Opel chiuderà la fabbrica di chip fino al 2022

La causa è la carenza di materiali.

Opel ha appena annunciato che la sua fabbrica di Eisenach sarà completamente chiusa dalla prossima settimana, almeno fino all’inizio del 2022. La carenza di semiconduttori, un effetto collaterale della crisi sanitaria, è il principale colpevole. Questa carenza è una vera spina nel fianco; Toyota aveva infatti ridotto la produzione di 330.000 unità per questo motivo.

Questi minuscoli componenti elettronici sono la materia prima essenziale per i circuiti integrati e altri chip elettronici, sia nel settore automobilistico che in altri settori economici, come la produzione di smartphone.

In altre parole, senza semiconduttori molte attrezzature in un veicolo non sono in grado di funzionare, sia che si tratti di aiuti alla guida o della gestione di un motore.

Auto e smartphone, la stessa battaglia

Se non fosse che con la pandemia del coronavirus la domanda di dispositivi elettronici ha fatto un balzo in avanti eccezionale, le misure di contenimento hanno messo i dipendenti di queste fabbriche fuori dal lavoro per molto tempo.

Inoltre, un incendio in Giappone in uno dei più grandi stabilimenti di semiconduttori ha ulteriormente aggravato la carenza di questi componenti vitali. Di conseguenza, le forniture globali di semiconduttori stanno diminuendo. I siti di produzione automobilistica stanno iniziando a regolare la loro produzione di conseguenza, anche chiudendo alcune o tutte le loro strutture.

Opel fabbrica chip

Opel: poco ottimismo

Opel ha appena annunciato che il suo stabilimento di Eisenach (dove viene assemblata la Grandland) chiuderà completamente dalla prossima settimana. Ciò avverrà per molte settimane, dato che nessuna riapertura è prevista prima dell’inizio del 2022 nella migliore delle ipotesi. In attesa di giorni migliori, i dipendenti della fabbrica saranno messi a lavorare a orario ridotto.

Anche se Stellantis (che possiede Opel) dice che nessun sito francese è interessato da una prossima chiusura, questa carenza non è di buon auspicio per i mesi a venire.

Gli specialisti ritengono addirittura che un ritorno alla normalità non sia possibile prima della fine del 2022.

Nel frattempo, tuttavia, la nuova Opel Astra è stata finalmente svelata.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

La nuova Renault Mégane può già ringraziare la Zoé

Nuova Jeep Grand Cherokee: tutte le foto e le informazioni europee

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media