Manifesto: quando Dacia colpisce a sorpresa

Oltre al nuovo logo, Dacia presenterà al Salone di Parigi un sorprendente buggy. Pragmatico, rustico ma così accattivante: il Manifesto coglie tutti di sorpresa.

La novità più immediata di Dacia è la diffusione del nuovo logo su tutta la gamma, ma anche il nuovo Manifesto non scherza. Da metà giugno, tutti i modelli sono dotati del nuovo emblema del marchio, le lettere DC posizionate simmetricamente al centro della griglia.

Fino ad allora, nessun costruttore aveva mai effettuato un “restyling” simultaneo dell’intera gamma. Tuttavia, sul suo stand al Salone dell’Auto di Parigi, a metà ottobre, una macchina sorprendente farà il suo primo bagno di folla e farà spettacolo.

Chiamato Manifesto, non annuncia nulla di preciso nella gamma, in particolare non aspettatevi l’arrivo di un buggy per rinforzare la Sandero. Ma, a ben guardare, questo veicolo è pieno di idee che verranno abilmente riciclate.

E in fretta.

Dacia Manifesto, un periodo di gestazione di soli 6 mesi

Sotto la guida di David Durand, ai designer è stata data carta bianca per esplorare un territorio in linea con il nuovo posizionamento del marchio, ovvero le attività ricreative all’aperto, o Outdoor in termini di marketing. Quale modo migliore di avventurarsi in questo nuovo parco giochi se non con un Buggy? Ma attenzione, Dacia ha visto le cose a modo suo, non si tratta di riproporre la ricetta tradizionale del Buggy californiano, come una Meyer Manx progettata sulla base di un Maggiolino Volkswagen o l’auto arancione di Steeve McQueen nella vicenda Thomas Crown, alimentata da un potente Chevrolet Corvair a sei cilindri da 230 CV.

La Dacia Manifesto, tra l’altro, non ha un motore. In questo modo si evita di dover decidere tra un blocco 100% elettrico come quello della Dacia Spring o una tecnologia ibrida che dovrebbe essere inaugurata dalla Dacia Jogger al Motor Show.”Se ci fosse un motore, dovrebbe essere verde (come il colore ufficiale del marchio)”, ha detto David Durand.

Dacia Manifesto buggy

Il Manifesto corrisponde perfettamente alla definizione di buggy, in quanto non ha le porte, come è normale che sia, ma non ha nemmeno il parabrezza. Nel profilo, la sua forma piramidale è garanzia di robustezza e stabilità. È lunga 3,60 m e larga 1,85 m, con ruote da 17 pollici su tutti e quattro gli angoli. Come di consueto, i progettisti del marchio sono rimasti pragmatici, concentrandosi sui pneumatici airless sviluppati internamente. Visivamente, questi pneumatici semi-cavi ingrandiscono le dimensioni dei cerchi. Ma il loro vantaggio principale è che sono a prova di foratura, il che significa che questo buggy non ha bisogno di una ruota di scorta. Doppio vantaggio, riduzione del peso e aumento dello spazio di carico.

Dettagli a bordo

Anche a bordo non è necessario esagerare, soprattutto quando ci si avventura su una strada in pendenza o in un pantano profondo. È meglio avere una visione degli ostacoli circostanti. E per la navigazione, lo smartphone del conducente o del passeggero viene inserito tramite un’ingegnosa clip al centro della plancia, come sulla Sandero. Rifinita con sughero e gomma riciclata, la plancia offre un ampio spazio per appuntare documenti come in cucina. Meglio di una camera da letto con vista, i sedili rimovibili possono essere trasformati in sacchi a pelo, l’attrezzatura perfetta per un bivacco in coppia sotto le stelle.

Nella parte posteriore, non c’è un cassone ribaltabile in stile pick-up, ma un piano di lavoro per i professionisti che lavorano nella natura. La narrazione di Dacia è ancora molto pragmatica e si rivolge più a boscaioli e forestali che a surfisti e avventurieri sognatori. Le cinghie sui lati del veicolo consentono di fissare vari oggetti e lo stesso principio si applica al tetto, che è disposto come una vasta galleria per il trasporto di bagagli o di qualsiasi altro carico ingombrante.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contents.media