Voyah Zhuiguang: le caratteristiche del terzo modello del marchio

Dopo il SUV Free e il monovolume Dreamer, ecco la berlina Zhuigang (追光), che letteralmente significa "inseguire la luce".

Voyah ha da poco presentato il Zhuiguang, nuova auto del marchio. Come la maggior parte delle grandi aziende, Dongfeng ha lanciato un nuovo marchio di auto elettriche, progettato per competere con le ambiziose start-up. A Dongfeng, è Voyah (in cinese Lantu 岚图).

Il marchio ha debuttato con due concept firmati da ItalDesign, il SUV iFree e la berlina iLand. Il SUV è stato commercializzato poco dopo con il nome di Free, seguito da un grande MPV, il Dreamer. Ora il concept di iLand è diventato realtà.

Possiamo subito notare che il Voyah Zhuiguang si è seriamente allontanato da questo concept. Non in senso stretto, perché molti degli stessi elementi sono ancora presenti: il disegno dei fari anteriori e posteriori, il logo illuminato, la parte inferiore della carrozzeria (ma senza l’aerodinamica che la accompagna), il disegno del lunotto…

Ciò che è cambiato radicalmente sono le proporzioni. Addio alla berlina snella che era quasi una coupé. La versione finale è una berlina statutaria che privilegia lo spazio nei sedili posteriori, a scapito dello stile. La sezione posteriore sembra essere troppo pesante e troppo corta rispetto al resto del veicolo.

È ancora lunga 5088 mm e larga 1970 mm, ma con un’altezza di 1505 mm non può essere una berlina bassa. Il passo è di 3000 mm.

Senza dare nell’occhio, l’aerodinamica è curata, con un Cx annunciato a 0,22. Come tutte le attuali berline elettriche, il suo posteriore affusolato non nasconde un portellone, ma un classico portellone del bagagliaio, che incorpora uno spoiler apribile elettricamente. Il bagagliaio anteriore è una consolazione. Lo Zhuiguang è basato sulla piattaforma ESSA con sospensioni pneumatiche e architettura elettronica centralizzata.

Voyah Zhuiguang: caratteristiche, design, dimensioni, interni

Dato che l’obiettivo è il comfort, cominciamo dai sedili posteriori, che dispongono di molto spazio, ma anche di uno schienale reclinabile (da 27 a 55°) e di un pouf sul lato destro.

L’occupante del sedile posteriore destro è il comandante a bordo. Questo è evidenziato da un comando sulla portiera che permette di spegnere le telecamere interne… Inoltre, può controllare le funzioni tramite riconoscimento vocale con 4 zone diverse.

Nella parte anteriore dominano gli schermi. Sono quattro: tre affiancati in un unico pannello su tutta la larghezza della plancia e un quarto sulla console centrale per controllare il clima. È possibile aggiungere un quinto schermo nel bracciolo posteriore. Questi schermi sono integrati da un head-up display con funzioni di realtà aumentata.

Voyah Zhuiguang caratteristiche

Batterie semisolide

Per quanto riguarda l’elettrico, è prevista una sola versione di motore: 4 ruote motrici con 375 kW e 730 Nm. Lo scatto da 0 a 100 km/h è dichiarato in 3,8 s, con una velocità massima limitata a 210 km/h.

È la sezione della batteria che sembra essere la più importante. Dongfeng dichiara batterie allo stato semi-solido per la versione base da 82 kWh e un’autonomia di 580 km. In questo senso, il produttore di Wuhan batte Nio, che ha utilizzato questo tipo di tecnologia sui suoi ultimi modelli sin dal lancio dell’ET7, più di un anno fa. Annunciato, ma non ancora commercializzato…

Curiosamente, la versione top di gamma ha diritto a una più classica batteria di tipo NMC, ma con una generosa capacità di 109 kWh. L’autonomia è di 730 km nel ciclo CLTC. La ricarica in corrente continua può arrivare a 230 kW. A differenza del SUV Free, non esiste una versione range-extender.

LEGGI ANCHE:

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com