GMC Hummer EV: tutto ciò che dovreste sapere sulla ricarica

Con i suoi 212 kWh di capacità utilizzabile, il GMC Hummer ha una batteria mostruosa rispetto a quelle presenti nelle auto a cui siamo abituati.

Con una larghezza di 2,20 m e un’altezza di poco superiore a 2 m, il GMC Hummer EV misura 5,50 m nella versione pick-up ma “solo” 5 m nella versione SUV. Si tratta quindi di un bambino grande, che pesa oltre 4 tonnellate.

Se dovesse essere commercializzato in Italia, si porrebbe un problema: può essere guidato con la patente B, che in genere presuppone una massa complessiva non superiore a 3,5 tonnellate? Probabilmente, dato che i veicoli elettrici possono beneficiare di un’esenzione fino a 1 tonnellata a causa del peso supplementare causato dalla batteria. Si tratta di un trucco già utilizzato per alcuni veicoli commerciali, e l’equivalente si può trovare anche per i quadricicli.

Tre motori alimentano l’Hummer EV, con una potenza massima di 735 kW (in cavalli è ancora più impressionante: 1.000 CV) e una coppia massima di 16.000 Nm.

GMC Hummer EV: 1,3 tonnellate di batterie

Il GMC Hummer EV è appesantito dalla batteria Ultium (nichel, cobalto, manganese, alluminio), che pesa più di 1,3 tonnellate ed è composta da 24 moduli. Ha una capacità energetica utile di 212 kWh su un totale di quasi 247 kWh.

Non aspettatevi più di 400-450 km di autonomia effettiva.

Come la Porsche Taycan, la Kia EV6 e la Hyundai Ioniq 5, il veicolo è disponibile con un’architettura a 800 V che apre le porte alla ricarica ultraveloce (350 kW). Se si calcolasse alla fine del contatore, ci vorrebbero solo 36 minuti per rigenerare il pacchetto. Ma questo non terrebbe conto della curva di carica.

GMC Hummer ricarica e batteria

In un video pubblicato sul canale Youtube Out of Spec Reviews, Kyle Conner annuncia un tempo di attesa di 152 minuti per passare da 0 a 100% in una stazione Electrify America distribuita oltreoceano da Volkswagen. L’addebito come non abbonato alla rete è stato di 96,32 dollari, ovvero 92,30 euro, secondo il prezzo di mercoledì 16 novembre 2022.

Per favorire la rotazione ai terminali, non è consigliabile fare il pieno ad alta potenza. Tuttavia, l’esercizio è interessante e ci permette di fare alcuni confronti.

Fuori dall’America

Cosa accadrebbe in Italia in una rete equivalente? Ionity, in Europa, da diversi mesi non fa più pagare la tariffa al minuto. Altrimenti, a 0,79 euro per unità a prezzo pieno, il conto sarebbe stato di 120 euro. Pensate che sia molto?

È vero che riducendo l’intervallo di ricarica al 20-80% per eliminare i tempi di rigenerazione a potenze inferiori, l’importo da pagare sarebbe stato ridotto di diverse decine di euro. Ora, con Ionity, questo corrisponde a 0,69 euro per chilowattora. È meglio per un potenziale guidatore di GMC Hummer EV? Per niente.

Perché riprodurre lo scenario dello youtuber americano costerebbe 212 x 0,69 = 146,28 euro. A meno che non si utilizzi il terminale tri-standard da 50 kW a 0,39 euro l’uno, il che significa un pieno a 82,68 euro. Ciò richiederebbe ovviamente più tempo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com