Tesla inchiodata dalle agenzie governative per la guida autonoma

A chi dare la colpa?

Nel 2016, una Model S P100D che guidava col sistema di guida autonoma di Tesla, si è schiantata contro un camion a 120 km/h, uccidendo il conducente. L’indagine dell’NTSB (National Transportation Safety Board) ha concluso che il conducente non era abbastanza sveglio per rispondere ai numerosi avvertimenti dell’auto.

Tuttavia, l’agenzia statunitense ha anche concluso che Autopilot era stato impegnato su una strada in cui non era previsto.

Nel 2017, l’NTSB ha quindi emesso una serie di raccomandazioni per limitare il rischio di incidenti. Questi includono l’adozione di un sistema che permetta di limitare l’uso della guida autonoma alle strade in cui è stata progettata per essere utilizzata. Allo stesso tempo, è incluso un mezzo per monitorare più efficacemente il livello di attenzione del conducente.

Da parte sua, la casa automobilistica americana si è finora limitata a dire che è responsabilità del conducente sapere quando e come impegnare il suo Autopilot.

Tesla e guida autonoma: Elon Musk messo in difficoltà

In una lettera a Elon Musk, la presidente dell’NTSB Jennifer Homendy ha detto di essere molto preoccupata per l’incapacità di Tesla di agire secondo le sue raccomandazioni. Soprattutto perché questo consiglio è stato inviato anche ad altri cinque produttori, i quali hanno risposto con i dettagli delle misure che hanno pianificato di mettere in atto per limitare i rischi.

Questa richiesta arriva in un momento in cui Tesla sta attualmente testando funzioni molto avanzate di guida autonoma. Ancora in fase di beta testing, questo programma permette a persone inesperte di testare la guida autonoma su strade aperte.

Inoltre, il nome è fuorviante in quanto non si tratta di una guida completamente autonoma. Il conducente deve ancora essere in grado di prendere il controllo dell’elettronica.

guida autonoma tesla

Chi dovrebbe essere incolpato?

Questi vari incidenti sollevano la questione della responsabilità e del ruolo morale del produttore. Deve limitare a tutti i costi i casi in cui il suo sistema può essere usato? Oppure deve spingere lo sviluppo al limite e lasciare che i conducenti si assumano la responsabilità di usarli o meno? In molti rapporti dell’NTSB, apprendiamo che la vigilanza dei conducenti è spesso messa in discussione, ma pochi possono testimoniare. Uno degli incidenti più recenti è avvenuto quest’estate: una Model S si è schiantata contro un’auto parcheggiata, uccidendo uno studente di 22 anni. Il conducente, che è sopravvissuto, ha potuto raccontare di aver fatto cadere il telefono e di essersi chinato per recuperarlo.

Tesla dovrebbe essere incolpata per aver permesso all’Autopilot di essere inserito su una strada non destinata al suo uso, o il conducente per aver fatto una telefonata mentre guidava? Insomma, è una situazione piuttosto delicata per Tesla, nonostante al momento stia vivendo un periodo piuttosto gratificante dal punto di vista economico.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lancia Delta 2026: prezzo e caratteristiche

Alpine: una foto intrigante per un nuovo modello?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media