Le dieci migliori hypercar del 2021

Il meraviglioso fascino delle hypercar nella nostra classifica.

L’apice delle prestazioni automobilistiche e le realizzazioni a quattro ruote più veloci, più costose e più potenti del mondo sono rappresentate nella nostra top ten delle hypercar. Se un’auto ha ultimamente stabilito un record di velocità, o ci ha portato in un territorio inesplorato per quanto riguarda il prezzo da showroom o la potenza, è probabile che la troverete qui.

Alcuni dei partecipanti di questa classe hanno propulsori ibridi-elettrici all’avanguardia, altri solo motori a combustione ferocemente pronti a scagliarli nella media distanza. Tuttavia, tutti sono monumenti sia alla scienza che al brivido della velocità vera e propria.

Ferrari LaFerrari

L’ultima hypercar di punta della Ferrari non è niente di meno che il più grande e sensazionale picco che l’auto ad alte prestazioni abbia mai raggiunto. L’auto è alimentata da un incredibile 789bhp 6.3 litri V12 assistito da 161bhp di potenza elettrica incanalata direttamente alle ruote posteriori.

Il powertrain di LaFerrari, inoltre, fa un incredibile 950bhp. Anche se non abbiamo mai avuto la possibilità di cronometrarla, Ferrari sostiene che l’auto si lancia a 62 miglia orarie in soli 2,4 secondi e a 186 miglia orarie in soli 15 secondi.

Eppure, nonostante le sue enormi prestazioni e la sua sbalorditiva complicazione meccanica, LaFerrari ha una maneggevolezza assurdamente benevola e sfruttabile. Ciò la rende molto più accessibile ed eccitante da guidare su un circuito di quanto si possa mai credere.

La Ferrari ha chiesto più di 1 milione di sterline per ogni auto. Ne ha realizzate 500 in tutto, producendo l’ultima nel 2015, e finora ci è riuscita solo con la FXXK track special e la LaFerrari Aperta cabrio. LaFerrari è un monumento a tutto ciò che la Ferrari fa singolarmente bene ed è ancora la nostra hypercar portabandiera in carica.

McLaren P1

La prima auto della McLaren Automotive “Ultimate Series” doveva seguire le orme della leggendaria e celebrata F1, che da sola ha costruito la reputazione mondiale dell’azienda.

McLaren ha resistito alla tentazione di fare della P1 un facsimile moderno della F1, tuttavia. Ha infatti un powertrain ibrido-elettrico da 903bhp, un interno a due posti, una tecnologia di sospensione all’avanguardia e una costruzione leggera. L’aerodinamica da competizione la rende l’auto più veloce, più concentrata ed emozionante che si potesse immaginare, adatta per emozioni altrettanto senza precedenti sia su strada che su pista.

I brividi particolari che la P1 evoca la rendono incredibilmente veloce e risoluta al passo, e in grado di sfidare il suo pilota. Su strada è sorprendentemente docile e guidabile, anche se meno strabiliantemente eccitante di quanto la McLaren abbia fatto credere. Ciononostante, non troverete da nessuna parte al mondo una hypercar dalle prestazioni tecnologicamente più avanzate, efficace senza rimorsi o squisitamente propositiva di questa.

McLaren Senna

La Senna è un’auto dalle capacità su pista davvero sorprendenti. Anche se non è l’auto più potente, ha riserve di aderenza fenomenali. Inoltre, sviluppa circa 800 kg di deportanza al suo massimo, e con un ringhioso V8 di poco meno di 800 cavalli ci si aspetta una sfida snervante in pista, e quasi impossibile da guidare su strada. Il semplice fatto è che nessuna delle due cose è vera.

La Senna si prende cura di te e continua a farlo con il suo feedback, la stabilità e la guidabilità. È una prova fisica da guidare, ma un piacere mentale supremo e indimenticabile. E anche se è meno ampia e fruibile della maggior parte delle hypercar del suo prezzo, la sua dedizione all’attività di andare veloce, in cerchi di due miglia e mezzo, è assolutamente affascinante.

