Renault RS20: livrea, motore e caratteristiche della francese

Renault RS20, ecco le caratteristiche tecniche della monoposto che il team francese porta in pista per la stagione 2020 di Formula 1.

Renault partecipa al mondiale 2020 con la RS20. Il team francese ha portato quest’anno una vettura migliorata rispetto a quella dello scorso anno. L’obiettivo è quello di essere il primo team degli “altri” superando Mclaren di cui è motorista e portando un team ufficiale ai piedi del podio.

Per poterlo fare si è affidata all’esperienza di Daniel Ricciardo ed all’esuberanza di Esteban Ocon. In questo articolo scopriamo i dettagli tecnici della nuova monoposto realizzata dalla divisione sportiva.

Renault RS20: la livrea

La livrea della nuova Renault è un mix equilibrato di due colori, il giallo ed il nero. Il primo è presente nella zona anteriore della monoposto, con l’eccezione dell’ala anteriore interamente nera. Il posteriore invece è nera con il giallo presente sul cofano motore.

E’ un omaggio al colore simbolo della casa ed in particolare della divisone sportiva Renault Sport dove questa vettura è nata. Gli adesivi anteriormente sono nere e realizzano un bel contrasto con il giallo e posteriormente sono di colore bianco, perfetto sulla vernice nera. Si nota lo studio nella realizzazione, complessivamente è una livrea semplice ma carica,allo stesso tempo, di significato.

Il motore della monoposto

Ecco le specifiche del motore presente sulla R.S.20

  • Cilindrata: 1600cc
  • N° Cilindri: 6 a V 90°
  • Numero di giri: 15.000
  • Ricarica Pressione: Turbo singolo, pressione illimitata (5 bar abs)
  • Portata massima di carburante: 100 kg/h
  • Kg carburante in gara: 110
  • Alesaggio: 80 mm
  • Corsa: 53 mm
  • Valvole per cilindro: 4 (totale 24)
  • Tipo di iniezione: Iniezione diretta di carburante
  • Peso: 145 kg
  • Potenza massima cv: 950+

Renault RS20: le caratteristiche

Advertisements

A prima vista il cambiamento principale è nel muso che in questa versione 2020 è molto più simile a quello di Mercedes, Racing Point e Red Bull. Il profilo è stato snellito per migliorare l’aerodinamica così da avere una velocità massima più elevata. L’ala anteriore adotta la tecnologia Outwash per canalizzare in maniera migliore i flussi verso la zona posteriore.

La sospensione anteriore è simile a quelle viste sulle altre monoposto che prendono il via quest’anno.

Il sistema Pushrod vede il puntone agganciato al montante e non al triangolo garantendo così un’ottima gestione complessiva dello pneumatico e la corretta regolazione dell’altezza da terra in curva.

Passando al posteriore il cofano è rastremato a testimonianza di una diversa locazione dei componenti interni. Il fondo risulta così più libero permettendo ai tecnici di avere maggior spazio di lavoro per l’aerodinamica. Il posteriore vede un doppio scarico in uscita, a differenza del singolo visto su Ferrari, Alfa ed Haas.

Come si è potuto vedere il maggior cambiamento della R.S. 20 rispetto alla precedente R.S.19 riguarda l’anteriore dove si è avvicinata stilisticamente e tecnologicamente alla concorrenza. Sicuramente il proseguo della stagione porterà aggiornamenti a tutto il pacchetto aerodinamico e non di questa monoposto.

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

McLaren MCL35: motore e velocità di punta della monoposto di Woking

Alfa Romeo C39: motore e caratteristiche dell’alleata Ferrari

Leggi anche
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.