Un’auto sportiva francese con motore V12 da 550 CV al Salone di Parigi

Un'auto d'altri tempi, fatta a mano come nessun'altra. L'eccezione culturale della mostra!

Al Salone di Parigi è stata mostrata una nuovissima auto sportiva con motore V12. Oltre a Citroën, tutti i marchi francesi erano presenti al Salone dell’Auto di Parigi, con Alpine, DS, Peugeot e Renault che hanno esposto i loro nuovi prodotti.

Ma non dimentichiamo quelli poco conosciuti dal grande pubblico, come Hopium e Nam X alimentati a idrogeno, o anche gli artigiani come Babieca. Quest’ultima è una piccola azienda di Tolosa che si è messa in testa di produrre un roadster biposto ad alte prestazioni.

In totale controtendenza rispetto ai SUV 100% elettrici che stanno invadendo il mercato, la struttura di José Cabrerizo, carrozziere e restauratore di auto, ha realizzato artigianalmente questo Cid Babieca.

Salone di Parigi: presentata un’auto sportiva francese con motore V12

L’uomo d’arte, il cui garage si trova a Cugnaux, a sud-ovest di Tolosa, ha fatto quasi tutto con le sue mani, lasciando l’elettronica a uno specialista del genere. Il compito è iniziato sette anni fa e ha ancora molto lavoro da fare, soprattutto nello sviluppo del telaio con l’ottimizzazione delle sospensioni. Il graal sarebbe poter produrre il Cid Babieca in piccole serie.

Quando ha interrotto la sua attività professionale, l’artigiano dalla mentalità critica si è detto: “Farò l’auto dei miei sogni senza commettere troppi errori, quella che corrisponde ai miei gusti personali”. Inoltre, ha aggiunto: “Voglio tenere la fiaccola del nostro tempo”. La Cid Babieca è una roadster minimalista con la ricetta del canale storico, il che significa che con il minimo di semi-guida, gli aghi hanno mantenuto il loro posto sul cruscotto.

auto motore V12 cid

Non c’è nemmeno il GPS, per sapere dove si va si consulta una cartina stradale, ci dice il proprietario, c’è spazio per stenderla sul cofano. Sotto il cofano c’è un blocco 6.0 V12 preso da una Mercedes Classe S, una trasmissione e un asse posteriore di una Nissan GT-R, il tutto collegato da un cambio manuale Tremec a sei rapporti. Per il resto, ha optato per un motore a carter secco fatto in casa e un airbox in carbonio di sua invenzione. Per non parlare dell’impianto di scarico in acciaio inox che promette un suono molto libero.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com