Triumph Daytona 765: le caratteristiche della due ruote

La supersportiva inglese potrebbe rinnovarsi a breve con l'allestimento Euro5: nel frattempo, tuttavia, vediamo come si comporta la versione Euro4.

Triumph, la leggendaria casa motociclistica inglese, troppo spesso viene indicata come produttrice di modelli esclusivamente classic. Molte persone, infatti, si dimenticano che da oltre la manica sono arrivate enduro stradali come la Triumph Tiger 900, la hypernaked Triumph Speed Triple RS, e la supersportiva Triumph Daytona 765, modello che tratteremo oggi.

Triumph Daytona 765: motore 3 cilindri derivato dalla Moto2

Per chi non lo sapesse, il 3 cilindri montato sulla Triumph Daytona 765 è lo stesso utilizzato dai prototipi da competizione del campionato Moto2 (non a caso, la dicitura Moto2 è compresa nel nome del modello).

Con 765cc, quest’ultimo eroga 130cv a 12.250rpm, con una coppia massima di 80nm a 9.750rpm. Senza dubbio prestazioni da pista che sono quasi dovute, nel momento in cui si sceglie una motorizzione simile.

Da pista anche il pacchetto elettronico, con controllo di trazione, Ride by Wire e 4 mappe motore. Non dimentichiamoci però che siamo su strada, dunque l’ABS, normalmente insesistente nelle competizioni sportive, qui diventa d’obbligo.

I consumi non sono certo votati all’economia, ma c’è da dire che il serbatoio capiente (17,4L), aiuta a non terminare subito il carburante in caso di gite fuori porta.

Triumph Daytona 765: ciclistica che necessità di un circuito

Forse anche più del motore, ciò che rende la Triumph Daytona 765 una vera e propria bestia da pista, è il suo telaio, il quale si scinde tra anteriore (a doppia losanga in alluminio) e posteriore: pressofuso ad alta pressione composto da 2 pezzi. Il tutto in funzione di un peso a secco di soli 166kg.

Le sospensioni sono top di gamma:

  • forcelle rovesciate Öhlins racing NIX30 da 43 mm completamente regolabili per estensione, compressione e precarico all’anteriore.
  • monoammortizzatore Öhlins racing TTX36 completamente regolabile per estensione, compressione e precarico al posteriore.
  • 115mm e 131mm l’escursione (maggiore al posteriore, ad enfatizzare la verve da pista della Daytona 765).

Impianto frenante supersportivo, con il doppio disco da 310mm d’avanti ed il disco singolo da 220mm dietro.

Chiude il tutto una gommatura da alte prestazioni: 17′, 120/70 e 180/55 con entrambi gli pneumatici targati ZR (in grado di sostenere velocità superiori ai 240Km/h)

Triumph Daytona 765: il prezzo

Tagliamo corto, la Triumph Daytona 765 non è una moto entry-level, tutt’altro: con una componentistica di altissimo livello (parliamo sempre della controparte stradale dei prototipi Moto2), sia a livello di motore che di ciclistica, il prezzo di listino si attesta sui 18.765€ (non a caso ritorna il 765).

Moto non per tutti, sia economicamente parlando che in termini di prestazioni.

Scritto da Andrea Palumbo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Esame pratico per la patente: modalità di svolgimento della prova

Come sostituire l’antenna dell’auto: consigli e suggerimenti procedurali

Leggi anche
Leggi anche
Contents.media