Renault non vuole vedere la fine dei motori a combustione nel 2035

La strategia di Renault è scandita da motivazioni ben specifiche. Ecco tutto ciò che dovete sapere.

Mentre l’Europa vuole porre fine ai motori a combustione nel 2035, il gruppo Renault vorrebbe mantenere gli ibridi fino al 2040. La vitalità di Dacia dipenderebbe da questo. La Commissione europea vuole che la vendita di nuovi veicoli a combustione, compresi gli ibridi, finisca in tutta l’Unione nel 2035.

Anche per alcuni produttori che hanno annunciato una strategia di elettrificazione rapida, questa ambizione non è senza preoccupazioni.

È sicuramente il caso di Renault, secondo Gilles Le Borgne, direttore dell’ingegneria del gruppo Renault. Alpine ha già annunciato che punterà esclusivamente all’elettrico, una transizione che sarà completa quando il sostituto della A110 verrà rilasciato, annunciato per il 2025. Anche il marchio Renault, che punta al 90% di veicoli elettrici nelle sue vendite annuali entro il 2030, dovrebbe essere pronto in tempo.

Sarebbe molto diverso per Dacia.

Dacia sarà al 10% elettrica nel 2030?

“Renault sarà al 90% elettrica entro il 2030, la Alpine 100%, ma per Dacia sarà circa il 10%. Avremo un sacco di ibridi perché la nostra strategia è semplice: costruiamo Dacia esclusivamente sulla piattaforma CMF-B”, ha affermato l’ingegnere. L’architettura in questione è quella dell’attuale Renault Clio e Dacia Sandero, tra le altre. È progettata per l’ibridazione ma non per l’elettricità totale, un ruolo devoluto alle piattaforme CMF-B EV (future R5 e 4L) e CMF-EV (Renault Mégane E-Tech Electric, Nissan Ariya).

Tuttavia, le auto elettriche sono costose da produrre, un costo che è ancora difficile da conciliare con il posizionamento “low cost” di Dacia. La piccola city car elettrica Spring, il primo modello a batteria del marchio rumeno derivato dalla Renault City K-ZE, offre solo prestazioni e attrezzature molto modeste per 16.990 € (prima del bonus).

renault dacia jogger

Renault vuole più progressività

Il gruppo Renault vorrebbe che i veicoli ibridi continuassero ad essere commercializzati dopo il 2035. “Pensiamo che l’approccio della Commissione europea non è quello giusto, e ci batteremo per proporre un modo più dolce di fare le cose. Proporremo anche di mantenere una certa proporzione di ibridi fino, direi, al 2040”, dichiara Gilles Le Borgne. Inoltre, il manager ha delineato una strategia: “Possiamo trasferire tutta la tecnologia da Renault a Dacia senza alcun problema. Lo stiamo già facendo: guardate la Sandero. Tuttavia ovviamente, a causa del prezzo dell’auto, aspetteremo finché non sarà assolutamente necessario. Per Dacia sarà una transizione molto liscia. Manterremo la benzina e il GPL, poi passeremo ai micro-ibridi e agli ibridi, e poi all’elettrico”.

Renault difende anche l’idea che la proporzione imposta di vendite di EV dovrebbe essere allineata con lo sviluppo di infrastrutture di ricarica. Le Borgne avrebbe anche sottolineato il tempo necessario per la trasformazione interna del gruppo (fabbriche, personale, ecc.) in vista della sua completa elettrificazione. Per quanto riguarda Dacia, il prossimo passo nell’elettrificazione del marchio sarà la Jogger, una versione ibrida annunciata per il 2023.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mercedes Maybach EQS concept: il SUV elettrico al naturale

Skoda Enyaq Coupé iV: informazioni e immagini ufficiali

Leggi anche
Contents.media