Lotus Evija

Le hypercar elettriche saranno sempre controverse quando si troveranno a competere con le auto ad alto numero di giri, le più rumorose, le più veloci e le più drammatiche del mondo. Tuttavia, sono indubbiamente in procinto di conquistare questa nicchia con la forza della coppia istantanea e travolgente.

Elettrica o no, le principali statistiche vitali di quest’auto non lasciano nulla al caso. La sua batteria da 70 kWh e il quartetto di motori la fanno pesare circa 1700 kg. Tuttavia, sviluppa anche circa duemila cavalli al picco, gira su pneumatici Pirelli P-Zero Trofeo R, e si dice che sia in grado di fare 0-186 miglia orarie in soli nove secondi (più di quattro secondi più veloce della sensazionale Chiron della Bugatti).

La guida del prototipo di Mike ha rivelato un’auto che lotta per sentirsi drammatica quando si lancia da basse velocità, ma che accumula velocità oltre le tre cifre con una potenza implacabile. La gestione sembra equilibrata come ci si aspetta da una Lotus, nonostante la sua disposizione a trazione integrale. Un segno promettente.

Bugatti Chiron

Il marchio trofeo del Gruppo Volkswagen, Bugatti, ha fatto la storia quando ci ha dato l’auto di produzione più veloce del mondo nel 2005. La Veyron con motore W16, 987bhp, a quattro ruote motrici, ha sfondato la barriera dei 250mph. Tuttavia, non poteva e non voleva essere considerata per sempre come l’auto più performante.

Nel 2016 è arrivata la Chiron. Dove la Veyron utilizzava una struttura spaceframe in alluminio, la Chiron ha una monoscocca più leggera in fibra di carbonio. Dove la Veyron si è fermata a meno di 1200bhp nelle sue forme finali, la Chiron aumenta a quasi 1500. Inoltre, dove la Veyron ha lasciato il metro di velocità massima di Bugatti a 268 miglia orarie, la Chiron, nella forma “Super Sport” da 1578 CV, ha portato quello che è diventato un record di velocità oltre le trecento miglia orarie. Attualmente si trova a 304,7 miglia orarie.

Se volete una hypercar che renda le velocità record così facili da raggiungere, questa è quella che fa per voi. Il motore a sedici cilindri di Bugatti ha certamente un po’ di ritardo del turbo e non ha il più dolce dei suoni: è più un hovercraft in partenza o un treno espresso che un’auto. Ciononostante, quando inizia ad impennare, non conosce assolutamente moderazione. La guida dell’auto è ferma e la sua maneggevolezza è forse solo un po’ insoddisfacente.

Raggiungere una velocità così incredibile, come fa la Chiron, la rende un successo straordinario: è assolutamente notevole per essere così irrilevante.

Porsche 918 Spyder

La Porsche 918 Spyder ha sfruttato maggiormente la sua tecnologia a zero emissioni del 21° secolo rispetto alle sue rivali, e ha avuto un’ampiezza di fascino come auto da guidare difficile da eguagliare.

Questa hypercar può essere guidata per circa quindici miglia con la sola energia elettrica e poi ricaricata a casa per fare tutto di nuovo. Come da tradizione delle supercar Porsche, è un po’ più difficile da guidare della 718 Boxster, ed è convertibile. Tuttavia, ha anche un motore V8 aspirato di derivazione motorsport che arriva a quasi 9000 giri, e rende l’auto sia cruda che eccitante in modalità full-bore. Ci sono anche quattro ruote motrici e più di 900lb ft di coppia, facendo accelerare la 918 Spyder da fermo con vera ferocia.

Sebbene sia pesante, è sempre veloce sul giusto tipo di pista. È l’ex detentrice del nostro record di maneggevolezza su pista asciutta, e distruttrice dello status della McLaren P1 come tale.

