BMW Serie 2 Active Tourer: ora disponibile come ibrido plug-in

BMW aggiunge alla gamma della Serie 2 Active Tourer due versioni ibride plug-in che offrono fino a 326 CV.

La gamma della nuova BMW Serie 2 Active Tourer è stata ampliata con due motori ibridi plug-in, entrambi disponibili in qualsiasi livello di allestimento. Entrambe sono alimentate da un motore turbo benzina a tre cilindri che aziona le ruote anteriori e da un motore elettrico sull’asse posteriore, garantendo la trazione integrale.

Il motore elettrico è alimentato da una batteria da 14,2 kWh netti, sufficiente a percorrere poco più di 90 km con la sola elettricità nel ciclo WLTP, secondo le proiezioni di BMW.

BMW Serie 2 Active Tourer: una monovolume piuttosto muscolosa

Sotto il cofano della 225e xDrive, il motore a benzina sviluppa 136 CV e il motore elettrico 109 CV per una potenza combinata di 245 CV. Con un prezzo base di 45.300 euro, la 225e compete con la Mercedes B 250 e da 218 CV, un’auto a trazione anteriore che costa almeno 45.599 euro.

La 230e xDrive, con il suo aspetto da monovolume compatta, è al top della gamma con ben 326 CV (150 termici e 177 elettrici), sufficienti per accelerare da 0 a 100 km/h in soli 5,5 secondi. Il prezzo parte da 48.300 euro. Sebbene BMW presenti ora la Active Tourer come un crossover, la Range Rover Evoque P300e con 309 CV è molto più costosa, con 63.035 euro per l’entry level.

Lo stesso bonus di un’auto elettrica

Grazie alle emissioni di CO2 WLTP inferiori a 20 g/km, queste due BMW Serie 2 Active Tourer beneficiano dello stesso bonus CO2 dei modelli elettrici, ovvero 2.000 euro secondo la scala attuale. La Mercedes Classe B Plug-In Hybrid, con oltre 20 g/km, ha diritto a soli 1.000 euro. Per quanto riguarda l’Evoque P300e, il suo prezzo di oltre 50.000 euro, unito alle emissioni di CO2 superiori a 20 g/km, le impedisce di ricevere qualsiasi bonus.

BMW Serie 2 Active Tourer ibrida plugin

Gli interni

Gli interni della nuova BMW Serie 2 Active Tourer si presentano diversi rispetto al modello attualmente in commercio. Infatti nella versione 2021 sono evidenti in particolare cambiamenti a livello multimediale. BMW ha infatti optato per un doppio display che funge sia da tachimetro che da navigatore satellitare, sulla scia di quanto mostrato da Mercedes o dalla Lexus IS 2021.

Questo perché ormai tutte le case stanno accettando il fatto che le auto del futuro punteranno sulla tecnologia come ingrediente di principale attrattiva per i compratori. Sedili e volante non cambiano rispetto al modello ora in vendita. Per questo aspetto si è preferito mantenere un family feeling che fa immediatamente percepire di trovarsi a bordo di una BMW.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

MG ZS benzina: 16.990 euro che fanno tremare la Duster

Toyota Corolla Hybrid restyling: grande aggiornamento meccanico

Leggi anche
Contents.media