prima di raggiungere una velocità massima di 200 km/h. Può anche trainare un rimorchio frenato fino a 1.500 kg.

Il motore è alimentato da una batteria agli ioni di litio con una capacità energetica lorda di 100 kWh e 90 kWh di potenza utilizzabile. Il marchio FAW dichiara un’autonomia nel ciclo combinato WLTP di 465 km. Sulla carta, questo si traduce in un consumo di carburante di 19,35 kWh/100 km. È già molto, ma alla fine è poco e poco credibile per questo SUV elettrico cinese dal frontale massiccio. Questo esercizio di stile è ripagato da un disastroso coefficiente di resistenza aerodinamica pari a 0,35.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media