Notizie.it logo

Prove Libere Gran Premio Abu Dhabi

Prove Libere Gran Premio Abu Dhabi

Prove libere Gran Premio Abu Dhabi. Inizia l'ultimo week-end della stagione 2019 di F1 con le prove libere a Yas Marina.

Prove libere Abu Dhabi. Le monoposto stanno per scendere in pista per la prima sessione di prove libere. I piloti non troveranno nella prima sessione le medesime condizioni di qualifiche e gara. Sarà utile per ritrovare il feeling con le rispettive monoposto. Il fatto che la PL1 non si rivelerà di grande importanza potrà farci vedere un diverso approccio al weekend. Ci si concentrerà meno sulla prestazione pura e più sul fare chilometri, conoscere il tracciato e trovare fiducia.

Prove Libere 1 Abu Dhabi

Primi ad entrare in pista per il consueto outlap volto a verificare le funzionalità della macchina i due piloti della Ferrari. Entrano in pista Hamilton e Albon. Ricciardo inizia la sua giornata di lavoro con delle ghiere al posteriore per analizzare i flussi aerodinamici presenti sulla sua Renault.

Iniziano i giri lanciati, Albon arriva in vantaggio al secondo settore, Bottas migliora il tempo e al termine del giro si piazza in testa. Il thailandese si mette al terzo posto dietro a Leclerc.

Albon passa al secondo posto riuscendo a scavalcare Leclerc. Bottas, dopo aver fatto i migliori primi due settori non si migliora nel terzo ma è il primo ad andare sotto l’1:38 con il tempo di 1:37.975 7 decimi meglio della prima sessione dello scorso anno fatto segnare da Max Verstappen. L’olandese chiude il suo primo giro a più di un secondo di distacco dal leader Valtteri Bottas.

Entra in pista Lewis Hamilton con il numero uno sul davanti della sua W10 e si piazza dietro al compagno di squadra per mezzo secondo.

1-2 Mercedes in testa in questa prima sessione. Leclerc si migliora ma resta al quarto posto. Il campione britannico si lamenta via radio del motore veramente lento. Potrebbe essere un campanello di allarme in casa Mercedes.

Ad un ora dal termine di questa prima sessione: Bottas migliora, Verstappen si piazza al secondo posto,terzo Hamilton e quarto Vettel. Hamilton passa al comando con un distacco di 4 decimi rispetto al compagno di squadra. Bottas ha rotto il motore! Potrebbe essere il secondo delle 3 power unit. In ogni caso Hamilton preferisce rientrare ai box per evitare problemi.

Russell ha informato la squadra di non sentirsi bene. A rischio sia questa sessione di libere che il proseguo del fine settimana.

Sirotkin potrebbe sostituirlo in quanto terzo pilota Williams. Bottas con mescola media si piazza in testa con il tempo di 1:36.957 il primo sotto il 37. Verstappen passa al secondo posto a mezzo secondo di distacco dal leader con una mescola di vantaggio. Tempo realizzato con gomma soft.

Ricciardo riesce a terminare il giro prima che la RS19 lo abbandoni. Bandiera rossa in pista. Il motore rotto era vecchio ed utilizzato nelle varie sessioni di libere. Ricciardo non subirà penalità. Riprende la FP1 dopo la bandiera rossa. Ultimi 15 minuti di attività sul tracciato di Yas Marina. 10 minuti dal termine della sessione i team stanno già iniziando a lavorare in ottica passo gara.

Ultimi 5 minuti i piloti hanno un ritmo lento, un po’ per iniziare il passo gara ed anche perché la pista è ancora scivolosa dopo l’uscita di Daniel Ricciardo.

Sul finale testacoda di Sebastian Vettel che colpisce le barriere. Vedremo se ci saranno danni alla sospensione posteriore. La sessione termina con bandiera rossa.

Qui sotto i tempi della prima sessione di libere a Yas Marina:

1 77 V. Bottas (M) Mercedes 1’36″957 20
2 33 M. Verstappen (B) Red Bull +00″535 1’37″492 20
3 44 L. Hamilton (B) Mercedes +00″634 1’37″591 19
4 23 A. Albon (B) Red Bull +01″127 1’38″084 21
5 5 S. Vettel (M) Ferrari +01″949 1’38″906 18
6 8 R. Grosjean (B) Haas +02″189 1’39″146 16
7 16 C. Leclerc (B) Ferrari +02″292 1’39″249 16
8 20 K. Magnussen (B) Haas +02″393 1’39″350 18
9 99 A. Giovinazzi (M) Alfa Romeo +02″466 1’39″423 18
10 27 N.

Hulkenberg (M)

Renault +02″548 1’39″505 21
11 4 L. Norris (B) McLaren +02″671 1’39″628 17
12 18 L. Stroll (B) Racing Point +02″907 1’39″864 22
13 7 K. Raikkonen (M) Alfa Romeo +02″931 1’39″888 15
14 11 S. Perez (B) Racing Point +02″944 1’39″901 16
15 26 D. Kvyat (M) Toro Rosso +03″012 1’39″969 19
16 10 P. Gasly (M) Toro Rosso +03″444 1’40″401 17
17 55 C. Sainz (M) McLaren +03″730 1’40″687 22
18 88 R. Kubica (B) Williams +03″835 1’40″792 21
19 3 D. Ricciardo (M) Renault +03″893 1’40″850 12
20 63 G. Russell (B) Williams +04″405 1’41″362 24

Prove Libere 2

Le monoposto sono scese in pista per la seconda sessione di prove libere. Si concentreranno maggiormente su qualifica e gara visto che questa sessione replicherà le condizioni che i piloti troveranno domani e domenica.