Non può proprio togliere il fiato come la LaFerrari e non ha la capacità di farti sentire come un qualificatore di Le Mans come la P1, ma, a suo modo, il risultato della 918 è stato altrettanto speciale.

Koenigsegg One:1

La Koenigsegg One:1 costa 2 milioni di sterline. Il suo V8 turbo alimentato a etanolo sviluppa più di 1300 CV. Nelle giuste condizioni, sostiene il suo costruttore, è in grado di spaccare 250 miglia orarie da fermo in meno di 20 secondi. Tuttavia, è più facile da guidare a velocità normali di quanto il nostro tester possa credere, facendo un sacco di coppia fuori dalla spinta, anche se l’azione del cambio automatico a doppia frizione richiede un po’ di tempo per abituarsi.

La One:1 è un vero e proprio viaggio da brivido: quando la sua aerodinamica inizia a funzionare, e finalmente colpisce il suo passo sopra le 125 miglia orarie, è a dir poco ultraterrena.

hypercar koenigsegg

Aston Martin Vulcan

Quando le hypercar diventano eccessive, lo fanno con un certo stile, e la Aston Martin Vulcan è certamente eccessiva. Questa hypercar da 820bhp produce 118dB di rumore di scarico. Per quanto riguarda il rumore, lo stesso scarico scende a 103 db, ma solo finché le marmitte dell’auto resisteranno alla forza dei gas di scarico (e non lo faranno per molto tempo).

Mentre si assorda la gente del posto, comunque, la Vulcan è un’auto assolutamente sublime da guidare su un circuito: è lurida, vivida, impegnativa e fisicamente esigente, e sembra un’auto da corsa in ogni centimetro della sua composizione dinamica. Immersiva e meravigliosa come poche altre auto mai costruite, la maneggevolezza della Vulcan è inaspettatamente accessibile e completamente fedele.

Pagani Huayra

Pagani è un produttore di auto così rare ed esotiche che una volta offriva accessori di guida in pelle che erano stati benedetti dal Vescovo di Roma in persona, o così si dice. L’ultima offerta dell’azienda modenese è la Huayra, introdotta nel 2012, quando 720bhp e 738lb ft sembravano una quantità leggermente ridicola di potenza e coppia per cercare di far passare un asse motore in un’auto stradale.

Guidata da un V12 biturbo da 6.0 litri di Mercedes-AMG, la Huayra si è dimostrata effettivamente un’auto fisicamente impegnativa per il pilota della vecchia scuola. Ha una gestione che richiede rispetto e ogni brandello della vostra concentrazione se osate disattivare gli aiuti di stabilità. Ciononostante, è anche meravigliosamente comunicativa e onesta, e così ricca, coinvolgente e speciale da guidare a qualsiasi velocità da essere totalmente inebriante.

La tardiva versione BC di Horacio Pagani, spogliata, leggera e con potenza aggiunta, è una versione che dobbiamo ancora provare, quindi tenete gli occhi aperti per un miglioramento della valutazione della Huayra quando lo faremo.

Lamborghini Centenario

Prendete una supercar Aventador. Alzate lo stoppino del suo motore V12 da 6,5 litri a livelli mai visti prima, datele una vistosa carrozzeria nuda in fibra di carbonio e avrete la Centenario.

Lamborghini ha svelato l’auto al Salone di Ginevra 2016, annunciando che ne produrrà solo 40 in tutto e farà pagare 1,6 milioni di sterline al pezzo. Superbamente rumorosa, stravagante e che attira l’attenzione, la Centenario fa molto di ciò per cui le Lamborghini sono costruite. Anche se non ha il ritmo e il fattore di meraviglia tecnica di alcune moderne hypercar, è chiaramente un’auto molto veloce e speciale da guidare.

Speriamo di poterla conoscere meglio un giorno.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ducati: ecco i monopattini elettrici della casa bolognese

Nuove auto elettriche 2021: cosa sta arrivando?

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media