Lotus elettrica: auto sportive, SUV e berline previste entro il 2025

Lotus e Alpine uniscono le forze per un futuro ricco di novità interessanti.

Lotus sta diventando globale, con una nuova sede per la sua divisione tecnologica in costruzione a Wuhan, in Cina. Questo nuovo quartier generale sarà una pietra miliare nello sviluppo del suo focus sulle auto elettriche pure, insieme a un massiccio investimento di oltre 100 milioni di sterline.

Questa nuova flotta di modelli Lotus EV include due nuovi SUV e una berlina sportiva.

L’elettrico al centro del piano decennale di Lotus

Matt Windle è stato amministratore delegato da gennaio, anche se ha iniziato il suo secondo lavoro alla Lotus nel 2017. Lo stesso anno Lotus è passata sotto la proprietà di maggioranza della risposta cinese al Gruppo Volkswagen, Geely Holdings, e del gruppo automobilistico malese Etika Automotive. I nuovi proprietari hanno pompato più di 100 milioni di sterline in Lotus, compresa la costruzione di una nuova sala di assemblaggio a Hethel.

Ben presto Windle è stato responsabile di tutto lo sviluppo del prodotto nel Regno Unito, ed è stato intrinsecamente coinvolto nella stesura del business plan decennale di Lotus fino al 2028, l’ottantesimo anno dell’azienda. “Quando abbiamo scritto la nostra strategia di prodotto, che era l’inizio del piano Vision80, abbiamo dovuto inserire EV”, spiega. “Con la legislazione che è arrivata, e con i dati di mercato che mostrano che i volumi cresceranno sempre di più, il passaggio all’elettrificazione è la cosa giusta da fare“.

Windle non è estraneo ai veicoli elettrici: ha lavorato alla Tesla per sette anni, portando la prima Roadster in produzione a Hethel. “Mi ha fatto capire cosa si può fare con le auto elettriche. Hanno le loro sfide ma anche molti vantaggi: gestione del calore e imballaggio”.

La Emira: l’ultima Lotus con motore a combustione

Lotus ha già mostrato la prima auto del piano Vision80, la Evija, una hypercar puramente elettrica basata su fibra di carbonio e monoscocca.

I suoi quattro motori dovrebbero produrre 2000PS (1973bhp), il che la renderebbe l’auto stradale più potente della storia. Il prezzo? 2 milioni di sterline a testa. Mentre la Evija è limitata a 130 unità (come si addice al suo numero di tipo 130), la Emira – internamente conosciuta come Tipo 131 prima della sua rivelazione – è il primo modello di serie della nuova era.

“Non faremo alcuna trasmissione ibrida, perché passeremo direttamente all’elettrico”, afferma Matt Windle. “La Type 131 è fondamentalmente il ponte verso la nuova era delle auto Lotus: è la nostra ultima auto con motore a combustione interna”. L’Emira è un’auto sportiva con motore centrale che sostituirà l’uscente Elise/Exige/Evora. Entrerà nei rivenditori rinnovati di Lotus all’inizio del 2022.

Lotus Emira

SUV Lotus su architettura di veicolo su misura

Sono in sviluppo anche due nuove architetture di veicoli, una per supportare i “veicoli lifestyle” a quattro porte come i crossover/SUV, l’altra per sostenere le auto sportive puramente lettriche. Nessuna delle due avrà motori a combustione, e sono progettate da Lotus. Arriveranno anche due nuovi SUV: uno per il segmento E (Porsche Cayenne, BMW X5, Audi Q7) nel 2022 e uno per il segmento D nel 2025 (Alfa Stelvio, Porsche Macan, Maserati Grecale ecc.).

Qual è la visione di Windle? “L’estetica deve essere giusta, desiderabile. Deve guidare come una Lotus, anche se c’è più peso ed è più grande. Non c’è motivo per cui non si possa avere la migliore maneggevolezza e dinamica”, spiega. “Non stiamo usando le architetture Geely. Abbiamo accesso a quelle architetture, ma una delle cose che mostra l’intento di Lotus è che stiamo progettando le nostre architetture. Una di queste sarà un’architettura per auto lifestyle”. Oltre ai SUV, un’altra auto che utilizzerà questa architettura sarà una berlina del segmento E (BMW serie 5, Audi A6 ecc.) in arrivo nel 2024.

I piani di espansione globale e un prezzo interessante per la prossima auto sportiva

Lotus trarrà alcune intuizioni dalla collaborazione con la squadra di corsa Extreme E di Jenson Button: è un connubio appropriato per la nuova Lotus, mescolando motorsport, veicoli fuoristrada e potenza puramente elettrica. In cantiere c’è anche un’architettura di auto sportive elettriche. “Abbiamo un programma in corso chiamato LEVA (lightweight electric vehicle architecture), con il sostegno del governo”, dice Windle. “Abbiamo l’ambizione di portare un’auto sportiva elettrica a un peso simile a quello delle auto sportive con motore a combustione“.

Discutendo di LEVA, traspare la passione di Windle per l’ingegneria. Ha iniziato come disegnatore manuale presso il produttore di camper Dormobile, poi ha imparato la progettazione assistita dal computer alla Daewoo di Worthing prima di entrare in Lotus per la prima volta nel 1998. “Pensiamo di poter raggiungere il nostro obiettivo attraverso un design intelligente“. Uno dei beneficiari di LEVA sarà Alpine, la divisione auto sportive di Renault. Le due aziende stanno esplorando le risorse tecniche condivise e guardando alle opportunità di motorsport combinato.

Sarà vitale nello sviluppo del rapporto tra Alpine e Lotus: conosce bene le sue controparti francesi, avendo lavorato per la Caterham quando stava cercando di sviluppare una versione della vettura sportiva A110. Purtroppo la mancanza di fondi ha ucciso la Caterham. “Penso che Lotus e Alpine stiano molto bene insieme: abbiamo la stessa mentalità e le stesse aspirazioni. Inoltre ci completiamo a vicenda anche negli spazi di mercato: loro potrebbero aiutarci in Europa e noi potremmo aiutarli negli Stati Uniti. Quindi penso che ci siano davvero buone opportunità per entrambi i marchi“, conclude Windle.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bullit Hero 125 Gulf Edition: prezzo e caratteristiche

Mini Strip: caratteristiche e scheda tecnica

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media