I primi ad entrare in pista per saggiare le condizioni sono i due piloti dell’Alfa Romeo Racing. Leclerc il primo a far segnare un tempo cronometrato con il tempo di 1:39.969 con gomma dura. Magnussen a sorpresa in testa alla classifica dei tempi con una mescola di vantaggio rispetto a Leclerc. Il monegasco passa al sesto posto. Primo al momento Sergio Perez.

Il pilota Ferrari passa in testa alla classifica con un tempo di 3 millesimi sotto l’1:38, sempre con mescola dura. Verstappen passa al comando con un 1:37.145, Bottas secondo, dopo aver effettuato un giro con un ritardo di 4 decimi si avvicina a meno di un decimo dall’olandese della Red Bull.

Hamilton si porta a 22 millesimi da Leclerc con la stessa mescola. In cima alla classifica non cambia nulla. Ad un ora dal termine Charles Leclerc mentre spingeva per tentare il passo da qualifica tocca il muro nella medesima curva di Vettel stamattina. Macchina portata ai box senza particolari problemi.

Ora le squadre scendono in pista per concentrarsi sul passo da qualifica. Bottas in testa con il tempo di 1:36.256. Hamilton a 3 decimi secondo e Vettel si piazza terzo con un distacco di 5 decimi da Hamilton e 8 da Bottas.

Leclerc ora torna in pista dopo il contatto con il muro in uscita di curva 19. Verstappen si piazza al quarto posto con gomma soft. Il monegasco realizza i migliori primi due settori e perde il vantaggio nel terzo, il più ostico per la Ferrari. Si piazza al terzo posto a 8 millesimi da Hamilton secondo.

Sei decimi persi da Leclerc nell’ultimo settore. Si conferma il problema di inserimento dell’anteriore in curva con molto sottosterzo. Giovinazzi sbatte in curva 19 riesce a riportare la macchina ai box. I team si stanno concentrando in questi ultimi 40 minuti sul passo gara. Non dovrebbero esserci stravolgimenti in cima alla classifica.

Si migliora Sebastian Vettel abbassando il proprio tempo e piazzandosi al quarto posto dietro al compagno Leclerc. Inizia il lavoro sul passo gara dei top team. Hamilton passo monstre. Bravo anche verstappen che gira sull’1:42 alto. Incidente tra Bottas e Grosjean. Il finlandese tenta di superare il francese che non guarda negli specchietti e gira come se non ci fosse nessuno. Detriti in pista e bandiera rossa.

Leclerc prima dello stop girava su un passo costante di 1:43.5 troppo alto per poter insidiare Hamilton. Leclerc fa un ottimo 1:42.5 con gomma dura. Bottas rientra in pista dopo il contatto con la Haas. Leclerc al secondo giro con gomma dura alza il ritmo di mezzo secondo. Il monegasco ripete il medesimo tempo del giro prima.

Il ritmo è buono considerando che sta usando gomma dura ma non è a livello di Hamilton e della Mercedes. Altro giro sull’1:43.5 con traffico. Ora le squadre fanno prove di partenza. La sessione è terminata.

Ecco i tempi della seconda sessione di libere ad Abu Dhabi:

1 77 V. Bottas (B) Mercedes 1’36″256 27
2 44 L. Hamilton (B) Mercedes +00″310 1’36″566 31
3 16 C. Leclerc (B) Ferrari +00″386 1’36″642 28
4 5 S. Vettel (B) Ferrari +00″435 1’36″691 26
5 33 M. Verstappen (B) Red Bull +00″551 1’36″807 28
6 23 A. Albon (B) Red Bull +01″032 1’37″288 28
7 8 R. Grosjean (B) Haas +01″345 1’37″601 17
8 11 S. Perez (B) Racing Point +01″381 1’37″637 29
9 26 D. Kvyat (B) Toro Rosso +01″395 1’37″651 32
10 10 P. Gasly (B) Toro Rosso +01″514 1’37″770 34
11 55 C. Sainz (B) McLaren +01″578 1’37″834 31
12 4 L. Norris (B) McLaren +01″662 1’37″918 31
13 18 L. Stroll (B) Racing Point +01″729 1’37″985 31
14 20 K. Magnussen (B) Haas +01″824 1’38″080 30
15 27 N. Hulkenberg (B) Renault +01″866 1’38″122 28
16 3 D. Ricciardo (B) Renault +02″144 1’38″400 25
17 7 K. Raikkonen (B) Alfa Romeo +02″159 1’38″415 29
18 99 A. Giovinazzi (B) Alfa Romeo +02″208 1’38″464 31
19 63 G. Russell (B) Williams +03″256 1’39″512 31
20 88 R. Kubica (B) Williams +04″199 1’40″455 3

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche