Renault Duster 3, la Dacia Duster con un diamante in Australia

In alcuni mercati lontani, dove l'identità del marchio è meno prioritaria della redditività, è in lavorazione una Renault Duster.

A quanto pare, la nuova Renault Duster 3 è attualmente in lavorazione. Dal 14 gennaio 2021 e dalla Renaulution, l’intera organizzazione del Gruppo Renault è stata ridisegnata. Ogni marchio, Alpine, Dacia, Mobilize e Renault, opererà in modo indipendente in termini di design e identità di fatto.

Quindi, secondo questa nuova strategia, in teoria non sarà più possibile trovare Dacia con il badge Renault, come avviene in Sud America o, più vicino a noi, in Russia con la Renault Duster. Eppure, in terre lontane, lo scenario si ripeterà.

Una Renault Duster 3 nella terra dei canguri

La terza versione della Dacia Duster, che arriverà nel 2024 e sarà basata sulla concept car Dacia Bigster, si chiamerà infatti Renault Duster in Australia.

In questo mercato lontano, le culture dei marchi Dacia e Renault sono state messe da parte. La priorità è stata data al marchio Renault, la cui reputazione e la cui rete sono già ben consolidate in questo Paese. Sarebbe stato troppo costoso creare una rete Dacia da zero in Australia.

In che modo la nuova identità del marchio rumeno coesisterà con quella di Renault, anch’essa in evoluzione? David Durand e Gilles Vidal, i rispettivi direttori del design di Dacia e Renault, hanno già dovuto coordinare le loro matite per non confondere i pennelli.

Il re-badging è sempre di moda, al concorrente Stellantis non esitano a trasformare un’Alfa Romeo Tonale in una Dodge Hornet, venduta dall’altra parte del pianeta.

Renault Duster 3 interni

La prima Dodge elettrificata… è un’Alfa Romeo

Dodge ha semplicemente ridisegnato il cofano, la griglia e la fascia anteriore. Mentre la forma dei fari e delle luci non è stata rivista, le firme luminose sono state adattate all’azienda americana. A bordo sono state modificate solo le prese d’aria laterali, con un aspetto più spigoloso. Naturalmente, la base tecnica è la stessa, ma sotto il cofano la Hornet è adattata ai gusti americani.

Mentre il nostro Tonale inizia la sua carriera con blocchi da 130 e 160 CV, la Dodge è annunciata con un motore 2.0 turbo a quattro cilindri da circa 270 CV. Soprattutto, la Hornet è il primo modello Dodge con motore ibrido plug-in. Come l’imminente Tonale PHEV, il motore di base è un 1.3 a benzina, abbinato a un blocco elettrico da 90 kW montato sull’asse posteriore, con conseguente trazione integrale.

La potenza massima è leggermente superiore dall’altra parte dell’Atlantico, con circa 290 CV per la Hornet, rispetto ai 275 CV del Tonale. La capacità della batteria è la stessa, 15,5 kWh.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com