Notizie.it logo

Come riconoscere epicondilite in auto

Come riconoscere epicondilite in auto

L’epicondilite causa un dolore diffuso a livello del gomito; è uno stato che può verificarsi anche durante la guida, diffusa soprattutto tra gli sportivi.

Nel dettaglio l’epicondilite è una patologia diffusa sopratutto tra i giocatori di tennis, non a caso è più comunemente nota come “gomito del tennista“. L’epicondilite è una condizione dolorosa del gomito causata da un suo uso eccessivo. Un gomito in stato di epicondilite presenta tendini infiammati e doloranti. Quando trascurata l’epicondinite può portare a un grave danneggiamento dei tendini fino a un loro deterioramento.
Spesso ci si accorge di questa problematica col tempo, in quanto nelle prime fasi di questo malessere il dolore non è eccessivo ma aumenta in progressione. Guidando e tenendo il braccio flesso potremmo sentire male al gomito, non è sempre il caso di allarmarsi ma spesso i primi sintomi di questo disagio si potrebbero manifestare proprio durante la guida. I movimenti più semplici alla guida, come le manovre o anche solo tenere saldo il volante potrebbero confermarci se siamo affetti da epicondilite o da soli dolori articolari.

In ogni caso l’epicondinite in forma grave si individua facilmente in quanto presenta un gomito gonfio e quasi malforme e nella peggiore delle ipotesi può causare anche la febbre. In ogni caso l’ultima parola sarà quella del nostro dottore di fiducia.
Per gli affetti da epicondinite è consigliabile non guidare per tratti troppo lunghi, cercare di evitare per quanto possibile, fare esercizi mirati a rinforzare i tendini e sopratutto sottrarsi dal sollevare pesi eccessivi.
In caso non riuscissimo proprio a stare lontani dalla nostra amata auto con i giusti antidolorifici, la fisioterapia prescritta da un dottore e l’aiuto di un tutore apposito potremmo evitare di rinunciare alla comodità della macchina.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.