Citroën Oli: la visione del futuro SUV urbano 100% elettrico

Citroën presenta la sua visione del futuro, con un SUV urbano elettrico delle dimensioni di una Renault Captur.

Mentre il comunicato stampa suggeriva una sorta di Citroën AMI allungata, la scoperta della concept car Citroën Oli ci ha riservato una piacevole sorpresa. E ancora, è tutta una questione di distanza. Visto da lontano, questo piccolo SUV sembra rustico come una Jeep Willys.

Ma quando ci si avvicina e ci si guarda intorno, si scoprono molte sfumature, un nuovo logo e, soprattutto, un’estrema realizzazione per una concept car. La serie non è desiderata, ma potrebbe esserlo molto facilmente.

Citroën Oli: un parabrezza piatto ma… aerodinamico

I designer, guidati da Pierre Leclercq, volevano una silhouette carismatica. Un profilo nello stile di una 2CV o di una DS, immediatamente riconoscibile. Il prototipo Citroën Oli non manca di originalità, con il suo muso arcuato, la linea del tetto a sbalzo e soprattutto il parabrezza piatto che poteva essere ripiegato sul cofano, come una Jeep Willys.

Con una lunghezza di 4,20 m, offre un formato equivalente a quello di una Renault Captur con una filosofia molto diversa. Innanzitutto, la ricerca dell’aerodinamica non è stata una priorità: la velocità massima è infatti limitata a 110 km/h per preservare l’autonomia. Tuttavia, il flusso d’aria incanalato attraverso le bocchette scavate al centro dei fari e che emergono nella parte superiore del cofano crea un parabrezza inclinato “virtuale” alla maniera di alcune spider di lusso.

L’altro vantaggio di questo finestrino anteriore perfettamente verticale è che riduce il riscaldamento dell’abitacolo per effetto serra, evitando così di dover ricorrere all’aria condizionata.

Citroën Oli interni

Ruote in stile origami

Sebbene a prima vista siano essenziali, i passaruota sono molto elaborati, con un design a compasso che può ricordare lo stile Bauhaus e, più in generale, linee più architettoniche che automobilistiche. Le curve evocano anche le ali paffute della 2CV. Mentre il trattamento di piegatura dei cerchi si riferisce al processo di fabbricazione della Citroën FAF, l’alter ego metallico della Mehari, perfettamente calibrato per l’assemblaggio e l’utilizzo in terra africana. Si tratta di riferimenti perfettamente legittimi.

Il paraurti anteriore funge da gradino per salire sul cofano e sedersi sul tetto. Si può anche salire sul tetto, che è fatto di cartone riciclato rivestito di resina poliuretanica. La sezione posteriore combina una carrozzeria in stile pick-up con una sensazione da coupé.

Le porte posteriori antagoniste e l’assenza del montante centrale, migliore rispetto al SUV Ferrari Purosangue, offrono un accesso ottimale all’abitacolo, progettato per quattro persone. Il colore “infrarosso”, che sarà presente regolarmente nella gamma, contrasta fortemente con l’esterno in bianco e nero. Da notare l’ampia finestra sulla porta posteriore, che impedirà ai più piccoli di soffrire di claustrofobia.

Questa rientranza nella linea di cintura ricorda quella della Citroën C2. Nella parte anteriore, le finestre si aprono a parallelogramma ispirandosi ai mobili della cucina. È possibile guidare con il gomito sulla portiera come in una 2CV, ma senza il rischio di lesioni. Un riferimento che si trova a bordo.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Articoli correlati
Leggi anche
Contentsads.com