Nuove rivelazioni su una futura cabriolet elettrica Alfa Romeo

La nuova auto dovrebbe essere piuttosto una roadster a due posti, sempre a emissioni zero.

Alfa Romeo potrebbe produrre una futura cabriolet elettrica? Ebbene, tre anni fa vi avevamo detto che era possibile che riportasse in vita la GTV, la cui carriera si era conclusa nel 2005. All’epoca, il capo del marchio italiano, Jean-Philippe Imparato, dichiarò di essere “molto interessato alla GTV”.

E, secondo le prime indiscrezioni, questo modello potrebbe assumere la forma di una coupé a 4 porte, 100% elettrica.

Infatti, secondo nuove informazioni, la nuova auto da diporto dovrebbe essere piuttosto una roadster a due posti, sempre a emissioni zero.

Il nome “Duetto” utilizzato più volte da Jean-Philippe Imparato

E perché arrivare a questa conclusione? Per il semplice motivo che, come sottolineano i media britannici, “Imparato ha progettato costantemente il veicolo Duetto”.

In altre parole, i dubbi dovrebbero essere pochi. Questo nuovo modello, 100% elettrico, non si ispirerebbe alla GTV venduta per 10 anni e nemmeno alla sua variante cabriolet sobriamente denominata Spider. Si ispira al modello precedente, noto anche come “Duetto” venduto dal 1966 al 1993, che era – contrariamente a quello che gli è succeduto – a trazione posteriore. A proposito, “duetto” significa “duo” nella lingua di Dante. Sarebbe quindi difficile immaginare un veicolo del genere con più di due persone a bordo.

futura cabriolet elettrica Alfa Romeo

Alfa Romeo cabriolet elettrica: quando arriverà nell’assortimento?

E, come potete vedere, è quasi certo che questo modello arriverà nel prossimo futuro. L’obiettivo del capo del costruttore transalpino è quello di concentrarsi inizialmente sugli stili di carrozzeria più popolari, che generano margini più elevati.

E l’Alfa ne ha bisogno, perché non si può dire che al momento goda di buona salute. Il programma ufficiale non è noto, ma sappiamo che la gamma, attualmente ridotta, sarà ampliata rapidamente al ritmo di un nuovo modello all’anno. Oltre a un SUV di segmento B che arriverà per primo, potrebbe chiamarsi Brennero, anche la MiTo e la Giulietta potrebbero rinascere dalle loro ceneri in seguito.

Ci sarebbe anche un grande SUV chic in programma, ma non prima del 2027, un anno importante per l’Alfa Romeo se mai ce ne fosse stato uno, dato che avrà completato la sua transizione al 100% elettrico. Ma prima di allora, tra il 2024 e il 2026, dovrebbe esserci uno spazio nel calendario per la Duetto moderna. A livello industriale, non è chiaro su quale piattaforma verrà costruito questo modello. L’opzione più logica sarebbe quella di utilizzare la base della nuova Maserati Granturismo. Ciò renderebbe la spider un modello esclusivo, probabilmente prodotto in serie limitata, un po’ come la 8C a suo tempo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

BMW M 50 Jahre edition: serie speciale per la M3 e la M4

La scatola nera nelle auto: tutto ciò che dovete sapere

Leggi anche
Contents.media