Audi e-tron: un primo sguardo al SUV elettrico aggiornato

A quattro anni dal lancio, l'Audi e-tron riceverà un importante aggiornamento. Audi mostra un primo assaggio di questi cambiamenti.

La nuova Audi e-tron sarà presentata alla gara E-Cannonball in Germania. Questo modello mantiene la stessa base della e-tron di base, ma il SUV elettrico riceve molte modifiche.

Audi e-tron: un primo sguardo al SUV elettrico aggiornato

I primi cambiamenti che si possono notare, nonostante la mimetizzazione ancora presente, sono soprattutto estetici. La griglia anteriore è cambiata, così come il frontale modificato. Anche la parte posteriore è cambiata, soprattutto per quanto riguarda il bagagliaio e il paraurti.

Anche l’Audi e-tron Sportback cambierà nello stesso modo, ma non ci sono ancora immagini del SUV coupé elettrico. Tuttavia, le modifiche interne aiuteranno entrambi i modelli a rimanere competitivi sul mercato.

Ad esempio, l’autonomia del SUV elettrico dovrebbe superare i 450 chilometri nel ciclo WLTP. Si tratta di una bella evoluzione, dopo essere stata commercializzata con un’autonomia di circa 300 chilometri. Un primo aggiornamento ha permesso di raggiungere quasi 350 chilometri.

Questo nuovo inizio, previsto per l’inizio del 2024, consentirà ad Audi di guadagnare un po’ di tempo con un modello ormai vecchio, il tempo di mettere sul mercato il suo sostituto.

La futura Q8 e-tron dovrebbe prendere il sopravvento, ma quando arriverà, la e-tron originale avrà già trascorso otto anni sul mercato.

Audi e-tron aggiornata

Interni basati sulla tecnologia

Internamente la E-Tron fa pieno sfoggio della tecnologia di cui è provvista.

Sono infatti presenti una moltitudine di schermi, molti di più rispetto alle auto convenzionali. Il tachimetro è di tipo digitale e permette di monitorare i vari parametri compresa l’autonomia. Quello che differenzia questo modello, almeno internamente, rispetto agli altri prodotti da Audi è la costruzione della plancia.

Quest’ultima infatti è stata studiata secondo il concetto “wrap-around” che avvolge tutto l’abitacolo in un unico arco giungendo sino ai rivestimenti tridimensionali delle portiere. Questa auto è dotata anche degli specchietti esterni virtuali, non vi è infatti uno specchietto vero e proprio quanto una telecamera che riflette quello che vede nel proprio obiettivo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com