Tesla apre i suoi Supercharger ad altre marche!

Per il momento, non sappiamo se Tesla aprirà i Supercharger nel resto d'Europa.

Tesla apre i suoi Supercharger ad altre marche! Oltre alle auto ad alte prestazioni e a un universo high-tech piuttosto unico, Tesla ha anche conquistato i suoi clienti con una rete di stazioni di ricarica a loro riservata. I proprietari della Model 3, S o X sono sempre stati in grado di collegarsi a qualsiasi stazione di ricarica compatibile con il CCS.

Tuttavia, godono anche della loro rete di Supercharger lungo le autostrade dove nessun altro può collegarsi.

Ebbene, questo usufrutto esclusivo sarà presto un ricordo del passato. In un tweet dello scorso luglio, Elon Musk, il capo dell’azienda americana, ha dichiarato che la sua rete sarà presto aperta a tutte le auto elettriche. Come promesso, questa apertura è ora ufficiale.

Tesla apre i suoi Supercharger ad altre marche

Prima nei Paesi Bassi

Tuttavia, Tesla non sta aprendo i cancelli tutti in una volta. Il marchio sta effettuando una prima fase di test nei Paesi Bassi, in un piccolo numero di stazioni. La scelta del paese non è casuale, poiché è lì che il tasso di stazioni di ricarica per mille abitanti è il più alto. Chiaramente, è il luogo più “favorevole” per iniziare ad aprire i Supercharger agli altri, poco a poco. E non sarà gratis: se i clienti Tesla beneficiano di un chilowattora a 24 centesimi, quelli che non hanno una Tesla dovranno pagare 54 centesimi.

Se vogliono la tariffa preferenziale Tesla, dovranno sottoscrivere un abbonamento di 13 euro al mese. Per il momento, Tesla non dice se aprirà i Supercharger nel resto d’Europa. Secondo la linea ufficiale, questo costo extra è dovuto alla gestione necessaria per aprire la rete di stazioni di ricarica, ma è soprattutto un modo per Tesla di far pagare agli altri produttori la redditività delle sue stazioni di ricarica, visto che sono stati lenti a reagire.

L’apertura dei Supercharger solleva anche delle domande: cosa succederà a Tesla senza uno dei suoi punti forti, cioè l’esclusività della rete? Le vendite rimarranno forti, specialmente se le stazioni sono più spesso occupate da altre marche?

Una cosa è certa: Tesla è in un ottimo periodo, in particolar modo dopo il mega-ordine di Hertz.

Tesla apre i suoi Supercharger ad altre marche dettagli

Ionity meno competitivo

In Francia, la ricarica nelle stazioni Ionity, rivali dei Supercharger Tesla, si paga al minuto. Questo è ovviamente interessante per le auto in grado di ricevere una potenza di carica molto alta, ma molto meno per quelle, come Stellantis, limitate a 100 kW o meno. Tuttavia, nei Paesi Bassi, la bolletta di Ionity è effettivamente per kilowattora, e la tariffa è di 0,79 euro!

Chiaramente, i Supercharger Tesla, anche senza l’abbonamento, sono molto più interessanti, anche se la potenza massima teorica è inferiore (250 kW per i Supercharger, 350 kW per Ionity).

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Un frontale a 3 artigli per la futura Peugeot 3008?

Le aziende minacciate dalla crisi dei semiconduttori

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media