MotoGP, Dovizioso dice addio alla Ducati

L'annuncio dell'addio del pilota è arrivato dal suo manager Simone Battistella

Andrea Dovizioso dice addio alla Ducati. Il pilota forlivese ha comunicato alla scuderia di Borgo Panigale che al termine della stagione non rinnoverà il proprio contratto. La conferma è arrivata dal suo agente Simone Battistella che ha dato la notizia affermando che “non c’erano le condizioni per continuare insieme”.

Dovizioso: addio alla Ducati

Nel fine settimana in Austria, che sembrava aver riportato la Ducati e lo stesso Andrea Dovizioso nelle posizioni di alta classifica, ecco l’annuncio dell’addio del pilota alla scuderia italiana. Dopo 8 anni d’esperienza in sella alla Desmosedici, termina così l’avventura tra il numero 4 e la Ducati.

“Abbiamo comunicato a Ducati che Andrea non ha intenzione di continuare per i prossimi anni, che adesso vuole concentrarsi sulle prossime gare, ma che non ci sono le condizioni per continuare insieme”, sono state queste le parole di Simone Battistella, agente del Dovi, che ha reso nota la clamorosa notizia della giornata.

Nel futuro del pilota, però, non è previsto alcun ritiro come qualcuno aveva rumoreggiato.

Infatti, il manager del forlivese ha spiegato: “Non lascerà comunque la MotoGP, anche se non ci sono negoziazioni in corso con altre squadre”. “La riflessione è stata fatta in questo ultimo periodo. Andrea si sente molto più sereno adesso che ha preso questa decisione. Dovi preferisce essere sereno e concentrarsi sul campionato e togliere questo disturbo di mezzo, perché la questione del rinnovo e della negoziazione stava diventando abbastanza pressante.

A mente fredda e a cuore sereno, ha deciso di non continuare”.

Il futuro

MotoGP Gran Premio d'Austria Dovizioso

Per Dovizioso si aprono, dunque, diversi scenari futuri. Se l’ipotesi dell’addio alla MotoGP sembra essere escluso, molto probabile che per il pilota possano aprirsi strade inattese.

In questo momento l’unico posto vacante è quello do Andrea Iannone per il quale si attende l’esito della decisione del Tas sul caso doping. Ecco perché per il forlivese la pista Aprilia o quella della Ktm sembrano due destinazioni ipotizzabili. Quest’ultima, infatti, nella prossima stagione vedrà l’arrivo di Petrucci e non è detto che non decida di puntare forte anche sull’altro italiano, magari al posto di Lecuona, al momento “sacrificabile”. In questo momento, sembra difficile per il Motomondiale privarsi del vicecampione del mondo in carica. Dovizioso punta ad essere protagonista anche nel 2021.

Scritto da Andrea Medda
Tag
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Gran Premio di Spagna 2020: la classifica delle prove libere

MotoGP Gran Premio d’Austria: risultati qualifiche

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.