Fiat: le novità in arrivo per il 2023

Le ultime novità elettriche in casa Fiat

Il mondo dell’auto sta attarversando un cambiamento radicale dall’inizio della sua storia. Il passaggio all’elettrico ha rivoluzionato l’approccio al mondo delle auto come mai era successo prima. Fiat, che fa parte del gruppo Stellantis, vede nel processo di elettrificazione un’importante opportunità di crescita per il gruppo.

Le ultime novità elettriche in casa Fiat

Carlos Tavares, a.d. del gruppo, ha sottolineato il crescente impegno dell’azienda sul fronte dell’elettrificazione. Dopo che l’Europa ha spinto per una crescente elettrificazione dei veicoli, Fiat ha investito 14 miliardi di Euro per ricerca, sviluppo e impianti. I numeri del mercato gli danno ragione: La 500e è l’auto elettrica più venduta in Italia e in Germania. Secondo solo alla capolista Volkswagen, che conta 3000 immatricolazioni in più in questa parte dell’anno.

Tavares, sottolinea ancora che entro il 2030 tutti i veicoli di Fiat saranno esclusivamente elettrici.

Le ultime due novità in casa Fiat: Punto e Panda

In questo contesto “elettrico” l’a.d. Tavares annuncia il lancio di due nuovi segmenti a marchio Fiat, entrambi di segmento B. Tavares non si è sbilanciato al riguardo, ma i modelli in questione potrebbero essere Punto e Panda. Il primo di cui si parla ormai da tempo potrebbe essere un B-Suv che è stato già avvistato in strada per i test.

Quest’ultimo potrebbe essere associato al nome della famiglia Panda. Oltre al B-Suv, uno dei due nuovi modelli potrebbe essere la nuova generazione della Punto. Del suo ritorno si parla ormai già da tempo, dato che l’azienda ha fatto uscire di scena il modello, uno dei più venduti di sempre del marchio. Ad ogni modo, si pensa che entrambi i modelli possano essere realizzati sulla piattaforma CMP, per poter essere realizzati in variante completamente elettrica.

Arrivano quindi due nuove compatte Fiat sul mercato, il gruppo Stelantis è sempre più elettrico.

Per altre news sul mondo delle auto, leggi anche:

Scritto da Michele Zacchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media